Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I riflessi del federalismo fiscale sulla finanza locale

Il federalismo fiscale, argomento attualissimo dibattuto a tutti i livelli, resta ancora tutto da definire quanto a contenuti ed impatto economico. La legge 42 del 2009 ha pienamente attuato il dettato costituzionale del rinnovato Titolo V ma si è fermata ad una definizione dei principi che dovranno sottendere alla realizzazione del federalismo fiscale senza entrare nel merito delle scelte tributarie e finanziarie. La partita si gioca tutta sui decreti attuativi che saranno varati dal Governo d'intesa con la Conferenza unificata cercando la massima condivisione politica.
La tesi, giustificando il cammino federalista attraverso una ricca analisi storico-politica che parte dalle radici dell'Unità d'Italia per giungere sino ai nostri giorni, analizza la situazione attuale e le possibili scelte che si aprono nel panorama della rinnovata compagine istituzionale e tributaria, giungendo a risultati non sempre ovvi e scontati, anzi assolutamente imprevedibili.
Il federalismo fiscale non è solo una riforma fiscale, è un nuovo patto sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 99 - Il Governo può non raggiungere l’intesa con la Conferenza unificata e presentare comunque i decreti con relazione esplicativa. Così come può anche discostarsi dal parere delle Camere ripresentando il proprio intendimento e reiterando il decreto. Con riguardo alle nuove previsioni sui tempi d’attuazione bisogna evidenziare che a norma del comma 6 dello stesso articolo almeno uno dei decreti delegati dovrà essere adottato entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge 42. Inoltre, molte delle previsioni relative alla fase transitoria, sia nel passaggio al criterio del costo standard, sia nel trasferimento delle funzioni che nell’implementazione del nuovo sistema tributario, sono stata ancorate ad un periodo di cinque anni. 3.2. L’impatto economico e finanziario Provare a definire, a quantificare, quale sarà l’effettivo impatto della riforma sul sistema economico e finanziario del Paese è cosa ardua. In tutti questi anni anche i più convinti sostenitori del federalismo fiscale si sono mossi su un terreno accidentato, un ambito in cui la politica, come anche la dottrina, poteva solo ipotizzare i benefici della svolta federalista ma non aveva i mezzi per una concreta dimostrazione in termini quantitativi certi e credibili. I sistemi economici, si sa, sono scientificamente inquadrabili e verificabili ma la stessa dottrina spesso è divisa sulla valutazione delle mille variabili che li influenzano, ed oggi ancor più di ieri, elementi quali la globalizzazione, il terrorismo, l’inflazione, i cambiamenti climatici, i flussi migratori e l’attuale crisi economica, per certi versi inaspettata ed imprevista, rappresentano ulteriori condizioni dal peso incontrollabile e sicuramente imprevedibile.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giorgio Toto Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4285 click dal 28/10/2009.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.