Skip to content

Brevetti farmaceutici e PVS. Il caso dell'India pre e post-TRIPs

Informazioni tesi

  Autore: Maria Romilda Marsiglia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Davide Infante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 190

Il lavoro di tesi mette in evidenza come le case farmaceutiche sfruttino, in maniera opportunistica, il brevetto farmaceutico al solo scopo di mantenere il proprio monopolio sul mercato. Il brevetto se da una parte incentiva la scoperta di nuovi farmaci, dall'altra fa lievitare il prezzo degli stessi. Quest'ultimo aspetto è moralmente problematico per i Paesi in Via di Sviluppo (PVS) che, non essendo in grado di pagare il prezzo di monopolio, non vengono considerati consumatori e pertanto non vengono serviti. Misure in grado di mitigare il problema dei prezzi sono la concorrenza del farmaco generico e la produzione locale dei farmaci. Con riferimento alla seconda soluzione, l'India offre un interessante caso di studio. Questo paese, in origine fortemente dipendente dalle importazioni farmaceutiche occidentali, è riuscito a sviluppare una forte industria del farmaco. Grazie ai vantaggi di costo e all'esperienza maturata nell'inverse engineering, l'India è stata in grado di produrre una grande quantità di farmaci generici di qualità a basso costo. In breve il paese è diventato il principale fornitore dei PVS tanto da essere etichettato dall'opinione pubblica come la "Farmacia dei Poveri". Nel 2005 l'India ha dato efficacia al TRIPs, la nuova disciplina per la difesa della proprietà intellettuale, e l'industria farmaceutica del posto ha riorientato la sua produzione. Gli investimenti in R&S sono cambiati sia qualitativamente che quantitativamente, è cresciuto l'intertesse per l'attività innovativa, mentre quella imitativa è passata in secondo piano. Le case farmaceutiche indiane creano alleanza con le case farmaceutiche occidentali ed esportano i propri farmaci prevalentemente nei paesi ad alto reddito (USA ed Europa) dove chiederne un prezzo più alto. Sembra che l'India stia diventando la "Farmacia dei Ricchi". Ciò significa che i PVS, oltre a dover sopportare un prezzo troppo alto (rispetto al loro livello di reddito) per i farmaci di cui necessitano, rischiano anche di perdere il loro unico fornitore: l'India.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Storicamente l arma competitiva essenziale nel settore farmaceutico Ł la creazione di nuovi farmaci, ovvero l innovazione di prodotto. La scoperta di nuovi farmaci, se opportunamente protetta dai brevetti, rappresenta la modalit piø efficace per mantenere nel tempo il vantaggio competitivo. I brevetti sono considerati fattori chiave nel settore farmaceutico dal momento che permettono alle aziende di recuperare i consistenti investimenti in ricerca e sviluppo e di essere ricompensate per il loro sforzo innovativo. Numerosi studi hanno messo in evidenza come, ai fini dell appropriabilit dei benefici pro venienti dall invenzione, il brevetto sia significativamente piø importante per l industria farmaceutica piuttosto che per le altre industrie High-tech La ragione di ci Ł rinvenibile nella caratteristiche del processo di R&S delle aziende farmaceutiche. La scoperta, lo sviluppo e l approvazione di un nuovo farmaco assorbe diverse centinaia di milioni di dollari, al contrario i costi di imitazione dello stesso, da parte delle industrie del generico, sono relativamente bassi. Il brevetto incentiva gli investimenti nella scoperta di nuovi farmaci proprio perchØ il monopolio che crea inibisce la concorrenza del generico garantendo cos il recupero della pesante spesa in R&S e l ottenimento di un profitto. Se il brevetto non esistesse sul mercato sarebbe presente un numero di farmaci inferiore a quello desiderabile. La nuova disciplina sul rafforzamento della propriet intellettuale TRIPs -Trade Related Aspects of Intellectual Property Rights, disegnata dai paesi membri piø industrializzati del WTO, mira proprio a superare il problema di un simile fallimento di mercato riconoscendo una tutela brevettuale ventennale su tutte le scoperte, incluse quelle farmaceutiche. Certamente la soluzione proposta evita una sottoproduzione di farmaci ma ne accresce il prezzo. I farmaci brevettati diventano piø costosi e quindi inaccessibili alle popolazioni povere che, non essendo a questo punto in grado di pagarne un prezzo, non costituiscono un mercato significativo e lucrativo, di conseguenza non vengono servite. E stato stimato che il 30% della popolazione mondiale non ha accesso ai farmaci di cui necessita. Le motivazioni di ci sono molteplic i dato il carattere multidimensionale del problema, ma il prezzo resta l argomentazione leader. Un indagine curata da Medici Senza Frontiere su 122 pazienti sottoposti in Nigeria al trattamento contro l AIDS, svel che il 72% della popolazione interruppe il trattamento dichiarando che la causa determinante di tale scelta fu la difficolt economica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brevetto
diritti di proprietà intellettuale
farmaci generici
india
industria farmaceutica
monopolio
paesi in via di sviluppo
trips

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi