Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le attività di placement delle università. Differenze di genere ed efficacia dei servizi

Nel contesto degli studi sul mercato del lavoro di cruciale importanza è l'analisi dei meccanismi della transizione scuola-lavoro, questione rilevante sia a livello sociale, poiché coinvolge le nuove “forze-lavoro” che andranno a costituire il futuro mercato del lavoro, sia a livello individuale, poiché determina in modo significativo le scelte di vita e la biografia del singolo.

In particolare, il presente lavoro si focalizza sul momento della transizione dall'università al mondo del lavoro delle donne neo-laureate: tuttora in Europa esistono disparità di genere in riferimento alle performance occupazionali – dalla durata della ricerca di un'occupazione alla tipologia contrattuale, alla retribuzione – perciò risulta interessante indagarne le manifestazioni fin dagli inizi del percorso professionale.

Il lavoro si apre con una panoramica generale sul mondo del lavoro in Europa e sulla struttura dell'occupazione, introducendo la questione legata alle performance occupazionali di giovani e donne, le categorie deboli all'interno del mercato. A seguire, un'analisi delle strategie promosse dalle istituzioni europee per promuovere l'occupazione nei propri Paesi, dalle politiche attive – anche di genere – agli obiettivi stabiliti durante il vertice di Lisbona, che si proponeva di fare dell'Europa “la più grande economia basata sulla conoscenza”. In questo processo si inseriva a pieno titolo il sistema universitario, in fase di evoluzione anche a seguito delle riforme seguite al cosiddetto “processo di Bologna”, tra le cui azioni vi era il potenziamento delle attività di incontro tra domanda e offerta anche da parte degli atenei.
In Italia, a partire dal 2003 con l'attuazione della legge Biagi, gli atenei italiani hanno visto riconosciuta la possibilità di svolgere una vera e propria attività di intermediazione, facilitando l'ingresso dei propri laureati nel mercato attraverso un ruolo attivo. Tale ruolo sempre più spesso passa attraverso l'uso dello stage, uno strumento formativo e orientativo che da studi Istat e Almalaurea sembrerebbe essere sfruttato soprattutto dai laureati di sesso femminile: per queste ragioni all'interno della tesi è stato scelto di inserire un'indagine empirica sugli stage in alcuni atenei italiani, in un'ottica di genere. Dopo una ricognizione sui servizi di placement delle università in Italia, infatti, vengono presentati i risultati per genere del Progetto FIxO, un progetto del Ministero del Lavoro per facilitare l'ingresso nel mercato del lavoro di laureandi e laureati promuovendo gli stage di inserimento lavorativo, per quattro atenei lombardi: l'Università degli Studi dell'Insubria, l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, l'Università degli Studi di Pavia e l'Università degli Studi di Milano.

Lo stage è effettivamente uno strumento di inserimento lavorativo utile per i laureati? In che misura? Esistono differenze di genere nella qualità dell'esperienza formativa e nell'esito professionale post-stage?

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nel contesto degli studi sul mercato del lavoro di cruciale importanza è l'analisi dei meccanismi della transizione scuola-lavoro, questione rilevante sia a livello sociale, poiché coinvolge le nuove “forze-lavoro” che andranno a costituire il futuro mercato del lavoro, sia a livello individuale, poiché determina in modo significativo le scelte di vita e la biografia del singolo. In particolare, il presente lavoro si focalizza sul momento della transizione dall'università al mondo del lavoro delle donne neo-laureate: tuttora in Europa esistono disparità di genere in riferimento alle performance occupazionali – dalla durata della ricerca di un'occupazione alla tipologia contrattuale, alla retribuzione – perciò risulta interessante indagarne le manifestazioni fin dagli inizi del percorso professionale. Il lavoro si apre con una panoramica generale sul mondo del lavoro in Europa e sulla struttura dell'occupazione, introducendo la questione legata alle performance occupazionali di giovani e donne, le categorie deboli all'interno del mercato. A seguire, un'analisi delle strategie promosse dalle istituzioni europee per promuovere l'occupazione nei propri Paesi, dalle politiche attive – anche di genere – agli obiettivi stabiliti durante il vertice di Lisbona, che si proponeva di fare dell'Europa “la più grande economia basata sulla conoscenza”. In questo processo si inseriva a pieno titolo il sistema universitario, in fase di evoluzione anche a seguito delle riforme seguite al cosiddetto “processo di Bologna”, tra le cui azioni vi era il potenziamento delle attività di incontro tra domanda e offerta anche da parte degli atenei. In Italia, a partire dal 2003 con l'attuazione della legge Biagi, gli atenei italiani hanno visto riconosciuta la possibilità di svolgere una vera e propria attività di intermediazione, facilitando l'ingresso dei propri laureati nel mercato attraverso 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabiana Biancamaria Spozio Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1983 click dal 17/12/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.