Skip to content

Le forme aggregative di edifici storici di pregio ad uso alberghiero a livello europeo (Francia, Gran Bretagna e Irlanda)

Informazioni tesi

Sviluppo turistico e valorizzazione dei beni culturali
  Autore: Caterina Rota
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2008
Docente/Relatore: Paolo Rizzi
Istituito da: Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e Cremona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

Case Study del Master MUST che tratta di una variente del turismo culturale, dove si riscontra l'abbinamento del fattore storico e culturale della ricerca del bello con l'immersione e esperienza di vita in ambienti raffinati e lussuosi, con la ricerca della differenzazione della dimora inserita in una catena alberghiera.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 IL TURISMO IN DIMORE DI PREGIO: UN FENOMENO IN ASCESA Il turismo in dimore di pregio è una variante del turismo culturale in senso classico. Attraverso questa segmentazione, si è creato un sub-mercato turistico con un forte livello competitivo che sta assumendo visibilità e riconoscimento, distinguendosi per la volontà di abbinare il fattore storico e culturale alla ricerca del bello, non soltanto come contemplazione e visita, ma proprio come immersione e esperienza di vita in ambienti raffinati e lussuosi. Anche se nei paesi europei è un elemento di prestigio dell’offerta turistica già da diversi anni, ha ancora connotazioni di nicchia e d’elitè, forse perché nasce dall’esigenza di scoprire e apprezzare itinerari artistici, culturali e gastronomici poco frequentati dalle masse ma vicini alle mete artistiche più importanti, in strutture ricettive non codificate dall’estetica moderna delle catene alberghiere contemporanee, negli arredamenti e negli spazi e che per questo, offrono un servizio con un tale livello qualitativo che si differenzia notevolmente dai semplici standard anonimi, richiedendo un prezzo di mercato più elevato. Le catene alberghiere contemporanee vengono definite “non luoghi”, ovvero spazi per il tempo libero o per gli spostamenti, dove la “mediazione che stabilisce un legame degli individui con l’ambiente passa attraverso i luoghi comuni” 1 del linguaggio e delle immagini, diventando un luogo non identitario, non storico, non relazionale. Al contrario, chi gestisce dimore d’epoca ad uso alberghiero ricerca proprio la differenziazione, non soltanto verso gli hotel moderni standardizzati, ma anche verso le altre strutture di pregio, all’interno o no di catene o associazioni. La cultura identitaria della struttura verso la sua zona d’appartenenza è fondamentale: chi soggiorna ha l’esperienza di vivere una vita privilegiata nei luoghi che, storicamente e culturalmente, erano sempre stati le scene della vita quotidiana delle elitè, nobiliari o borghesi che fossero. La ricerca del bello, dell’estetica del particolare finalizzato al godimento visivo, della protezione e della conservazione delle opere d’arte presenti, di paesaggi agresti curati e non contaminati dalle folle e dal traffico, fanno dei soggiorni nelle dimore storiche uno “status symbol”. La filosofia imprenditoriale studia gli stili di vita del turista moderno, attraverso i bisogni “ che fanno riferimento alle categorie di prestigio, riconoscibilità, fama e i bisogni individuali di conoscenza ed espressione di sé” 2 , le esigenze, ovvero “ le forme assunte dai bisogni umani, plasmati dalla cultura e dalla personalità individuale, attraverso oggetti che soddisfino tali bisogni” 3 e le richieste “scegliendo prodotti che generino la massima soddisfazione in rapporto al loro potere 1 Marc Augè “ Non luoghi” ed. Elenthera 1993 ( Milano) p. 4 2 P. Kotler- J.Bowen-J. Makens “ Marketing del turismo” Mc Graw-Hill ( Milano-New York ) p.5 3 Ibidem p.6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

associazioni di marchio
branding
canali distributivi
catene alberghiere
classificazioni alberghiere
consorzi alberghieri
dimore di pregio ad uso alberghiero
franchising
management contract
marchi europei di successo
network
posizionamento del prodotto turistico
ricerca el bello, della storia e delle tradizioni
standard qualitativi dell'offerta turistica
strutture organizzative
trademark
turismo culturale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi