Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il posizionamento strategico di Chiari attraverso le iniziative culturali

La tesi è volta all'analisi e alla descrizione della stagione artistica relativa all'anno 2008 proposta dall'amministrazione comunale del comune bresciano di chiari come una delle molteplici operazioni attuate al fine di raggiungere una posizione competitiva all'interno del mercato turistico in ambito regionale e nazionale.
Lo scopo che guida l'amministrazione comunale è quello di portare chiari a ricoprire un ruolo di riferimento all'interno del mercato dell'arte.
L'analisi è avvenuta a livello di marketing, sottolineando gli aspetti positivi ma anche le lacune e gli aspetti negativi dell'organizzazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione “Il meraviglioso ci avvolge e ci bagna come l’atmosfera...solo che non ce ne accorgiamo” Charles Baudelaire Chiari cerca di migliorarsi,Chiari va migliorandosi. In un periodo storico caratterizzato dalla globalizzazione, il Comune di Chiari sta invece tentando di riscoprire le proprie tradizioni, le proprie peculiarità. Già, perché la globalizzazione ha l’obiettivo di rendere tutti cittadini del mondo, in un certo senso di omologare, con un’accezione positiva e una negativa. Cittadini del mondo significa poter comunicare in tempo reale dall’Australia al Kuwait, significa poter gestire le proprie relazioni personali e interpersonali dall’Italia al Polo Nord, come se non ci fossero barriere, naturali e non, a impedire questo processo. Barriere, appunto: la globalizzazione ci permette di abbattere gli ostacoli che ci separano da un luogo ad un altro, siano essi naturali, linguistici, economici, sociali, religiosi e culturali. Meglio dire che questo vorrebbe essere l’obiettivo della globalizzazione, renderci cittadini di un unico mondo. In realtà, nel caotico marasma di intenzioni, le persone tendono a divenire individui solitari, incerti riguardo al loro futuro e poco disposti a divenire parte di un’unica società, a cui non sentono di appartenere. Ecco allora che accanto all’omologazione di massa si presenta la volontà di valorizzare le peculiarità di luoghi, persone e società. La difficoltà di conciliare queste due esigenze dominanti del nostro secolo è indubbia, ma le Amministrazioni dei piccoli e grandi centri urbani stanno cercando, attraverso le loro potenzialità e le loro capacità, di rendere possibile la convivenza di questo binomio. Il mio lavoro cerca di mettere in evidenza come il Comune di Chiari, che mi appartiene per nascita e residenza, stia mettendo in gioco tutte le carte a sua disposizione per inserirsi da una parte nel grande contenitore europeo, dall’altra per riscoprire tradizioni, folklore e costumi ormai in decadenza e per valorizzare l’immagine della Città a livello provinciale, regionale e, perché no, nazionale.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Facchetti Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 462 click dal 18/01/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.