Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le istituzioni educative per la prima infanzia quali servizi alla comunità

Questa tesi si pone la finalità di mettere in evidenza i ruoli e le responsabilità che la Comunità si è assunta e si assume nei confronti dell’educazione e della crescita dei bambini, partendo da un contesto generale, per poi soffermarmi nel contesto locale del territorio bolognese.
Il termine “Comunità” in questo contesto è inteso nella sua accezione più ampia: a partire dalle famiglie, dagli Enti locali, dallo Stato, dagli Istituti Educativi e Scolastici pubblici e privati, dall’Associazionismo, dal Volontariato, dalla Cooperazione Sociale, dai gruppi formali ed informali di cittadini, fino ad arrivare all’Imprenditoria privata.
A questo proposito concordo con Roberto D’Alessio (D’Alessio, 2005) quando afferma che l’educazione è un fatto collettivo, ad uso della collettività, e che un buon ambiente educativo è anche una buona premessa per la società di domani, oltre che per i singoli bambini. Questo ambiente dovrebbe possedere, pertanto, gli stessi valori di riferimento che si vorrebbe avesse la società adulta.
Ovviamente questi valori sono fortemente legati al tipo di vision e di mission nei quali la Comunità si identifica in un dato periodo storico, quindi mai statici ma continuamente permeati dagli eventi politici, storici, culturali e sociali tipici di ogni epoca.
Sono passati oltre trent’anni dall’apertura dei primi nidi d’infanzia gestiti dagli enti locali, ed è superfluo sottolineare quanto siano cambiati i valori di riferimento della società da allora ad oggi, e, di conseguenza anche le motivazioni e le finalità sottostanti alle richieste e alle offerte di servizi, nonché le modalità di risposta a tali richieste.
Questa tesi tenta di ripercorrere questi cambiamenti, al fine di arrivare a comprendere meglio lo stato attuale, ed avere qualche strumento in più per tentare di intravedere la realtà educativa futura.
Essa si compone di cinque capitoli, attraverso i quali intreccio aspetti teorici e storici con testimonianze ed esperienze concrete; nello specifico, faccio riferimento ai modelli organizzativi, psicopedagogici e gestionali dei servizi all’infanzia della realtà bolognese, secondo i dettami della normativa nazionale e della Regione Emilia Romagna.

Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI URBINO “Carlo Bo” FACOLTA’ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA PSICOLOGIA LE ISTITUZIONI EDUCATIVE PER LA PRIMA INFANZIA QUALI SERVIZI ALLA COMUNITA’ Tesi di Laurea di Rosanna Poluzzi Relatore Prof. Franco De Felice ANNO ACCADEMICO 2004-2005

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Rosanna Poluzzi Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4496 click dal 29/12/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.