Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impiego di zeolite in medicina sperimentale

Lo scopo di questa tesi è verificare la possibilità di depositare un materiale organico o anche inorganico su wafer di silicio, per la creazione di dispositivi elettronici che siano in grado di interagire con sistemi biologici. Lo scambio di energia con questi ultimi serve a generare o a ricevere segnali bioelettrici, o anche per promuovere loro forme di attività bioelettrica.
I vantaggi che si hanno nell’impiego di circuiti elettronici, integrati nel wafer di silicio, sul quale sono depositati i materiali atti alla traduzione di energia, è già noto in letteratura nel campo dei sensori e dei microattuatori.
L’idea è che il dispositivo sia costituito da circuiti elettronici costruiti nel wafer su cui è adeso il materiale. La scelta del materiale è ricaduta sulla zeolite per le sue innumerevoli proprietà. In particolare ci soffermiamo sull’utilizzo della zeolite come materiale che interagisce con proteine ad attività enzimatica, cercando un sistema per collegare i due componenti. L’immobilizzazione e l’auto-assemblaggio costituiscono gli strumenti per realizzare quanto detto.
Le zeoliti sono costituite da materiale poroso, in cui i pori hanno dimensioni molto limitate soprattutto per ospitare enzimi: sembrerebbe pertanto impossibile farli interagire per assorbimento. Possono entrare in gioco, al contrario, forze di natura chimica (forze di Van Der Waals, attrazioni elettrostatiche, legami covalenti) e biochimica (affinità proteina-substrato) per la formazione di strutture semplici o anche più sofisticate che contengono zeoliti ed enzimi.
Lo scopo di questo lavoro è, quindi, studiare alcuni esperimenti di realizzazione di materiali compositi organici-inorganici e valutare la possibilità di realizzare dispositivi elettronici integrati su silicio per applicazioni biomedicali.

Mostra/Nascondi contenuto.
1INTRODUZIONE Lo scopo di questa tesi è verificare la possibilità di depositare un materiale organico o anche inorganico su wafer di silicio, per la creazione di dispositivi elettronici che siano in grado di interagire con sistemi biologici. Lo scambio di energia con questi ultimi serve a generare o a ricevere segnali bioelettrici, o anche per promuovere loro forme di attività bioelettrica. I vantaggi che si hanno nell’impiego di circuiti elettronici, integrati nel wafer di silicio, sul quale sono depositati i materiali atti alla traduzione di energia, è già noto in letteratura nel campo dei sensori e dei microattuatori. L’idea è che il dispositivo sia costituito da circuiti elettronici costruiti nel wafer su cui è adeso il materiale. La scelta del materiale è ricaduta sulla zeolite per le sue innumerevoli proprietà. In particolare ci soffermiamo sull’utilizzo della zeolite come materiale che interagisce con proteine ad attività enzimatica, cercando un sistema per collegare i due componenti. L’immobilizzazione e l’auto-assemblaggio costituiscono gli strumenti per realizzare quanto detto. Le zeoliti sono costituite da materiale poroso, in cui i pori hanno dimensioni molto limitate soprattutto per ospitare enzimi: sembrerebbe pertanto impossibile farli interagire per assorbimento. Possono entrare in gioco, al contrario, forze di natura chimica (forze di Van Der Waals, attrazioni elettrostatiche, legami covalenti) e biochimica (affinità proteina-substrato) per la formazione di strutture semplici o anche più sofisticate che contengono zeoliti ed enzimi.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Giovanni Marinaro Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1200 click dal 02/12/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.