Skip to content

Le geometrie irrequiete di Fleur Jaeggy

Informazioni tesi

  Autore: Gherardo Fabretti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Antonio Di Grado
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Ci sono due modi di leggere un'opera, che essa sia letteraria, artistica o musicale: possiamo leggerla dal di fuori, guardarla, pensarla al nostro cospetto; oppure possiamo leggerla dal di dentro, aderente a noi come una seconda pelle. Leggere Fleur Jaeggy dal di dentro è l'unica possibilità che il lettore ha per comprendere il significato delle sue opere. Fleur Jaeggy ha un grande merito, quello di avere riportato l'attenzione su una letteratura, quella svizzera, troppo spesso relegata agli angoli della letteratura mondiale, pur avendo prodotto scrittori del calibro di Robert Walser, Jacques Chessex, Friedrich Durrenmatt. Una letteratura svizzera fatta da una donna che pur nata a Zurigo, ha vissuto e vive tuttora la sua vita in Italia ma che rimane svizzera perché svizzeri sono gli ambienti, i personaggi, la cultura e le tradizioni. Fleur Jaeggy raschia quella patina dell'immaginario collettivo che vede la Svizzera come staterello pacioso e rassicurante, a tratti persino stucchevole fatto di montagne innevate, pascoli verdeggianti, baite popolate da valligiani sorridenti e bonaccioni. Quella della Jaeggy è invece la Svizzera colta in fallo nella sua umanità, una umanità difficile da vedere perché spesso ben chiusa dentro le mura domestica. La Svizzera sviscerata nella sua cultura, nelle sue tradizioni, e perché no, nelle sue superstizioni. La Svizzera di Fleur Jaeggy è la Svizzera calvinista del dopo Calvino, radicata in una base profondamente cattolica, quella nata a conclusione del Concilio di Trento. Un calvinismo e un cattolicesimo nati a cavallo tra Cinque e Seicento e non così dissimili, entrambi invasivi nella quotidianità del fedele. I precetti morali del calvinismo si uniscono all'ambiente flagellante, punitivo, sofferente del cattolicesimo, che la Jaeggy analizza e stigmatizza attraverso una filologia dell'anima, con l'umanesimo tipico del protestantesimo zwingliano, che mentre rappresenta gli aspetti più sgradevoli e censorii della religiosità, mette in guardia il lettore sui pericoli di una religione che si fa dogma, si ammanta di etica per veicolare pericolosi moralismi custodialistici. Quella della Jaeggy è una vera e propria didattica catartica, una lettura lunga, ardua e difficoltosa perché l'unica maniera possibile per conquistare un significato. Una scrittura geometrica, essenziale, protestante. I suoi sono personaggi terribili, capaci di atti orribili e ingiustificabili. Fleur Jaeggy è una donna ben conscia che, come ricorda Jung (1875 – 1961): “chi va verso sé stesso rischia l'incontro con sé stesso”. Quasi tutti i personaggi jaeggyani sono esseri incapaci di introspezione o malati di ignavia generazionale, ben nascosti dietro maschere sociali e orpelli moralistico – religiosi, terrorizzati dall'idea di accettare la paradossalità naturale dell'animo umano. La vita non è una disgiunzione, bensì una congiunzione, ricorda ancora Jung. Non si può vivere una vita all'insegna della follia o della razionalità; l'unica vita concessa è contemporaneamente folle e razionale ed è questa forse la grande lezione di Fleur Jaeggy.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Oggetto della nostra tesi è la produzione letteraria romanzesca di Fleur Jaeggy, tra le più importanti scrittrici in lingua italiana degli ultimi cinquant'anni. Poco sappiamo di questa riservata cometa della letteratura italiana, scrittrice florida e valida traduttrice, nata a Zurigo, in Svizzera, il 30 luglio del 1940, trasferitasi poco più che adolescente in Italia, a Roma, al seguito della madre, e poi a Milano, inframezzando il suo soggiorno italiano con numerosi viaggi in giro per il mondo. Figlia di svizzeri, nata da padre di famiglia protestante zwingliana, e madre nata da una coppia di italiani, emigrati in Svizzera, di religione cattolica. Apparsa per la prima volta al pubblico nel 1968 con il romanzo Il dito in bocca, la Jaeggy inizia una lunga serie di pubblicazioni, tutte per la casa editrice Adelphi: L'angelo custode (1971); Le statue d'acqua (1980); I Beati Anni del Castigo (1989) che la consacrerà al grande pubblico; La Paura del Cielo (1994); Proleterka (2001); Vite congetturali (2009). Farsi largo nei meandri delle pagine di questa scrittrice è impresa ardua, difficoltosa e lunga. Meandro sembra davvero la parola più adatta in questo caso, non sembrandoci così peregrino il prestito dal linguaggio della scienza idrografica. Se i meandri sono infatti le tipiche anse di fiumi pianeggianti che per la loro debole pendenza sono i più sensibili a rischi di impaludamenti, così è innegabile che la scrittura della Jaeggy scorra lentamente, navigando senza tempo e senza spazio, bloccando inesorabilmente il lettore in un vischioso gioco a più livelli (linguistico, narrativo, tematico) dal quale è difficile emergere e impossibile farlo con una chiave di lettura esauriente in mano. Uno stile unico, la paratatticità estrema, la limatura quasi scientifica dei periodi, l'enigmaticità, la contraddittorietà sintattica, fanno dei testi della Jaeggy un prezioso e irripetibile gioiello di carta e inchiostro, frutto di una cura che ha dell'inverosimile. Difficile persino assegnare un genere a queste curiose storie e se il termine genere è quello che più di ogni altro ha sollevato secolari dibattiti tra storici, comparatisti e letterati in genere, le opere della Jaeggy sono destinate ad aggiungere ulteriore materiale di scontro, a sollevare nuove domande e a spolverarne di vecchie. Come definire infatti i suoi libri? Romanzi o racconti? Poesia in prosa? Teatro senza battute? 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi