Skip to content

Il lavoro a progetto

Informazioni tesi

  Autore: Simone Bucciarelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Sergio Magrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

Il mercato del lavoro italiano ha visto negli ultimi decenni una crescita esponenziale dei lavoratori parasubordinati.
Il decreto legislativo n. 276 del 10 Settembre 2003 oltre ad aver modificato l’organizzazione del mercato del lavoro italiano e la disciplina dei contratti di lavoro già esistenti, come il lavoro a tempo parziale e l’apprendistato, ha introdotto nel nostro ordinamento delle figure lavorative alcune apparentemente mentre altre del tutto nuove, accomunate dalla caratteristica di avere un elevato livello di flessibilità, tra queste figure possiamo elencare il lavoro intermittente, il lavoro ripartito, ed il contratto di lavoro a progetto.
La riforma Biagi in sostanza ha ridisegnato la figura delle collaborazioni coordinate e continuative dando loro una sistemazione sostanziale attraverso l’introduzione della fattispecie del lavoro a progetto.
Sul versante delle caratteristiche del rapporto in questione vi è stato un ampio dibattito in dottrina relativo alla natura di tale rapporto, sostanzialmente è stata rigettata la tesi che considerava il lavoro parasubordinato come un “tertium genus” ulteriore al lavoro subordinato ed autonomo, ed è stata invece premiata l’idea di chi sosteneva l’appartenenza della categoria alla sfera del lavoro autonomo.
In pratica il legislatore sembra aver fatto propria l’idea di chi vedeva il lavoro parasubordinato come un lavoro autonomo caratterizzato dalla presenza di alcune caratteristiche comuni alla fattispecie del lavoro subordinato, caratteristiche che comunque non sembrano abbastanza rilevanti da snaturare la natura fondamentalmente autonoma del rapporto.
La natura “ibrida” di tali rapporti ha favorito l’abuso di pratiche tese a mascherare veri e propri rapporti di lavoro subordinato, ma ha anche offerto al mercato del lavoro ciò di cui aveva bisogno, cioè forme di organizzazione del lavoro più flessibili di quelle possibili con il solo ausilio delle due fattispecie principali cioè del lavoro subordinato e di quello autonomo.
La figura contrattuale che storicamente ha identificato  il lavoro parasubordinato e che ha costituito la fonte principale del rapporto parasubordinato prima dell’introduzione della figura del lavoratore a progetto è il contratto di collaborazione coordinata e continuativa.
Rientrano nell’area del contratto di collaborazione coordinata e continuativa una varietà di rapporti di lavoro autonomo sia ricompresi nella fattispecie del contratto d’opera, sia distintamente tipizzati e disciplinati dal codice civile come il contratto di mandato, il contratto di spedizione o quello di deposito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nella cultura italiana sembra radicata una debole propensione al cambiamento, indipendentemente dal fatto che ciò che si ottiene sia migliore o peggiore di ciò che si cambia. Questo approccio al rinnovamento interessa molti aspetti del comune vivere quotidiano ed è stato a lungo consolidato anche nella tradizione giuslavoristica del secolo scorso, che proteggeva esclusivamente la figura del rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno ed indeterminato. Nonostante la Costituzione imponga di superare ogni pregiudizio classista e di sostenere la rilevanza del lavoro in ogni sua forma 1, il disinteresse del legislatore a configurare un’analoga tutela anche per il lavoro autonomo era da considerarsi ragionevole. Infatti, il lavoro autonomo non annovera tra sue caratteristiche quella situazione di sottoprotezione e di soggezione socio-economica propria della subordinazione e pertanto non sarebbe meritevole di un trattamento protettivo analogo. 1 Art. 3, 4 Cost. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

30/2003
c.c.n.l.
co.co.co.
co.co.pro.
cocopro
collaborazione progetto
diritto del lavoro
diritto lavoro
dl. 276
economia vergata
lavoro
lavoro progetto
magrini
tor vergata

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi