Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Salute, benessere, giovani e pubblicità: analisi e riflessioni bioetiche

Tra i diversi momenti della vita umana ve ne sono due che, a priori e a prescindere dal contesto in cui sono vissute, appaiono permeati da una intrinseca fragilità: la primissima infanzia e la vecchiaia, il nascere ed il morire.
Fra questi due estremi, la nostra vita attraversa molte fasi, con maggiore o minore difficoltà secondo il contesto fisico-sociale-economico in cui si trova; se nulla possiamo fare per la nostra prima infanzia, è soprattutto nella fase dell’adolescenza e della giovinezza che si pongono le condizioni per vivere meglio – sia da un punto di vista fisico che psicologico – la vecchiaia, con tutto ciò di positivo e di negativo che questo termine porta con sé.
È nell’adolescenza e nella giovinezza che si e ci si educa a vivere bene la vecchiaia e tale educazione risente sia del contesto sociale in cui si sviluppa che dei battages pubblicitari che danno un’immagine ben poco realistica della vita.
Salute, benessere e pubblicità, infatti, sono un trinomio sempre più presente ed inscindibile nella società moderna. Molti gli spots pubblicitari indirizzati ad adolescenti e giovani, mirati al "restare giovani" che vedono la vecchiaia come un qualcosa d’innaturale e che fanno pressione su concetti, per lo più arbitrari, di salute e di benessere.
Scopo di questa tesi, surrogata dai risultati di un’indagine tra i giovani della provincia di Torino in età compresa fra i 18 ed i 35 anni, è dimostrare come un distorto concetto di salute e di benessere presente nella pubblicità possa essere la causa e di malattie legate all’alimentazione e di disturbi psicologici che si esprimono con la non accettazione del sé corporeo, con tutti i suoi limiti e le sue caratteristiche. Questa cattiva educazione, che presenta l’equivalenza fra salute, benessere e perfezione psicofisica, pone le basi per un negativo approccio alla decadenza fisica e/o mentale, sia essa portata da un naturale processo d’invecchiamento che da malattie oncologiche, genetiche e degenerative – quali, ad esempio, sclerosi multipla, S.L.A., Morbo di Parkinson, Alzheimer, A.I.D.S. – che da incidenti invalidanti. Essa, inoltre, "motiva" e in qualche modo "giustifica" azioni e richieste come l’aborto eugenetico e l’eutanasia sia passiva che attiva, andando contro ogni bioetica basata sul rispetto della vita umana dal concepimento al suo termine naturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Tra i diversi momenti della vita umana ve ne sono due che, a priori e a prescin- dere dal contesto in cui sono vissute, appaiono permeati da una intrinseca fra- gilità: la primissima infanzia e la vecchiaia, il nascere ed il morire. Fra questi due estremi, la nostra vita attraversa molte fasi, con maggiore o mi- nore difficoltà secondo il contesto fisico-sociale-economico in cui si trova; se nulla possiamo fare per la nostra prima infanzia, è soprattutto nella fase del- l’adolescenza e della giovinezza che si pongono le condizioni per vivere me- glio – sia da un punto di vista fisico che psicologico – la vecchiaia, con tutto ciò di positivo e di negativo che questo termine porta con sé. È nell’adolescenza e nella giovinezza che si e ci si educa a vivere bene la vecchiaia e tale educazione risente sia del contesto sociale in cui si sviluppa che dei battages pubblicitari che danno un’immagine ben poco realistica della vita. Salute, benessere e pubblicità, infatti, sono un trinomio sempre più presente ed inscindibile nella società moderna. Molti gli spots pubblicitari indirizzati ad adolescenti e giovani, mirati al «restare giovani» che vedono la vecchiaia come un qualcosa d’innaturale e che fanno pressione su concetti, per lo più arbitrari, di salute e di benessere. Scopo di questa tesi, surrogata dai risultati di un’indagine tra i giovani della provincia di Torino in età compresa fra i 18 ed i 35 anni, è dimostrare come un distorto concetto di salute e di benessere presente nella pubblicità possa essere la causa e di malattie legate all’alimentazione e di disturbi psicologici che si esprimono con la non accettazione del sé corporeo, con tutti i suoi limiti e le sue 1

Tesi di Master

Autore: Gigliola Sartori Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3429 click dal 11/12/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.