Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sistemi comunicativi all'interno di Cosa Nostra

Da Pitrè a Hess, si è studiato e interpretato il fenomeno mafioso utilizzando un approccio di tipo culturalista, considerando appunto, la cultura mafiosa come una degenerazione della cultura siciliana. La mafia tradizionale sarebbe tipica di un ambiente arretrato e isolato.Cosa Nostra ha svuotato i principi fondamentali della tradizione siciliana del loro significato e li ha distorti. L’idea che la mafia sia un fenomeno esclusivamente meridionale legato all’arretratezza di certe aree è un illusione che fa comodo soprattutto ai mafiosi. Le mafie vanno ovunque ci sia denaro illecito, attività illegali da sfruttare.La mafia è un fenomeno multidimensionale. L’obiettivo del presente lavoro, è stato quello di analizzare l’evoluzione dei sistemi di comunicazione all’interno dell’organizzazione mafiosa. Si mette in evidenza come l’uso di internet sembra avere assunto importanza nelle pratiche comunicative di Cosa Nostra, interessata sempre di più ai cambiamenti e pronta alle trasformazioni sociali, così da utilizzare i social network come Facebook

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo Primo Spunti teorici di riferimento Premessa Negli ultimi quarant’anni, da quando ha preso avvio in Italia l’analisi empirica e sistematica delle organizzazioni mafiose, si è cercato in più modi di cogliere la complessità della mafia come forma di criminalità organizzata e ancor prima come sistema sociale e/o culturale; dall’idea di mafia e dei mafiosi come mediatori culturali violenti alla concezione dei mafiosi come imprenditori innovativi, ovvero come imprenditori della protezione/estorsione violenta. In poco più di vent’anni si è realizzato un completo rovesciamento dell’immagine della mafia promossa e accettata dagli studiosi; si è passati dall’idea che la mafia fosse il prodotto culturale di una società caratterizzata da arretratezza ad una visione della mafia come effetto e agente di modernità, sino alla crescente diffusione dell’immagine – offerta dalle indagine della magistratura e

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Consuelo Serio Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2252 click dal 05/11/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.