Skip to content

La nascita di Israele e l'Unità

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Tosto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Agatino Vittorio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

La tesi esamina il periodo storico della nascita di Israele attraverso un’analisi storica che si divide in due capitoli. Il primo capitolo, traendo spunto dal punto di vista dello scrittore israeliano Benny Morris, esamina con attenzione il periodo che va dalla Seconda guerra mondiale alla fine della guerra civile in Palestina e alla nascita di Israele con l’intenzione di capire fatti e decisioni che portarono alla Risoluzione 181 delle Nazioni Unite (un piano adottato in base alla decisione delle Nazioni Unite del 29 novembre 1947 che raccomandava la divisione della porzione occidentale del Mandato britannico in Palestina in due stati, uno ebraico e uno arabo) e poi alla nascita dello stato ebraico. La tragedia dell’olocausto, il “Programma di Biltmore” della leadership sionista nel 1942 (che auspicava la costituzione in Palestina di un Commonwealth ebraico nell’organizzazione di un nuovo mondo democratico alla fine del conflitto mondiale), il ruolo dell’Onu e il lavoro del Comitato speciale dell’Onu sulla Palestina (Unscop, creato nel maggio del 1947), il fondamentale ruolo svolto dagli Stati Uniti e dall’Unione Sovietica per indirizzare la Risoluzione dell’Onu verso la divisione della Palestina: tutti questi fattori sono stati decisivi per la nascita di Israele e, attraverso il loro esame, è anche possibile comprendere perché, dopo 61 anni, guerre, sangue e divisioni continuino a martoriare la Terra Santa.
Il secondo capitolo riprende il tema della nascita di Israele attraverso l’analisi dell’organo ufficiale del Partito comunista italiano, il quotidiano l’Unità. Dagli articoli, che riguardano il periodo che va dall’aprile 1948 al maggio del 1950, è possibile trovare una corrispondenza cronologica fra la linea editoriale del quotidiano riguardo la questione Palestinese e la posizione dell’Urss. L’Unità, infatti, supportò la nascita di uno stato ebraico in Palestina attraverso una durissima battaglia politica contro il governo italiano, considerato colpevole di seguire le posizioni anglo-americane, cercando anche di sensibilizzare l’opinione pubblica italiana riguardo temi di grande importanza quali la pace, la solidarietà tra popoli, l’unione delle classi lavoratrici ed operaie a dispetto delle divisioni religiose ed etniche. Il quotidiano comunista creò quindi una totale contrapposizione tra la “politica di pace” sovietica e la politica imperialistica anglo-americana, precisando che mentre l’Unione Sovietica agiva interamente nell’interesse dei popoli, Stati Uniti e Gran Bretagna stavano utilizzando il Medio Oriente solo per sfruttare le sue enormi ricchezze, incitando così ad una vera e propria “guerra del petrolio” tra la popolazione araba ed ebraica al solo scopo di mostrare la necessità della loro presenza in Palestina. Anche l’Unione Sovietica, però, utilizzò le medesime tecniche degli anglo-americani al fine di estendere la propria influenza nell’area mediorientale, cercando di cacciare gli inglesi dalla regione ed anche tentando di installare un governo alleato a Tel - Aviv. Dunque, la Palestina per entrambe le superpotenze non era altro che uno dei tanti fronti lungo i quali si combatteva la Guerra Fredda e questa lotta tra sovietici ed americani influenzò drammaticamente il futuro di quella regione: la drammatica conferma di ciò risiede nell’attuale irrisolvibilità del problema palestinese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’obiettivo della tesi è quello di esaminare il periodo storico relativo alla nascita ed ai primi anni di esistenza dello stato d’Israele, attraverso un’analisi storica che si divide in due capitoli. Nel primo capitolo, traendo spunto dal punto di vista dello storico israeliano Benny Morris, viene approfondito il periodo intercorrente tra la seconda guerra mondiale e la fine della guerra civile in Palestina nel maggio del 1948, con il preciso intento di comprendere l’insieme di fatti e decisioni che portarono prima alla Risoluzione 181 delle Nazioni Unite del 29 novembre 1947, che sancì la spartizione della Palestina in due Stati, uno arabo ed uno ebreo, e poi alla nascita dello Stato ebraico il 15 maggio del 1948. La seconda parte della dissertazione, invece, si propone di spiegare la comparsa sulla scena internazionale di Israele analizzando il punto di vista che ebbe, in relazione a questo avvenimento di fondamentale importanza, il quotidiano l’Unità, organo del Partito Comunista italiano; gli articoli, ricercati grazie all’archivio storico online del giornale, ricoprono il periodo che va da aprile del 1948 a maggio del 1950. Per dare la necessaria validità e veridicità a tale ricerca, è stato ovviamente necessario considerare con grande attenzione l’epoca nella quale si è inserita la fondazione dello stato ebraico, facendo riferimento ad una situazione geo-politica ancora sconvolta dal secondo conflitto mondiale, con all’orizzonte lo scenario della Guerra Fredda e della “cortina di ferro” che avrebbe inevitabilmente diviso per i decenni successivi i blocchi di paesi fedeli alle due superpotenze vincitrici della guerra. E proprio il ruolo delle superpotenze, unito alla presenza di una potenza coloniale come la Gran Bretagna (seppur in netto declino in termini di potenza politica ed economica), risultò assolutamente decisivo nella composizione della questione palestinese, indirizzando inizialmente il futuro di questo piccolo lembo di terra che si affaccia sul Mediterraneo verso un progetto di spartizione che poi non vide mai la luce. Si potrà dunque evincere come tutte le problematiche oggi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi