Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli matematici per fenomeni quantistici

Modelli matematici applicati a fenomeni inspiegabili con la meccanica classica.
Dal dualismo onda corpuscolo , dallo studio dell'equazione di Schrodinger , vengono esposti i fondamenti della Meccanica Quantistica da un punto di vista matematico . Gli spazi di Hilbert , le leggi del moto , le funzioni probabilistiche e la soluzione delle equazioni del moto vengono trattati con particolare attenzione nel capitolo "Fondamenti di Meccanica Quantistica" . Nelle applicazioni pratiche ( gradino di potenza , oscillatore armonico ) e i fenomeni dell'effetto Compton e fotoelettrico é illustrata l'applicazione della teoria . Ampio spazio é dedicato alla storia della Matematica con particolare riferimento alla meccanica quantistica .

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questa tesi è dedicata allo studio di modelli matematici per fenomeni quantistici. Il capitolo I è dedicato ad una introduzione storica sulla Meccanica Quantistica, e ci si è soffermati sulle sue origini matematiche e fisiche , evidenziando il fatto che storicamente essa è nata dal fallimento della teoria classica nell‘interpretare alcuni fenomeni fisici . Questi fenomeni , in ordine cronologico sono lo spettro del corpo nero, l‘effetto fotoelettrico , l‘effetto Compton e lo spettro di emissione ed assorbimento degli atomi . Infine é stata discussa l‘analogia tra l‘equazione ―dell‘iconale e l‘equazione di Hamilton‖ che evidenzia gli aspetti ondulatori della materia e interpreta la meccanica classica come il limite di una meccanica ondulatoria delle particelle . Nel capitolo II si sono studiati gli aspetti ondulatori della materia . In particolare si è discusso il modello ondulatorio di De Broglie e si sono introdotti i principi di sovrapposizione e di complementarità . Il capitolo III , è dedicato alla trattazione del principio d‘indeterminazione , introducendo la definizione di variabile dinamica e delle varie forme assunte dal principio di Heisenberg. Nel capitolo IV è stata esposta la teoria fenomenologica di Schrödinger , e si è visto in termini dell‘onda associata alle particelle materiali, il moto di un sistema quantistico in uno spazio detto ―delle configurazioni‖ . Sono state date le definizioni di pacchetti d‘onde e velocità di gruppo ed è stata definita la funzione d‘onda come la densità di probabilità di localizzare la particella all‘interno di un

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Francesco Pastone Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1937 click dal 14/12/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.