Skip to content

La riforma delle pensioni: Italia e Germania in un'analisi comparata

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Massignani
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Luca Fazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 246

Da decenni le pensioni sono oggetto di un vasto dibattito politico in molti paesi europei e non. Esse rappresentano una delle maggiori conquiste in campo sociale raggiunte durante il XX secolo, ma, al tempo stesso sono anche la maggior voce di spesa per la protezione sociale nei conti pubblici della maggior parte dei paesi economicamente sviluppati. In alcuni tra questi, la spesa pubblica pensionistica arriva a sfiorare il 15% dell'intera ricchezza prodotta annualmente. Risulta quindi evidente il “trade-off” tra due opposti obiettivi: da un lato il contenimento della spesa pubblica, dall’altro la necessità di garantire alla popolazione anziana un reddito adeguato alle loro esigenze.
Da metà degli anni Settanta, i principali sistemi pensionistici europei stanno attraversando una fase di profonda crisi che ha spinto i diversi governi ad intraprendere processi di riforma anche molto radicali.
Il deterioramento degli equilibri finanziari non ha risparmiato i sistemi pubblici nazionali di Italia e Germania, anzi, in questi due paesi la crisi delle pensioni ha assunto dimensioni particolarmente preoccupanti.
La situazione in Italia è nota a tutti: il dibattito nazionale sulle pensioni satura da anni le pagine dei quotidiani e dei periodici economici e politici del nostro paese. Tuttavia non vi è alcuna chiarezza su quale debba essere la linea politica “ideale” di riforma: i diversi partiti, le associazioni sindacali e Confindustria sembrano avere ognuno proposte differenti riguardo a questo “spinoso” argomento.
Ho scelto di scrivere questa tesi per cercare di capire come la questione delle pensioni è stata affrontata in un altro paese europeo. La scelta della Germania non è casuale. Il sistema pensionistico tedesco presenta alcune analogie con quello italiano: entrambi sono finanziati a ripartizione e derivano da un modello di tipo bismarckiano. Inoltre i fenomeni che hanno causato la crisi delle pensioni hanno assunto simili proporzioni nei due paesi selezionati.
Al tempo stesso, però, il welfare state tedesco non presenta quelle anomalie che sono tipiche di un modello mediterraneo come quello italiano. Ho quindi iniziato questo lavoro convinto che i risultati conseguiti in Germania dovessero essere superiori a quanto raggiunto dai governi italiani.
Oggetto di questo lavoro è quindi l'analisi e il confronto dei percorsi riformisti attuati da Germania e Italia in campo previdenziale.
Nella prima parte della tesi si provvederà a ripercorrere l'evoluzione storica dei sistemi pensionistici in Europa, attraverso alcuni passaggi fondamentali: nascita, sviluppo, crisi e riforma. In particolare ci si soffermerà sui cambiamenti in campo demografico e nel mercato del lavoro che hanno sconvolto la struttura sociale della popolazione europea, creando forti squilibri nel rapporto tra numero di occupati e pensionati.
L'insieme dei fenomeni analizzati ha decretato la crisi dei sistemi pensionistici a ripartizione e la loro conseguente “ristrutturazione”.
Nei due capitoli successivi verranno analizzati separatamente i percorsi riformisti intrapresi dai governi di Germania e Italia a partire dagli anni novanta fino alle ultime riforme.
In queste sezioni si provvederà inizialmente a descrivere lo “status quo” dei sistemi pensionistici nazionali, ossia come essi si presentavano alla “vigilia” delle riforme degli anni novanta. Successivamente verranno esposti i principali provvedimenti volti a modificare il funzionamento e la struttura dei rispettivi regimi.
Particolare attenzione verrà data alla valutazione degli effetti delle riforme in termini di contenimento della spesa, di equità intergenerazionale, in termini di struttura e di diversificazione del rischio vecchiaia.
Infine, l'ultimo capitolo della tesi è dedicato al confronto dei due sistemi sotto i seguenti aspetti: contesto “ambientale”, ossia la struttura demografica e del mercato del lavoro che caratterizzano le due società, regole di accesso e funzionamento, livello delle prestazioni, impatto delle riforme, struttura e composizione dei pilastri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Da decenni le pensioni sono oggetto di un vasto dibattito politico in molti paesi europei e non. Esse rappresentano una delle maggiori conquiste in campo sociale raggiunte durante il XX secolo, ma, al tempo stesso sono anche la maggior voce di spesa per la protezione sociale nei conti pubblici della maggior parte dei paesi economicamente sviluppati. In alcuni tra questi, la spesa pubblica pensionistica arriva a sfiorare il 15% dell'intera ricchezza prodotta annualmente. Risulta quindi evidente il “trade-off” tra due opposti obiettivi: da un lato il contenimento della spesa pubblica, dall’altro la necessità di garantire alla popolazione anziana un reddito adeguato alle loro esigenze. Da metà degli anni Settanta, i principali sistemi pensionistici europei stanno attraversando una fase di profonda crisi che ha spinto i diversi governi ad intraprendere processi di riforma anche molto radicali. Il deterioramento degli equilibri finanziari non ha risparmiato i sistemi pubblici nazionali di Italia e Germania, anzi, in questi due paesi la crisi delle pensioni ha assunto dimensioni particolarmente preoccupanti. La situazione in Italia è nota a tutti: il dibattito nazionale sulle pensioni satura da anni le pagine dei quotidiani e dei periodici economici e politici del nostro paese. Tuttavia non vi è alcuna chiarezza su quale debba essere la linea politica “ideale” di riforma: i diversi partiti, le associazioni sindacali e Confindustria sembrano avere ognuno proposte differenti riguardo a questo “spinoso” argomento. Ho scelto di scrivere questa tesi per cercare di capire come la questione delle pensioni è stata affrontata in un altro paese europeo. La scelta della Germania non è casuale. Il sistema pensionistico tedesco presenta alcune analogie con quello italiano: entrambi sono finanziati a ripartizione e derivano da un modello di tipo bismarckiano. Inoltre i fenomeni che hanno causato la crisi delle pensioni hanno assunto simili proporzioni nei due paesi selezionati. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calcolo pensioni
inps
pensioni germania
pensioni italia
riforma pensioni
riforma pensioni 2008
riforma pensioni 2009
riforma pensionistica
riforme pensioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi