Skip to content

Nushu: un'eredità al femminile che sta scomparendo

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Fabbri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Alessandra Lavagnino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

Il Cinese, la lingua degli uomini. Il Nǚshū, la lingua delle donne. Nata in una regione della Cina centrale, questa forma di scrittura non vuole essere un mezzo per ribellarsi all’autoritarismo maschile, ma per lo più una soluzione alternativa di espressione dei sentimenti femminili. Il nǚshū è scritto in caratteri, simili per stile agli hànzi, anche se composti da linee più curve e sottili; a differenza degli ideogrammi cinesi i caratteri nǚshū non rappresentano concetti concreti o astratti, bensì sillabe: si basano, infatti, sul dialetto parlato nelle province Jiāngyǒng e Dao, dove la vita, gli usi e i costumi delle etnie Hàn e Yáo si incontrano e si intersecano. Essendo la trascrizione del dialetto locale, questa forma di scrittura è perfettamente comprensibile agli uomini della regione, ma solo se viene letta loro: essi sono totalmente incapaci di comprendere uno solo dei caratteri nǚshū semplicemente guardandoli. La creazione di questa subcultura può in parte essere interpretata come una forma di ribellione delle donne cinesi, da sempre relegate ai margini di una società gestita e controllata quasi esclusivamente dagli uomini, ma l’aspetto principale dell’importanza di queste creazione è certamente la sua segretezza. Non solo le donne di Jiāngyǒng sono riuscite per secoli a tramandare questa scrittura di generazione in generazione facendo in modo che gli uomini non si interessassero ad essa, ma hanno mantenuto questa tradizione segreta al mondo esterno, a partire dalle province e regioni circostanti per poi passare all’intera Cina, dove il nǚshū è stato dapprima scoperto e proibito dagli invasori giapponesi, poi riscoperto e nuovamente vietato in epoca maoista, e infine casualmente ritrovato e finalmente portato alla luce da studiosi cinesi che hanno iniziato un lunghissimo lavoro di studio e traduzione degli oltre 1800 caratteri dai quali è formata questa lingua.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Capitolo I Introduzione Il Cinese, la lingua degli uomini. Il Nǚshū, la lingua delle donne. Tale dicotomia ha dominato l’universo linguistico cinese fino alla fine del XIX sec, quando, grazie soprattutto all’apertura dell’impero di mezzo all’Occidente, anche alle donne, per la prima volta, è stata data l’opportunità di accedere all’istruzione pubblica. Solo di recente l’accidentale ritrovamento di caratteri assimilabili agli ideogrammi cinesi, ma non appartenenti al medesimo sistema linguistico, ha destato l’interesse di sinologi, sociologi e antropologi di tutto il mondo. A causa del breve lasso di tempo intercorso da questa scoperta a oggi, la quantità di materiale in proposito risulta inadeguata alla vastità dell’argomento. Fondamentale il contributo di Xie Zhimin, casualmente entrato in contatto con questa scrittura, autore del Nǚshū Cídiǎn, l’unico dizionario che la traduce in caratteri cinesi1, e di Orie Endo, la prima giapponese ad avvicinarsi alla cultura nushu e una delle partecipanti più attive ai numerosi Simposi internazionali sul Nǚshū organizzati negli ultimi anni2. Superati gli iniziali dubbi relativi all’indipendenza di questi caratteri rispetto agli hànzi汉字, i caratteri cinesi, e assodata la loro appartenenza ad un sistema linguistico proprio, ne risultano tuttavia ancora incerti i tempi e i modi di origine3. Nata in una regione della Cina centrale, dove l’agricoltura costituiva la fonte di sussistenza primaria della popolazione, questa forma di scrittura non vuole essere un mezzo per ribellarsi all’autoritarismo maschile, ma per lo più una soluzione alternativa di espressione dei sentimenti femminili, spesso confinati nella “inner chamber” dove le donne cinesi trascorrevano l’intera giornata a tessere e ricamare abiti e scarpe per il proprio corredo nuziale. In questa parte dell’abitazione, proibita agli uomini, le ragazze trascorrevano l’intera giornata a svolgere lavori domestici; usavano riunirsi in piccoli gruppi di una decina di persone, tra le quali si venivano a creare veri e propri patti di sorellanza, jiébài zǐmèi结拜姊妹, indissolubili anche dopo il matrimonio delle giovani. Proprio qui, le mogli e le figlie dei contadini solevano raccontare storie riguardanti eroine cinesi e intonare canti improvvisati esprimendo le proprie gioie e i propri 1 “Dictionary of Unique Women’s Language Published in China”, http://www.china.org.cn/english/2003/May/65878.htm. 2 Orie Endo, “The Report on the Present Situation of Nushu and Its International Symposium Held in China”, http://www2.ttcn.ne.jp/~orie/symposium.htm. 3 W. Chiang, We Two Know The Script; We Have Become Good Friends, New York, 1995, p. 49.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cina
donne
nushu
nǚshū cina
scrittura cinese
scrittura femminile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi