Skip to content

Studio neuropsicologico sui deficit semantico-lessicali in un gruppo di pazienti con encefalite erpertica

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Gallo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Dario Grossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

STUDIO NEUROPSICOLOGICO SUI DEFICIT SEMANTICO-LESSICALI IN UN GRUPPO DI PAZIENTI CON ENCEFALITE ERPETICA

Introduzione: I pazienti post-encefalitici presentano un tipico profilo neuropsicologico caratterizzato dalla presenza di amnesia anterograda ed in alcuni casi anche retrograda (Kapur 1994) e da un marcato disturbo della memoria semantica (Launes 2000), ossia il patrimonio di conoscenze generali sul mondo (oggetti, eventi e parole) che ogni individuo possiede. (fig.5) Nei pazienti post-encefalitici che presentano questo disturbo, frequentemente è possibile individuare disturbi semantici caratterizzati da “dissociazioni” tra diverse categorie di stimoli la cui elaborazione può essere danneggiata in maniera selettiva

Obiettivo: Lo scopo della presente tesi è quello di valutare, tramite un unico paradigma sperimentale, se i pazienti post encefalitici presentano un eventuale dissociazione tra stimoli appartenenti a diversi domini semantici (living e not living) a diverse classi grammaticali (sostantivi verbi) e a categorie specifiche all’interno della classe grammaticale dei verbi ( verbi strumentali e biologici)
Metodologia: Allo studio sono stati ammessi i pazienti ricoverati presso il reparto di malattie infettive della azienda ospedaliera Cotugno di Napoli con una ragionevole diagnosi di HSE posta da un neurologo esperto, con un età compresa tra i 16 e gli 80 anni,e con istruzione formale non inferiore agli 8 anni.
Sono stati esclusi dallo studio i pazienti che presentavano una lesione ancora in fase acuta o sub acuta, quelli con gravi disturbi comportamentali o di comprensione e con gravi disturbi dello stato di coscienza o delle condizioni cliniche generali. I pazienti inoltre dovevano essere sottoposti ad un esame neurofunzionale (RM) almeno due mesi dopo la fine della fase acuta. I nove pazienti che sono stati infine ammessi allo studio avevano un’età media di 40 anni circa, una scolarità di 10 anni circa, ed un risultato corretto al MMSE di 22 punti circa. Nel campione di controllo sono stati inclusi soggetti che non presentavano patologie neurologiche o psichiatriche ne in atto ne pregresse, che non stavano assumendo farmaci psicoattivi e che non presentavano deficit di comprensione verbale; tali soggetti in media erano più vecchi dei pazienti post encefalitici, (57 anni in media) avevano una scolarità di 12 anni e al test MMSE hanno totalizzato un punteggio medio di 28 punti.
I soggetti sono stati sottoposti a prove neurolinguistiche preliminari come il test dei gettoni e le prove di fluenza verbale per classi grammaticali, per categorie semantiche e ad una prova di accesso e recupero fonemico.
Come prove di screening sono state utilizzate il MMSE ed il test dell’orologio mentre, per la valutazione delle conoscenze semantiche, sono stati utilizzati il test di denominazione su descrizione, il test delle piramidi e delle palme e il Picture Interpretation Test.
La batteria per la valutazione delle dissociazioni tra stimoli includeva il compito di denominazione e di comprensione uditiva di azioni e di oggetti. Gli stimoli, bilanciati per classe grammaticale, categoria semantica e frequenza, sono stati estratti rispettivamente dal BADA di Miceli e dalla batteria di Laiacona. Ecco un’esempio degli stimoli che sono stati somministrati nel compito di denominazione e di comprensione dei nomi e dei verbi.
Risultati:……
conclusioni: tale lavoro conferma i numerosi studi (Barbarotto et al, 1996; Gainotti e Silveri, 1996) che hanno rilevato nei pazienti post-encefalitici un deficit semantico-lessicale specifico per la categoria dei living. In termini neuroanatomici, il deficit per la categoria dei living è probabilmente determinato anche dalla localizzazione delle lesioni nell’encefalite erpetica nelle aree temporali inferiori di sinistra.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La memoria semantica è il patrimonio di conoscenze generali sul mondo che ogni individuo possiede. A partire dalla metà degli anni settanta vi è stato un crescente interesse per lo studio dei disturbi di questo tipo di memoria a seguito di lesioni cerebrali. In particolare, alcuni studi sono stati condotti su pazienti post- encefalitici che, in seguito all’infezione da “herpes simplex virus”, presentano una necrosi focale delle aree temporali mediali, dell’ippocampo, della corteccia cingolata, dell’insula e, spesso, anche delle aree temporali laterali e di quelle orbitofrontali. Questi pazienti presentano un tipico profilo neuropsicologico caratterizzato dalla presenza di amnesia anterograda e, in alcuni casi anche retrograda, e da un marcato disturbo della memoria semantica. A partire da un famoso studio di Warrington e Shallice (1984) nei pazienti post encefalitici è stato possibile individuare disturbi semantici caratterizzati da “dissociazioni” tra diverse categorie di stimoli, la cui elaborazione può essere danneggiata in maniera selettiva. In particolare, la dissociazione più frequentemente descritta è quella tra le conoscenze riguardanti gli esseri animati (“living”), in genere più danneggiate, e le conoscenze riguardanti gli oggetti inanimati (“not-living”), anche se sono state descritte dissociazioni in senso opposto (“doppie dissociazioni”). Negli ultimi anni, molti ricercatori hanno focalizzato la loro attenzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disturbi
disturbi semantico lessicali
encefalite
lingua
linguistici
memoria
neuroanatomia
neuropsicologia
psicologia
risonanza magnetica
sistemi di memoria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi