Skip to content

Misurare le performance del marketing. Le logiche del controllo applicate alle attività di distribuzione.

Informazioni tesi

  Autore: Thaila Bologna
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Economia
  Corso: Consulenza Amministrativa e Professionale
  Relatore: Bruno De Rosa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 228

Gli ultimi decenni sono stati oggetto di profondi mutamenti economici a livello mondiale. Incessanti cambiamenti macroeconomici – come l’allargamento dell’Unione Europea, con i conseguenti vincoli imposti dalle norme introdotte dai paesi che la compongono, e la globalizzazione – ma anche a livello microeconomico – come il cambiamento nelle esigenze e nei gusti dei consumatori, l’introduzione di nuovi mezzi d’informazione e la crescente importanza data all’information technology – hanno introdotto all’interno del mercato, ed in particolare nel settore imprenditoriale, un livello di competitività mai registrato prima. A complicare il quadro si aggiunge anche un’inversione di tendenza: dall’eccesso di domanda, con un orientamento delle imprese alla produzione ed al contenimento dei costi , si è passati gradualmente ad una contrazione negli acquisti dei consumatori, che ha determinato un eccesso di offerta. L’orientamento alla produzione non era più perseguibile e le aziende più innovative si sono volte a ricercare i bisogni del cliente. Questo cambiamento ha posto le aziende di fronte ad un processo critico, poiché non era più sufficiente prestare attenzione alle sole funzioni di approvvigionamento e di distribuzione, ma andava ricercata una nuova area di responsabilità che si ponesse come obiettivo prioritario la soddisfazione del cliente: grazie a queste necessità il marketing fa il suo ingresso nel mondo economico. Dopo un rapido sviluppo dell’approccio al marketing, le imprese in breve tempo si trovano di fronte ad un doppio problema: da un lato il bisogno di fronteggiare le diverse esigenze dei vari segmenti di clienti per mantenere o incrementare la quota di mercato con l’obiettivo di aumentare i ricavi, dall’altro la necessità di attuare una strategia di posizionamento ideale a soddisfare non solo i consumatori, ma soprattutto l’impresa stessa, al fine di contenere i costi. Da queste prime considerazioni è possibile banalmente dedurre che l’obiettivo principale di ogni azienda “profit” dovrebbe essere quello di riuscire a trovare una metodologia di miglioramento e di massimizzazione del risultato economico. In quest’ottica si pongono in luce due sezioni aziendali a cui possono essere ricondotti gli obiettivi “funzionali” di contenimento dei costi ed eliminazione degli sprechi, attraverso l’implementazione delle logiche fornite dal Controllo di Gestione da un lato, e quelli di massimizzazione dei ricavi, grazie alle metodiche proprie del Marketing, dall’altro. La maggior parte delle aziende, però, pur disponendo di ottimi supporti informatici e di elaborazione dei dati, non si è mai preoccupata di riuscire a trovare una sinergia tra queste due funzioni che, se venisse sviluppata in maniera corretta, ad avviso dello scrivente potrebbe portare a dei risultati migliori in funzione del raggiungimento degli obiettivi strategici aziendali di breve, ma soprattutto di medio e lungo periodo. L’analisi del rapporto che si potrebbe istituire tra queste due funzioni aziendali è solo da poco oggetto di studio ed è, pertanto, materia ancora in fase di sviluppo . Il presente elaborato intende fornire un contributo per enfatizzare questo approccio, facendo luce su un argomento che al momento attuale viene preso in considerazione solamente da poche aziende leader di settore e di grandi dimensioni e da alcuni illustri studiosi di marketing e di controllo. In questo lavoro verrà sottolineata l’importanza del contributo del controllo di gestione alle attività di marketing, attraverso l’esplicitazione di una stretta correlazione, e collaborazione, tra queste due attività che a prima vista potrebbero sembrare estranee l’una all’altra. Molte aziende sottostimano l’importanza dell’integrazione tra la funzione marketing e quella del controllo di gestione.
Si potrebbe pensare in maniera semplicistica che il controllo di gestione ed il marketing sono due entità separate che non hanno punti di contatto. Eppure non è così, perché il risultato economico è lo strumento di raccordo tra le performance provenienti dalle attività interne di controllo dei costi, e quelle derivanti dallo studio del mercato.
Il controllo di gestione si focalizza all’interno dell’azienda ed il suo obiettivo è la riduzione dei costi che può anche avvenire a scapito della focalizzazione esterna, vale a dire del marketing, il cui target è l’incremento della domanda da parte del consumatore, che può derivare da un ampliamento del mercato o da un’espansione della quota globale del portafoglio prodotti. La soluzione che tutte le aziende dovrebbero raggiungere risiede nell’equilibrio tra le due funzioni, cioè nella collaborazione, nella comunicazione e, di conseguenza, nella maggior comprensione tra controller e marketer.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
VI Introduzione Gli ultimi decenni sono stati oggetto di profondi mutamenti economici a livello mondiale. Incessanti cambiamenti macroeconomici – come l’allargamento dell’Unione Europea, con i conseguenti vincoli imposti dalle norme introdotte dai paesi che la compongono, e la globalizzazione – ma anche a livello microeconomico – come il cambiamento nelle esigenze e nei gusti dei consumatori, l’introduzione di nuovi mezzi d’informazione e la crescente importanza data all’information technology – hanno introdotto all’interno del mercato, ed in particolare nel settore imprenditoriale, un livello di competitività mai registrato prima. A complicare il quadro si aggiunge anche un’inversione di tendenza: dall’eccesso di domanda, con un orientamento delle imprese alla produzione ed al contenimento dei costi I , si è passati gradualmente ad una contrazione negli acquisti dei consumatori, che ha determinato un eccesso di offerta. L’orientamento alla produzione non era più perseguibile e le aziende più innovative si sono volte a ricercare i bisogni del cliente. Questo cambiamento ha posto le aziende di fronte ad un processo critico, poiché non era più sufficiente prestare attenzione alle sole funzioni di approvvigionamento e di distribuzione, ma andava ricercata una nuova area di responsabilità che si ponesse come obiettivo prioritario la soddisfazione del cliente: grazie a queste necessità il marketing fa il suo ingresso nel mondo economico. I In questo contesto la produzione risultava organizzata in maniera tale da rendere sufficientemente credibili le ipotesi poste a sostegno dei modelli manageriali tradizionali, quali ad esempio il modello del break even point utilizzato dalle imprese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi