Skip to content

L'immaginazione: temi e percorsi

Informazioni tesi

  Autore: Anna Franca Manca
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Filippo Sani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 242

Con questo mio lavoro intendo costruire un percorso tematico sull’immaginazione, che però non ha la presunzione di racchiudere tutto il sapere umano su tale argomento, poiché sarebbe un’impresa titanica, oltre che troppo ampia per lo scopo per il quale viene presentato questo lavoro.
Spesso questa capacità viene considerata un po’ la Cenerentola di tutte le altre competenze umane. Tenuta in poca considerazione, a favore della logica, viene a volte ridicolizzata, se non disprezzata. Mi è capitato di sentire insegnanti, nel caso di un bambino che non eccelle a scuola, dire “è un bambino che ha molta immaginazione, è molto creativo, ma….” Quel “ma” presuppone che manca nel bambino qualcosa di più importante nonostante la sua ricca immaginazione e fantasia. Altri studiosi hanno posto il problema di come certi bambini possano confondere immaginazione e realtà, e di come da adulti questo problema possa sfociare in problemi psichiatrici, avvicinando l’eccessiva fantasia alla follia.
Il mio lavoro, allora, vuole innalzare l’immaginazione, vuole porla in risalto, vuole dare a questa facoltà una nuova luce, una nuova linfa vitale. Educare all’immaginazione oggi è ancora importante. È triste sentire che “al giorno d’oggi i bambini non sognano più, non hanno immaginazione, non hanno fantasia”. E vero che la tecnologia, che ormai fa parte del quotidiano del bambino, influenza immaginario e immaginazione. Ma questo non significa che si perde la capacità di immaginare. Cambiano i modi e i contenuti certamente, ma immaginazione e immaginario rimangono elementi importanti nella vita del bambino e dell’uomo. Il mio lavoro vuole dimostrare che avere fantasia oggi, è ancora più importante di ieri, che vivere in una società come la nostra presuppone, sì una buona logica, una buona preparazione, un buon adattamento, ma serve anche immaginazione, creatività, capacità di reinventarsi ogni giorno. L’immaginario primitivo, di cui Durand scrive tanto, lo portiamo dentro di noi ancora oggi. E’ vero che si modifica, si adatta alle nuove esigenze, ma le radici su cui poggia l’immaginazione oggi vanno ricercate nell’immaginario antico. L’immaginazione porta con sé una ricchezza storica, comunicativa e pedagogica senza eguali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Con questo mio lavoro intendo costruire un percorso tematico sull’immaginazione, che però non ha la presunzione di racchiudere tutto il sapere umano su tale argomento, poiché sarebbe un’impresa titanica, oltre che troppo ampia per lo scopo per il quale viene presentato questo lavoro. I temi che ho intenzione di approfondire sono stati scelti in modo accurato. La selezione ha portato inevitabilmente a non presentare aspetti, caratteri e studiosi che hanno preso in esame il mondo dell’immaginazione, dell’immaginario e del meraviglioso. Un tema troppo ampio, che spazia in tutte le discipline umane: dalla storia all’antropologia, dalla psicologia alla pedagogia, alla sociologia, alla religione, alla filosofia… e l’elenco potrebbe continuare. Impossibile rendere completo uno studio approfondito su tutti questi aspetti, almeno in questo mio lavoro. Che cosa mi ha spinto a scegliere un argomento così ampio e insidioso, sotto alcuni punti di vista? La curiosità innanzitutto. Nella mia esperienza lavorativa, da tirocinante e da volontaria, a contatto con i bambini da anni, mi è sempre stato riconosciuto il pregio di avere una buona creatività e immaginazione. Vedendo quanto questa capacità mi ritorni utile, nella vita lavorativa sopratutto, l’idea di poter studiare e approfondire un argomento, a me così caro, mi sembrava interessante e proficuo. Un secondo punto che ha spinto a scegliere questo argomento, è legato al voler rivalutare in maniera positiva la capacità di immaginare ed essere creativi. Spesso questa capacità viene considerata un po’ la Cenerentola di tutte le altre competenze umane. Tenuta in poca considerazione, a favore della logica, viene a volte ridicolizzata, se non disprezzata. Mi è capitato di sentire insegnanti, nel caso di un bambino che non eccelle a scuola, dire

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aristotele
bettelheim
creatività
fantasia
fantasilandia
fiabe
funzione simbolica
harris
immaginario
immaginazione
lazarus
magia
meraviglioso
montessori
piaget
rodari
segno
simbolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi