Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La società ''democratica'' e i ''diversi'' da Ken Kesey a Milos Forman

Questa tesi è incentrata sul capolavoro cinematografico del regista cecoslovacco Milos Forman : Qualcuno volò sul nido del cuculo.
Il percorso della tesi inizia con il focalizzare la formazione artistica e culturale del regista nel suo paese d'origine il cui punto focale è stato negli anni 60 il fenomeno della nova vlna,una sorta di ribellione culturale al regime vigente in Cecoslovacchia.
La seconda parte si concentra su Ken kesey,autore del libro che ha ispirato il film e sulla controcultura americana, culla dell'anticonformismo di cui erano responsabili le visioni allucinate dei poeti della Beat generation..
Entrambi i due artisti contestano quindi la società in cui vivevano e l'ultima parte si compone della presentazione del film e delle riflessioni che evidenziano il tentativo di Forman, tramite la sua opera, di abbattere il muro eretto dal conformismo allora imperante che considerava "diverse" le persone non inquadrate nel tessuto sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo 1 Milos Forman Paragrafo1: Formazione artistico/culturale Milos Forman: protagonista della nova vlna Milos Forman è cresciuto come regista durante un periodo fondamentale per il cinema cecoslovacco, gli anni sessanta quando esplose il fenomeno della nova’ vlna ( traduzione dal francese nouvelle vague ), cioè quell‟ insieme di esordi cinematografici che, concentrati soprattutto negli anni dal 1962/1963 al 1965/1966, provocarono un radicale cambiamento nel cinema cecoslovacco. Assistiamo in quegli anni al fenomeno del miracolo del cinema di quel paese, un vero e proprio boom a livello artistico/culturale. I vari artisti dell‟epoca, registi, attori, musicisti, poeti e scrittori erano riusciti a rinascere nel vortice di un cambiamento totale della cultura; possiamo dire che l‟arte si stava definendo in maniera nuova. Non fu proprio un movimento codificato ma un massiccio afflusso di nuove idee sul fare arte che si pose immediatamente come modello per gli anni‟60. Sarà il cinema cecoslovacco di quel decennio, con la nuova ondata di registi, sceneggiatori e attori che esordiranno in quel periodo, a creare quel movimento artistico che si impose producendo opere di straordinaria vitalità, che ci davano della società cecoslovacca un‟immagine sfaccettata, critica, problematica, anche polemica e dissacratoria; persino tragica e angosciante. I nuovi cineasti formatisi durante il processo di destalinizzazione e influenzati dalle opere dei registi a loro precedenti ( metà anni cinquanta ) erano un gruppo di persone legate tra loro da rapporti di collaborazione e di confronto, con una formazione comune alla Famu di Praga. Nelle loro opere troviamo una visione molto personale della realtà, uno sguardo originale, una tensione ideale soggettiva, un modo di fare

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Davide Dusi Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1130 click dal 13/01/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.