Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stato e libero mercato: gli effetti dei dazi e delle concessioni fiscali sul commercio internazionale dei beni agricoli

Il commercio internazionale è frequentemente influenzato da normative statali, c.d. misure protezionistiche, nonostante le forti argomentazioni teoriche sui benefici del libero scambio. Le cause del particolare sostegno al settore agricolo sono di tipo politico (necessità di approvvigionamenti a costi ragionevoli di generi alimentari e fibre tessili,anche in caso di guerra; potere della lobby degli agricoltori); ed economico (dare stabilità al mercato, sostenere i redditi degli agricoltori, regolamentare gli scambi con l'estero per garantire gli approvvigionamenti di generi alimentari e fibre).
La tesi si propone di analizzare la misura protezionistica classica, il dazio all'importazione, ed un insieme di misure che va sotto la definizione di "concessioni fiscali", che pur appartenendo all'ambito del diritto tributario e non essendo prese in considerazione nè negli accordi internazionali nè voci di uscita nei conti pubblici, hanno effetti simili ai dazi in termini protezionistici.
L'analisi di queste misure è volta a proporre dei modelli per stimare l'impatto dei dazi e delle concessioni fiscali sul commercio internazionale di beni agricoli.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il commercio internazionale viene sovente condizionato od influenzato da fattori istituzionali e da disposizioni normative statali, che vengono designate come misure protezionistiche , nonostante le forti argomentazioni teoriche sui benefici generali del libero scambio. Tali misure possono assumere, tra le altre, la forma di dazi, contingenti alle importazioni, normative tecniche sull etichettatura o sulla sicurezza sanitaria dei prodotti, sussidi all esportazione, ovvero anche di normative che indirettamente favoriscono le esportazioni, quali le concessioni fiscali. Le argomentazioni a sostegno delle misure protezionistiche possono essere classificate in alcune categorie generali: tra le piø note vi sono la protezione dell industria nascente, la protezione della sicurezza nazionale e della salute pubblica, il miglioramento della bilancia dei pagamenti e la necessit di ottenere maggior gettito fiscale. Oltre a rientrare nelle suddette categorie generali, le cause del particolare sostegno al settore agricolo possono essere ricondotte principalmente a motivazioni politiche ed economiche e risultano strettamente interconnesse nella rete delle politiche commerciali. Le motivazioni politiche riguardano, innanzitutto, la necessit assoluta di approvvigionamenti a costi ragionevoli di generi alimentari e di fibre tessili in qualsiasi societ . Questa necessit spinge i gov erni al sostegno del settore agricolo sia in tempo di pace che in tempo di guerra. In secondo luogo, nonostante nei Paesi sviluppati la popolazione attiva impiegata nel settore agricolo sia diminuita e costituisca attualmente solo una piccola parte del totale della popolazione attiva, la sua influenza politica Ł

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Elisa Giovannini Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 873 click dal 26/11/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.