Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le joint venture internazionali, uno studio empirico sulle joint venture italiane con partner esteri

L'oggetto di questa tesi è rappresentato dall'accordo di joint venture internazionale.
La tesi è divisa in tre parti: una prima parte introduttiva e teorica riguardante la definizione di joint venture, i vantaggi e gli svantaggi di una joint venture nel processo di internazionalizzazione; la seconda parte è rappresentata dagli approcci metodologici allo studio specifico effettuato: la costruzione di una database di imprese italiane che hanno istaurato una joint venture con uno o più partner esteri nel 2007 e nel 2008; l'ultima parte riguarda l'analisi dei dati ottenuti in riferimento ai paesi oggetto dell'investimento di joint venture, dei settori coinvolti e del rapporto con le dimensioni dell'impresa italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Oggetto di questa tesi è l’analisi di una delle forme d’internazionalizzazione d’impresa più utilizzate: la joint venture societaria internazionale. Nello specifico si potrà constatare come nella prassi delle imprese italiane, questa tipologia di accordo sia utilizzata maggiormente ai fini di un’espansione internazionale incentrata sulla riduzione dei propri costi di manodopera, sulla creazione di alleanze o di vere e proprie nuove entità giuridiche in accordo con imprese locali per sfruttarne i vantaggi in termini di localizzazione e di esperienza sul mercato di destinazione. Lo studio si offre come una “mappatura” delle principali joint venture effettuate da imprese italiane con partner esteri negli anni 2007 e 2008. Ai fini del lavoro di ricerca sono state considerate le joint venture effettivamente realizzatesi negli anni citati e documentate da articoli del maggiore quotidiano italiano d’informazione economico-finanziaria: il Sole24Ore. I dati ottenuti sono stati inseriti all’interno di un database che è stato poi elaborato per mettere in risalto una tendenza per quel che concerne le caratteristiche più comunemente osservate. La tesi è strutturata in tre parti principali più una parte introduttiva e una conclusiva. Il primo capitolo si offre come descrizione del fenomeno dell’internazionalizzazione d’impresa, dei motivi e dei modi con cui questa è attuata dalle imprese e degli accordi ivi riscontrabili. Si introduce poi nel dettaglio la tipologia della joint venture societaria internazionale, quali siano, in accordo con la letteratura presente, gli obbiettivi e i metodi di attuazione con particolare attenzione al comportamento delle imprese italiane e alla destinazione di questo tipo d’investimento. Il secondo capitolo introduce lo studio vero e proprio, una descrizione del database che è stato costruito con particolare attenzione alle variabili utilizzate e alla metodologia di ricerca delle informazioni. In questa parte avranno ampio risalto i problemi incontrati e saranno illustrate e motivate le scelte che hanno portato alla loro soluzione evidenziando, nello stesso tempo, i limiti dello studio stesso. Nel terzo capitolo saranno effettuate delle aggregazioni di dati e delle elaborazioni che meglio permetteranno di comprendere le dinamiche e le variabili più spesso riscontrate in un’operazione di joint venture internazionale. In particolare si evidenzieranno i settori e i Paesi che più degli altri attirano questo tipo d’investimento cercando di fornire una spiegazione alle differenze riscontrate.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Federico Taccia Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12129 click dal 17/11/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.