Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio del going concern: il caso del Gruppo Pininfarina

Il principio di continuità aziendale è la condizione necessaria ed indispensabile per qualsiasi impresa operante sul mercato. L’impresa deve infatti essere capace di assicurare “un’esistenza operativa” almeno per il periodo successivo alla data di redazione del bilancio. La prima responsabilità in merito alla valutazione del going concern spetta agli amministratori, i quali devono verificare alla fine dell’esercizio se l’impresa è in grado di continuare ad operare nel prossimo futuro; un esito positivo di questa verifica permetterà di preparare il bilancio secondo valori di funzionamento. In caso contrario, si rettificheranno gli importi applicando i principi di liquidazione. La responsabilità del revisore in quest'ambito è quella di saper in primo luogo valutare la ragionevolezza e la correttezza dei presupposti alla base della valutazione degli amministratori ed in secondo luogo considerare il rischio che il principio del going concern non sia più adeguato per la redazione del bilancio dell’impresa a causa della presenza di alcune minacce che il Documento n. 570 distingue in tre tipologie di indicatori: finanziari, gestionali ed altri indicatori.
Il motivo dell’analisi di seguito svolta è legato al fatto che in un periodo di crisi come quello attuale il presupposto del going concern non è affatto un dato scontato, poiché molte sono le minacce che si addensano sulla continuità aziendale delle imprese e talvolta sono tali da dubitare se la continuità esista ancora o esisterà in un prossimo futuro. Diventa, quindi, fondamentale per il revisore svolgere valutazioni accurate in merito alla sussistenza del presupposto della continuità aziendale, in modo tale da migliorare la trasparenza delle informazioni finanziarie che le imprese danno al mercato così come richiesto nei recenti interventi degli Organismi di Controllo. Il focus di questo lavoro è, pertanto, un’analisi del presupposto della continuità aziendale incentrata sul lavoro svolto dal revisore. In particolare si è cercato di far comprendere meglio le sue responsabilità e le procedure specifiche adottate sia attraverso l’analisi del Documento n. 570 che attraverso un caso pratico: il Gruppo Pininfarina. La scelta dell'azienda non è causale in quanto opera nel settore automotive uno dei settori che ha risentito maggiormente degli effetti della crisi dell’economia globale in atto, ciò ha permesso di comprendere meglio le procedure svolte dal revisore per la valutazione della continuità aziendale e soprattutto come hanno impattato determinate azioni messe in atto dagli amministratori negli ultimi anni sul giudizio emesso dal revisore sulla continuità aziendale 2008.

Mostra/Nascondi contenuto.
1    CAPITOLO I LA VALUTAZIONE DELLA CONTINUITA’AZIENDALE SOMMARIO: 1.1 Il presupposto di continuità aziendale. 1.2 Come valutare se l’azienda è in going concern. 1.2.1 Segue: La responsabilità del revisore. 1.2.2 Segue: I sintomi di mancata continuità aziendale. 1.3 La continuità aziendale nell’attuale contesto di crisi economica. 1.1 IL PRESUPPOSTO DI CONTINUITA’AZIENDALE Il bilancio d’esercizio, secondo la clausola generale contenuta nell’art. 2423 c.c., “deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società ed il risultato economico dell’esercizio”. La conoscenza e la comunicazione di queste informazioni è importante per il corretto funzionamento del sistema economico e per una pluralità di soggetti, sia interni che esterni all’azienda, che necessitano di informazioni corrette sull’andamento della stessa. Per ottenere ciò, il codice civile all’art. 2423-bis definisce quali sono i principi di redazione del bilancio che gli amministratori devono rispettare. Essi si riferiscono alle norme generali sulle valutazioni e riguardano il principio di prudenza, della prospettiva di funzionamento dell’impresa, della competenza e della continuità dei criteri di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Simona Calvi Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19233 click dal 14/12/2009.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.