Skip to content

L'Atelier del Lupo nel Parco nazionale dell'Appennino tosco-emiliano

Informazioni tesi

  Autore: Paola Della Vecchia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze Ambientali
  Corso: Scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio
  Relatore: Pierantonio, Willy Tetè, Reggioni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

Il Lupo in Italia era specie diffusa fino agli anni ’20-’30; per via di un processo iniziato già dal secolo precedente, la popolazione italiana di Lupo ha subito una drastica riduzione numerica, fino a raggiungere negli anni ’70 il “minimo critico” di circa 100 individui su tutto il territorio italiano (Boitani, 1982). I motivi principali della rarefazione numerica sono strettamente legati all’attività dell’uomo: persecuzione diretta del Lupo in difesa del bestiame, rarefazione numerica delle prede selvatiche, frammentazione dell’habitat ottimale. A partire dagli anni ’70, il problema della conservazione del Lupo diventa elemento fondamentale all’interno del più generico tentativo di conservare la natura italiana, strettamente collegata a quella internazionale. Conservare il Lupo vuol dire proteggere non solo un importante elemento del patrimonio faunistico italiano, ma anche un elemento ecologico indispensabile per il mantenimento dell’equilibrio del sistema in cui è inserito. Il primo passo per la tutela della specie è legislativo: il Decreto “Natali” del 23 luglio 1971, che impone un divieto temporaneo alla caccia del Lupo, apre le porte a un percorso normativo nazionale che porterà alla protezione definitiva della specie con la Legge Nazionale 11 Febbraio 1992, n. 157.
Le attività mirate alla protezione del predatore cominciano a partire dall’anno 1971; nel Parco Nazionale d’Abruzzo viene avviato il Progetto “Operazione San Francesco”, che pone le basi per successivi progetti e sottolinea i punti critici nell’ambito della protezione del Lupo: ridurre il conflitto nel campo zootecnico tramite la pratica degli indennizzi e la progettazione di tecniche di protezione efficienti del bestiame; svolgere studi approfonditi su status, ecologia, etologia e biologia del Lupo; incentivare l’educazione ambientale; creare dei centri di recupero per esemplari di Lupo non in grado di sopravvivere in natura e aumentare il controllo dei cani rinselvatichiti. Nell’ambito della conservazione del Lupo un ruolo fondamentale è ricoperto dall’Educazione Ambientale (E.A.), settore di studi pedagogici e di pratiche di intervento nato tra gli anni ’60 e ’70 conseguentemente al fenomeno dell’estinzione di diverse specie selvatiche, che in quegli anni diventava sempre più evidente e repentino.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Il Lupo in Italia era specie diffusa fino agli anni ’20-’30; per via di un processo iniziato già dal secolo precedente, la popolazione italiana di Lupo ha subito una drastica riduzione numerica, fino a raggiungere negli anni ’70 il “minimo critico” di circa 100 individui su tutto il territorio italiano (Boitani, 1982). I motivi principali della rarefazione numerica sono strettamente legati all’attività dell’uomo: persecuzione diretta del Lupo in difesa del bestiame, rarefazione numerica delle prede selvatiche, frammentazione dell’habitat ottimale. A partire dagli anni ’70, il problema della conservazione del Lupo diventa elemento fondamentale all’interno del più generico tentativo di conservare la natura italiana, strettamente collegata a quella internazionale. Conservare il Lupo vuol dire proteggere non solo un importante elemento del patrimonio faunistico italiano, ma anche un elemento ecologico indispensabile per il mantenimento dell’equilibrio del sistema in cui è inserito. Il primo passo per la tutela della specie è legislativo: il Decreto “Natali” del 23 luglio 1971, che impone un divieto temporaneo alla caccia del Lupo, apre le porte a un percorso normativo nazionale che porterà alla protezione definitiva della specie con la Legge Nazionale 11 Febbraio 1992, n. 157. Le attività mirate alla protezione del predatore cominciano a partire dall’anno 1971; nel Parco Nazionale d’Abruzzo viene avviato il Progetto “Operazione San Francesco”, che pone le basi per successivi progetti e sottolinea i punti critici nell’ambito della protezione del Lupo: ridurre il conflitto nel campo zootecnico tramite la pratica degli indennizzi e la progettazione di tecniche di protezione efficienti del bestiame; svolgere studi approfonditi su status, ecologia, etologia e biologia del Lupo; incentivare l’educazione ambientale; creare dei 5 centri di recupero per esemplari di Lupo non in grado di sopravvivere in natura e aumentare il controllo dei cani rinselvatichiti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

area faunistica
educazione ambientale
lupo
parco nazionale dell'appennino tosco-emiliano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi