Skip to content

Determinazione di Metalli in tracce nella neve antartica: studio della loro provenienza tramite analisi dei fattori principali

Informazioni tesi

  Autore: Michele Granzotto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Chimica Industriale
  Relatore: Carlo Barbante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

I ghiacciai polari sono ottimi archivi climatici ed ambientali, in quanto, negli strati successivi di ghiaccio depositatosi nel corso degli anni, sono presenti anche specie inorganiche in quantità riferibile ad eventi naturalmente accorsi nel corso della storia del pianeta. Per fare alcuni esempi, il diverso rapporto tra gli isotopi dell’ossigeno 18O/16O rilevato lungo gli oltre 3300 m di lunghezza del carotaggio effettuato presso la stazione scientifica italo-francese di Dome C, in Antartide, ha dimostrato che nel corso dei secoli il clima del pianeta ha subito delle variazioni cicliche con periodi glaciali alternati a periodi interglaciali (EPICA community members, 2004) oppure l’eruzione del vulcano Krakatoa nel 1883 è ben rilevabile nel ghiaccio antartico corrispondente a quel periodo per l’elevato contenuto di acidità solforica (Shaw G.E.,1989). Anche la quantità di Pt nel ghiaccio della Groenlandia è in stretta correlazione con l’andamento della produzione di questo metallo nelle regioni artiche della Russia (Barbante C. et al., 2003). La determinazione delle concentrazioni d’alcuni composti e/o elementi in strati successivi di ghiaccio fornisce le informazioni necessarie sia a comprendere quale potrebbe essere l’evoluzione del clima sulla terra (climatologia), sia a capire quali sono i processi ambientali esistenti naturalmente, sia inoltre a quantificare l’impatto dell’attività umana nell’ecosistema terrestre. Quest’ultimo aspetto ha sollevato parecchi motivi di discussione presso l’opinione pubblica mondiale (effetto serra, surriscaldamento del pianeta, protocollo di Kyoto ecc.).
Dal punto di vista del chimico analitico, le analisi necessarie a fornire i dati richiesti dagli studi appena menzionati costituisco una sfida notevole. Infatti, le quantità relative degli analiti d’interesse sono dell’ordine dei ppt (1 ppt = 10-12 g g-1).
Esiste quindi la doppia necessità sia di tecniche strumentali con sensibilità elevata che di procedure operative tali da prevenire la contaminazione dei campioni analizzati. Infatti, per il campionamento e analisi si fa uso di materiale ultra pulito, di locali adatti (clean room, cappe a flusso laminare), di reagenti e solventi ad elevata purezza, di strumenti ad alta sensibilità.
Inoltre, le quantità di campione da esaminare sono in genere limitate, sia perché gran parte di queste ricerche sono condotte congiuntamente da più enti di ricerca, sia perchè ogni campione va decontaminato (Planchon F.A.M. et al., 2001) .Un’altra necessità che s’incontra in questo tipo di studi è quella del trattamento dei dati raccolti; essendo quelli descritti sistemi complessi, la descrizione completa di questi fenomeni comporta l’analisi contemporanea di tutte le variabili interessate dal fenomeno. Si rende, quindi, necessario l’utilizzo di tecniche statistiche d’analisi multivariata, in grado di estrarre informazioni significative da set numerosi di dati, quantificando il peso (leggi l’importanza) di ciascuna variabile nel sistema in esame.
Questo è il contesto su cui si sviluppa questo lavoro di tesi. Nell’ambito di un progetto congiunto tra l’istituto coreano di ricerca polare (KOPRI) e l’Università di Venezia, nel Dipartimento di Scienze Ambientali di quest’ultima si è determinato le quantità d’alcuni metalli (e di un non metallo con proprietà semi metalliche) tramite ICP-SFMS (inductively coupled plasma sector field mass spectrometry) in campioni di neve antartica campionate dai ricercatori coreani presso due siti posti in prossimità della Ingrid Christensen Coast (costa orientale dell’Antartide). I dati da noi acquisiti, assieme a quelli raccolti dal KOPRI (su altre aliquote degli stessi campioni) sulle quantità d’alcuni indicatori ambientali, sono qui analizzati mediante analisi monovariata (correlazione) e multivariata (PFA – Principal Factor Analysis), al fine di poter dare una descrizione dei processi naturali (ed eventualmente antropici) che concorrono alla presenza degli analiti indagati sulla neve antartica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi dei fattori principali
icp-ms

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi