Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trasformazioni sociali dello spazio urbano - Contratto di quartiere Fondo Gesù: un progetto di riqualificazione

Punto di partenza del nostro lavoro, è stato quello di individuare, nella riqualificazione di Fondo Gesù, attraverso il Contratto di Quartiere, una possibilità data al cittadino, di riappropiarsi della dimensione pubblica dello spazio urbano. Si è voluto sottolineare come il più recente cambiamento dell’ottica delle politiche urbane, finora troppo spesso legate a schemi economico-razionalistici e poco attenti al cittadino, abbia prodotto uno spostamento a favore della ‘qualità’ della vita, nella sua accezione più estesa (ambientale, relazionale, sociale). Siamo partiti da alcuni riferimenti storici sulla nascita delle città e sulla evoluzione che la stessa ha subito nelle varie epoche storiche; successivamente abbiamo analizzato le interpretazioni sociologiche che sono state espresse dalla Scuola di Chicago, ponendo particolare attenzione alle teorie più recenti e che si prestano , a nostro giudizio, a spiegare in modo più soddisfacente la realtà che abbiamo studiato. Nel secondo capitolo ci siamo concentrati sui cambiamenti avvenuti nella struttura urbana della città, soprattutto dagli anni successivi al primo dopoguerra sino ai nostri giorni. Abbiamo accennato alla Crotone latifondista dei primi decenni del secolo scorso, nella convinzione che gli stessi processi di trasformazione della struttura economica e le connesse dinamiche sociali, abbiano influito profondamente sul processo di progressiva espansione urbana che ha coinvolto la città di Crotone negli anni trenta, anni dell’exploit demografico e di trasformazione della realtà storicamente latifondista, in realtà fortemente industrializzata. Con il ridimensionamento delle industrie chimiche e le nuove dinamiche sociali ed economiche (quali la tendenza alla decelerazione dell’incremento demografico, la produzione trasformata da terziario industriale in terziario “pubblico”), che sostituiscono le dinamiche che si erano consolidate dal dopoguerra fino agli anni ‘70-’80, la città si è trovata di fronte al problema di un’ inevitabile recessione economica e occupazionale. Un’analisi dei processi di stratificazione e mobilità sociale, che ha intressato la città di Crotone, nel corso di un decennio (1981-’91); completa la prima parte del lavoro. Da questi capitoli di respiro più generale, siamo passati ad analizzare, da più punti di vista, la realtà del quartiere Fondo Gesù: vicende storiche, interventi e piani urbanistici, la situazione di degrado urbano e sociale, le relazioni sociali, l’iter burocratico del Contratto di Quartiere, il progetto di riqualificazione, ma soprattutto le prospettive e i risultati, attesi non solo dal puto di vista urbanstico, ma anche da quello sociale ed economico-occupazionale.
Con i riferimenti precedenti abbiamo costruito ed effettuato, grazie all’aiuto di alcuni volontari, un’indagine (maggio 1999) sui giovani e le famiglie residenti nel rione, per valutare quelle che possono essere le posizioni di soggetti ‘non tecnici’, ma utilizzatori finali di questo importante progetto di riqualificazione. I risultati di queste elaborazioni su più piani di analisi, li abbiamo poi confrontati riportandoli in schemi riepilogativi per valutare alcuni aspetti specifici. Per evitare di dettagliare ambiti eterogenei ed anche molto distanti fra loro, abbiamo dato una chiave interpretativa solo per alcuni degli aspetti emersi nel corso del lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
Progetto Arkesis 1 - 1 INTRODUZIONE Punto di partenza del nostro lavoro, Ł stato quello di individuare, nella riqualificazione di Fondo Gesø, attraverso il Contratto di Quartiere, una possibilit data al cittadino, di riappropiarsi della dimensione pubblica dello spazio urbano. Si Ł voluto sottolineare come il piø recente cambiamento dell ottica delle politiche urbane, finora troppo spesso legate a schemi economico-razionalistici e poco attenti al cittadino, abbia prodotto uno spostamento a favore della qualit d ella vita, nella sua accezione piø estesa (ambientale, relazionale, sociale). Siamo partiti da alcuni riferimenti storici sulla nascita delle citt e sulla evoluzione che la stessa ha subito nelle varie epoche storiche; successivamente abbiamo analizzato le interpretazioni sociologiche che sono state espresse dalla Scuola di Chicago, ponendo particolare attenzione alle teorie piø recenti e che si prestano , a nostro giudizio, a spiegare in modo piø soddisfacente la realt che abbiamo studiato. Nel secondo capitolo ci siamo concentrati sui cambiamenti avvenuti nella struttura urbana della citt , soprattutto dagli anni successivi al p rimo dopoguerra sino ai nostri giorni. Abbiamo accennato alla Crotone latifondista dei primi decenni del secolo scorso, nella convinzione che gli stessi processi di trasformazione della struttura economica e le connesse dinamiche sociali, abbiano influito profondamente sul processo di progressiva espansione urbana che ha coinvolto la citt di Crotone negli anni tre nta, anni dell exploit demografico e di trasformazione della realt storicamente latifondis ta, in realt fortemente industrializzata. Con il ridimensionamento delle industrie chimiche e le nuove dinamiche sociali ed economiche (quali la tendenza alla decelerazione dell incremento demografico, la produzione trasformata da terziario industriale in terziario pubblico ), che sostituiscono le dinamiche che si

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Calabretta Contatta »

Composta da 293 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1133 click dal 04/03/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.