Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Importanza del settore forestale nel contesto normativo ed economico caso studio: analisi delle metodologie per la valutazione economica dei danni da incendio di un bosco in località Cerasi, comune di Reggio Calabria

Il triste fenomeno degli incendi boschivi, per i suoi effetti devastanti, rappresenta uno dei problemi territoriali più gravi che si ripropongono ogni anno. Obiettivo del presente lavoro è la definizione di una metodologia operativa di valutazione economica dei danni ambientali nelle aree boschive percorse dal fuoco. In questo caso si è ipotizzata una stima del danno ambientale attraverso un procedimento analitico basato sul criterio del costo di ricostruzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE. Il triste fenomeno degli incendi boschivi, per i suoi effetti devastanti, rappresenta uno dei problemi territoriali più gravi che si ripropongono ogni anno. I danni provocati sono molteplici, e alla distruzione delle biomasse seguono, generalmente, dissesti idrogeologici, alterazione degli equilibri biologici, deturpazione del paesaggio. Così, nell’area mediterranea gli incendi reiterati sugli stessi spazi possono portare col tempo alla scomparsa totale del bosco e quindi, alla desertificazione. Un tempo, gli incendi boschivi non volutamente provocati o che sfuggivano al controllo erano considerati una grave calamità e mobilitavano fin dai primi segnali tutti gli abitanti del villaggio interessato e delle località vicine. Oggi le cose sono profondamente cambiate, gli incendi appaiono sempre più l’esplicitazione di problemi socio-economici, connessi ad una congerie di circostanze quali: l’alto grado di depauperamento e di forte spopolamento delle zone rurali, collinari e di montagna; l’abbandono di molte attività agricole e selvicolturali; la crescita di nuovi insediamenti nell’ambiente rurale; lo sviluppo di nuove forme di fruizione delle risorse forestali. L’interesse per i prodotti del bosco da parte delle popolazioni locali è indubbiamente diminuito e naturalmente, l’incendio boschivo, non può essere collegato solo all’accresciuta mobilità per il tempo libero e per il turismo, ma, si tratta di un fenomeno alquanto complesso di cui l’uomo con il suo comportamento negligente o imprudente, spesso volontario, ne aggrava le dimensioni. Le conseguenze che ne scaturiscono sono devastanti in termini di costi economici, sociali ed ambientali e, non ultimo, per importanza, il depauperamento degli strumenti atti al contenimento dei gas serra, come specificato nel protocollo di Kyoto. Il contenimento degli incendi, si basa su diverse azioni: prevenzione, previsione, lotta attiva e ricostituzione.

Tesi di Dottorato

Dipartimento: DISTAFA

Autore: Vincenzo Crea Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 779 click dal 11/12/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.