Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di integrazione di Rossimoda nel gruppo LVMH

Nel settore del lusso, in questi ultimi anni, si tende a dare una crescente attenzione al processo produttivo, un tempo posto in secondo piano rispetto alla dimensione commerciale del settore. Questo ha portato molti giganti del lusso, principalmente marketing oriented, ad acquisire aziende production oriented. Così, il gruppo LVHM ha acquisito nel 2003 l’azienda Rossimoda, produttore di calzature di lusso.
Rossimoda, da quando è entrata a fare parte del gruppo LVMH ha subito una grande trasformazione mutando da una azienda prettamente familiare ad un’azienda con una struttura più manageriale, aumentando così la complessità organizzativa.
Il processo di integrazione che segue un’acquisizione, comporta spesso problematiche gestionali di rilevante entità. Per una acquisizione di successo, è necessario superare alcuni aspetti del processo integrativo, quali, ad esempio, la ristrutturazione manageriale dell’impresa acquisita, la condivisione di una comune cultura e la diffusione dei nuovi valori.
Questa tesi si pone l’obiettivo di analizzare come è avvenuto il processo di integrazione di Rossimoda dopo l’acquisizione da parte del gruppo LVMH, sottolineando le motivazioni strategiche sottostanti questa operazione, gli aspetti critici affrontati e i cambiamenti apportati. Da questa analisi si possono trarre alcuni importanti suggerimenti su come una holding del lusso può ottenere una migliore gestione della supply chain, attraverso l’acquisizione e la corretta integrazione di un’azienda calzaturiera fornitrice di diversi marchi in portafoglio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il processo di integrazione di Rossimoda nel gruppo LVMH 7 PREFAZIONE Nel settore del lusso, in quest i ult imi anni, si tende a dare una crescente attenzione al processo produtt ivo, un tempo posto in secondo piano rispetto alla dimensione commerciale del settore. Questo ha portato molt i gigant i del lusso, principalmente marketing oriented, ad acquisire aziende production oriented. Così, il gruppo LVHM, leader nel settore del lusso, con più di 70 aziende controllate o partecipate, e con un portafoglio che conta solo di pelletteria e fashion ben 12 marchi, ha acquisito nel 2003 l’azienda Rossimoda, produttore di calzature di lusso. Rossimoda, da quando è entrata a fare parte del gruppo LVMH ha subito una grande trasformazione mutando da una azienda prettamente familiare ad un’azienda con una struttura più manager iale, aumentando così la complessità organizzat iva. I l processo di integrazione che segue un’acquisizione, comporta spesso problemat iche gest ionali di r ilevante ent ità. Per una acquisizione di successo, è necessario superare alcuni aspetti del processo integrat ivo, quali, ad esempio, la ristrutturazione manageriale dell’impresa acquisita, la condivisione di una comune cultura e la diffusione dei nuovi valori. Questa tesi si pone l’obiett ivo di analizzare come è avvenuto il processo di integrazione di Rossimoda dopo l’acquisizione da parte del gruppo LVMH, sottolineando le mot ivazioni strategiche sottostant i questa operazione, gli aspett i crit ici affrontat i e i cambiament i apportati. Da questa analisi si possono trarre alcuni important i sugger iment i su come una holding del lusso può ottenere una migliore gest ione della supply chain, attraverso l’acquisizione e la corretta integrazione di un’azienda calzaturiera fornitrice di diversi marchi in portafoglio. I l primo capitolo si propone di definire il concetto di lusso, valutando l’importanza del suo valore simbolico: “Luxury brands are brands whose ratio of functional utility to price is low while that of

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Eva Dal Pozzo Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4366 click dal 30/11/2009.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.