Skip to content

La fruizione dei cartoni animati. Processi cognitivi ed emotivi nel bambino prescolare.

Informazioni tesi

  Autore: Alice Corso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: teresa farroni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

Il rapporto tra il bambino e il cartone animato è una presenza costante nella vita della maggioranza dei bambini italiani: le ricerche mostrano come fin dal primo anno di vita il bambino comincia ad accostarsi quotidianamente a questo genere televisivo. I cartoni animati sono così diffusi e popolari che spesso noi adulti tendiamo a dare per scontato tutto ciò che li riguarda. Inoltre, anche in psicologia si tende, molte volte, a cercare di conoscere ed esplorare gli aspetti patologici della mente umana e a considerare meno interessanti quelli definiti “normali”. Per questo, i cartoni animati sono un argomento di cui pochi studiosi si sono occupati; penso che, invece, l’argomento non debba essere sottovalutato poiché il bambino, in particolare nei primi anni di vita, si trova in una fase di esplorazione del mondo, nella quale ogni aspetto della realtà che egli incontra diventa motivo di apprendimento e conoscenza. In questo senso, i cartoni animati possono avere un certo ruolo, più o meno significativo, nello sviluppo del piccolo.
L’obiettivo del mio lavoro è quello di conoscere e descrivere i processi implicati nella fruizione dei cartoni animati, per comprendere i motivi di fondo per cui ai bambini piace guardarli e per cui spesso chiedono di poter rivedere più e più volte lo stesso episodio o la stessa scena. Per farlo, andrò a descrivere brevemente i principali cartoni animati trasmessi in Italia e le modalità di fruizione nei bambini prescolari; in seguito cercherò di esaminare i processi cognitivi e, poi, quelli emotivi coinvolti nel momento in cui il bambino comincia la visione di questo genere che tanto lo appassiona.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “Un cartone animato è un mezzo di comunicazione che si esprime mediante i codici di un movimento illusorio unito ad una parte uditiva, composta da una musica di contorno o da dei dialoghi” Wikipedia. I cartoni animati costituiscono una grande attrazione per i bambini, anche per i più piccoli; essi sono per lo più momento d’intrattenimento e fonte di divertimento. I cartoni animati in Italia I cartoni animati, in Italia, cominciano ad essere trasmessi in televisione dalla fine degli anni ’40: tra i primi, in bianco e nero, Betty Boop (1932) e Daffy Duck (1937); ma sono soprattutto i classici Disney ad avere successo nelle case italiane. “Vengono chiamati classici in quanto sono, nella maggior parte dei casi, ispirati o tratti da opere letterarie o fiabe o favole molto note e, anche, per la loro ambizione a porsi come classici contemporanei.”. (Wikipedia). Il protagonista del primo cortometraggio della Walt Disney è Topolino (Mickey Mouse), inizialmente ritratto come monello e scansafatiche, il che era motivo di divertimento, in seguito modificato in personaggio che rappresenta il cittadino “medio”, rispettoso delle regole, alle prese con avventure sempre nuove. Verso gli anni ’50, in Italia, viene ideata Topolinia che, insieme a Paperinia, è la città in cui vivono Topolino, Pippo, Pluto, Paperino e i suoi nipoti Qui, Quo, Qua e tutti i personaggi legati a questi primi dei classici Disney. Il primo lungometraggio d’animazione prodotto da Walt Disney, invece, è Biancaneve e i sette nani (1938), ispirato alla fiaba dei fratelli Grimm, seguito poi da molti altri quali Pinocchio, Fantasia, Dumbo, Bambi, Cenerentola, Alice nel paese delle meraviglie, ecc.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bambini
cartoni animati
cognitivi
disney
emotivi
emozioni
fruizione
identificazione
immedesimazione
personaggi
prescolare
processi
protagonisti
ripetizione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi