Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Partecipazione politica e comitati spontanei di cittadini: il caso della base militare di Mattarello (TN)

Questo lavoro ha l'obiettivo di studiare il rapporto tra istituzioni e forme di associazionismo nelle quali si afferma una partecipazione popolare e spontanea, non istituzionalizzata, autonoma. Il caso esaminato riguarda l'opposizione popolare fatta da un comitato di cittadini nei confronti della decisione delle pubbliche autorità, Provincia Autonoma di Trento in particolare, di costruire una complesso militare in una zona agricola, a pochi chilometri da Trento. Il lavoro si concentra sul rapporto tra eletti e cittadini/elettori, con l'ambizioso obiettivo di capire il perché alcune minoranze sentano il bisogno di organizzarsi e costituire forme associative come un comitato di cittadini per affermare la loro volontà politica su una tematica a loro cara. L'elaborato intende offrire delle opportune riflessioni riguardo al tema trattato e sollecita alcune domande di carattere generale: queste nuove forme di associazionismo e partecipazione politica dal basso sono portatrici di interessi generali? La tesi si conclude con alcune considerazioni riguardanti l'effetto della protesta popolare sul contesto del processo decisionale esaminato.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questo lavoro ha l'obiettivo di esaminare il rapporto tra le istituzioni e quelle forme di associazionismo in cui si esprime un tipo di partecipazione popolare e spontanea e non istituzionalizionalizzata quali ad esempio un comitato spontaneo di cittadini o un centro sociale. Una delle domande a cui questo lavoro vuole rispondere è la seguente: queste nuove forme di partecipazione politica sono portatrici di interessi generali? E se lo sono, esse possono essere portatrici di aspettative, valori, ispirazioni, bisogni condivisi da tutti i membri di una certa comunità di riferimento, o sono portatori di tematiche ritenute fondamentali solo per una piccola minoranza organizzata all'interno della comunità? Viviamo in un sistema statuale di tipo democratico rappresentativo, nel quale “la sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.” (Art.1 Costituzione), sovranità esercitata mediante il voto personale ed eguale, libero e segreto (Art.48 Costituzione). Ogni membro del parlamento rappresenta la nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato. (Art.67 Costituzione). Se il sistema è dunque effettivamente rappresentativo e democratico, le decisioni prese dai rappresentanti hanno forza legale e sono legittime, e dovrebbero nei limiti del possibile rappresentare le opinioni dei cittadini del paese. Il focus non è fare una analisi sulla qualità delle istituzioni democratiche rappresentative attuali tuttavia non sempre le decisioni governative hanno le caratteristiche sopra descritte. Questo lavoro si concentra sul rapporto tra cittadini/elettori ed eletti con l'obiettivo di capire il perché alcuni gruppi di cittadini sentano il bisogno di organizzarsi e costituire forme associative nuove per affermare la loro volontà, in un sistema che dovrebbe essere rappresentativo e quindi già rispecchiante anche la loro volontà. Quale legittimità ha una protesta di una piccola minoranza organizzata, e come questa protesta può influenzare una decisione governativa? Fino a che punto le rivendicazioni di una piccola minoranza organizzata contraria ad una decisione politica, possono avere rilevanza e portata generale, cioè fino a che punto sono legittime le critiche/proteste e proposte alternative dei comitati nei

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Paolo Perini Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 522 click dal 02/02/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.