Skip to content

Gli istituti di clemenza prima e dopo la riforma costituzionale del 1992

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Angherà
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Saulle Panizza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

Gli istituti di clemenza – amnistia, indulto e grazia - affondano le loro origini molto indietro nel tempo, in ordinamenti ben diversi da quelli attuali. La ratio di tali istituti consiste nel rompere l’ordinaria vigenza della legge penale, qualora l’applicazione di essa in casi eccezionali non risulti opportuna per ragioni extra-sanzionatorie. Al fine di comprendere la differenza contenutistica tra i tre istituti, si può affermare brevemente che: - l’amnistia è un provvedimento “collettivo” - poiché riguarda una serie di reati individuati e commessi entro un certo periodo - l’indulto ha le stesse caratteristiche dell’amnistia fatto salvo che non estingue il reato, ma agisce solo sulla pena condonandola totalmente o parzialmente; - la grazia è un provvedimento “individuale” . La riforma del 1992 si occupò di rivedere la struttura dell’art. 79 cost. che disciplinava (e disciplina tuttora) solo i primi due istituti descritti, in seguito a problematiche legate all’abuso che di essi se ne era fatto a partire dal dopoguerra.
Nella vecchia formulazione, l’art. 79 cost. prevedeva che l’amnistia e l’indulto fossero concessi dal Presidente della Repubblica su legge di delegazione delle Camere e che non si potessero applicare a reati commessi successivamente alla proposta di delegazione. Questa concezione si traduceva in una sorta di autorizzazione all’esercizio di un potere, la cui titolarità spettava al solo Capo dello Stato. La ragione principale per cui si arrivò alla suddetta riforma fu, come già accennato, il notevole abuso di tali istituti (si noti che i provvedimenti di amnistia ebbero cadenza biennale tra il ’48 e il ’90!) con un conseguente declassamento degli istituti di clemenza e una riduzione del potere di deterrenza della legge penale; senza contare poi il difficile rapporto che, a seguito dell’abuso, si veniva a creare tra istituti di clemenza ed altri istituti previsti all’interno della Costituzione, come ad esempio l’uguaglianza. La loro armonizzazione sarebbe potuta avvenire solo se dei primi ne fosse stato fatto un uso coerente con le finalità originarie previste dal Costituente. La necessità di una riforma che toccasse proprio la struttura dell’art. 79 cost., si concretizzò nella Legge Costituzionale del 6 marzo 1992 n°1, la quale sancì che l’amnistia e l’indulto sono deliberati a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna camera, in ogni suo articolo e nella votazione finale, che la legge stessa stabilisce il termine per la loro applicazione e che non si possano applicare a reati commessi successivamente alla presentazione del ddl. Come si può notare, l’ultima disposizione del nuovo art. 79 resta invariata: ciò che cambia è l’attribuzione del potere di clemenza non più al Presidente della Repubblica ma solo al Parlamento, e l’introduzione di un quorum aggravato che renda più ardua l’approvazione della legge di “perdono”. Quest’ultima disposizione va però interpretata in maniera restrittiva, nel senso che agli articoli della legge che prevedono l’esclusione dal beneficio non può applicarsi tale quorum, poiché renderebbe più difficile la loro approvazione. L’ultimo aspetto che merita di essere ricordato è se esista o meno la possibilità per la Corte Costituzionale di sindacare la legge di clemenza: la risposta è affermativa, purché tale sindacato si limiti alla verifica dell’esistenza del quorum previsto e all’effettiva presenza di circostanze eccezionali che legittimino l’emanazione della stessa. In altri termini, non è oggetto di sindacato costituzionale il contenuto dell’atto, ma la sua validità legale e la sua ragionevolezza. In conclusione, il Presidente della Repubblica ha assistito ad un progressivo spostamento dei poteri di perdono da lui al Parlamento, fermo restando quello di grazia che resta una sua prerogativa. Proprio in riferimento a questo potere, non è però da sottovalutare l’influenza esercitata dalla prassi instaurata e dall’iter previsto: la prima, in un certo senso riduce l’esercizio di tale potere a fronte delle prerogative che nello stesso ambito sono reclamate dal Ministro di Grazia e Giustizia (proposta, controfirma..), mentre il secondo, prevedendo una serie di pareri positivi e vincolanti da parte di altri organi al fine di inviare o meno la domanda di grazia al Presidente, contribuisce a demolire la vecchia concezione che di tale potere si aveva (la quale lo inquadrava come potere supremo!), specialmente quando spettava al Sovrano. Il Capo dello Stato, quale organo rappresentante dell’unità nazionale/costituzionale, rischia di esercitare una sorta di “ruolo espiatorio”, poiché responsabile degli effetti di taluni atti specialmente nei confronti dell’opinione pubblica - la quale necessita, anche per esigenze in un certo senso psicologiche, di un soggetto a cui attribuire le eventuali colpe o meriti - e nei confronti del quale far confluire tutte le decisioni/opinioni alle volte insufficientemente giuste.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Amnistia, indulto e grazia sono istituti che affondano le loro radici molto indietro nel tempo, in ordinamenti basati su principi essenzialmente in contrasto con quelli delle attuali costituzioni democratiche occidentali. Nei regimi monarchici infatti, il Re non era subordinato alla legge bens solo a regole morali e religiose, per le quali rispondeva innanzi a Dio; di conseguenza, il suo potere di grazia poteva essere considerato come un modo di esercitare la funzione giurisdizionale secondo equit e giust izia, esattamente come un potere di sospensione dell efficacia di atti normativi e di dispensa dalla loro osservanza(1). Lo Statuto Albertino del 4 marzo 1848, ad esempio, sanciva all art .8 che Il Re pu far Grazia e commutare le pene , ed era assimilabil e all attuale art. 87 della Costituzione il quale, a sua volta, oltre ad enunciare una serie di poteri spettanti al Presidente della Repubblica, indica al comma 11 il potere di concedere Grazia e commutare le pene . La ratio generale degli istituti di clemenza consiste nella volont di rompere l ordinaria vigenza della legge comune e della giurisdizione comune a fini liberatori ed, il presupposto sul quale essi si fondano, Ł il giudizio di inopportunit circa l applicazione in concreto della legge penale o 1 G. Zagrebelsky, Amnistia, indulto e grazia, profili costituzionali, GiuffrØ editore, Milano 1974, p. 1.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gli istituti di clemenza
istituti di clemenza
istituto di clemenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi