Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La costruzione musicale del sapere: le Speculationi di musica (1670) del matematico Pietro Mengoli (1625 – 1686)

Nella tesi viene discussa la natura della musica nella classificazione del sapere della seconda metà del XVII secolo: non ancora inquadrata nel paradigma estetico settecentesco, la musica si configura come sapere scientifico ubicato tra matematica e fisica, tra computo logaritmico e fisica del suono. Presente in questa accezione in tutte le principali istituzioni culturali bolognesi, alla musica spetta un ruolo di primo piano anche in relazione allo sviluppo del sapere e delle metodologie scientifiche dell’epoca. In questo contesto, le Speculationi di musica o Musica speculativa (1670) del matematico bolognese Pietro Mengoli, docente universitario nell’Alma Mater, costituiscono un significativo esempio di come è pensata e insegnata la filosofia della musica nell’Università bolognese del XVII secolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'oggetto di questa dissertazione è uno scritto musicale della seconda metà del Seicento, le Speculationi di musica, pubblicato a Bologna nel 1670 dal matematico Pietro Mengoli (1625-1686). Nell'opera del matematico bolognese, l'esperienza musicale è indagata nella sua totalità: dal suono come fenomeno fisico alla percezione uditiva alla conoscenza degli intervalli musicali. Mengoli ci presenta un modello secentesco di costruzione dell'esperienza sonora che richiede l'apporto di diverse discipline: la filosofia della natura spiega il fondamento fisico e naturale dell'evento sonoro (la produzione e la propagazione del suono); l'anatomia e la fisiologia per argomentare la conduzione sonora all'interno dell'orecchio; la matematica completa l'esperienza musicale nella conoscenza degli intervalli. La musica è per Mengoli un sapere che per realizzarsi convoca a sé altre discipline, le quali permettono di unificare l'esperienza musicale nella sua totalità. Da un lato, dunque, troviamo i vari saperi che si accordano per conferire unità e coerenza logica all'esperienza musicale; dall'altro, la descrizione dell'esperienza musicale diventa il luogo privilegiato in cui le diverse discipline trovano applicazione: in questo senso, la musica si presenta come lo strumento che aiuta e promuove la diffusione di altri saperi. L’edizione delle Speculationi di musica risale al 1670 (sarà l’unica opera di Mengoli che verrà ristampata una seconda volta, nel 1673): lo scritto fa parte, quindi, della produzione dell’ultimo periodo del matematico bolognese. Le opere scritte in quest'ultimo periodo riguardano soprattutto indagini inerenti le matematiche medie o applicate, mentre nelle prime opere (ampiamente studiate da un punto di vista matematico) l'autore si era dedicato alla disciplina a lui più congeniale, anche in virtù del suo ruolo di Lettore nello Studio bolognese: la matematica pura. L'opera oggetto di studio si compone di venticinque speculazioni di carattere musicale, precedute da una “Dedicatoria”, un “Proemio”, e dalla “Historia naturale 4

Tesi di Dottorato

Dipartimento: storia della scienza

Autore: Federica Sargolini Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 753 click dal 20/11/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.