Skip to content

Il turismo sostenibile e lo sviluppo locale

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Leonforte
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Vittorio Prof. Ruggero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

Introduzione
Il rapporto fra turismo e ambiente è molto stretto ed indissolubile, poiché il turismo è un comparto di attività economica basato sulla disponibilità e sull’utilizzo di risorse ambientali (naturali e culturali) e sulla loro relativa capacità di attrazione.
Essendo il turismo un fenomeno sociale, per sua natura è mutevole nel tempo e nello spazio. L’evolversi della società genera una continua trasformazione nelle necessità e nei bisogni degli individui e ciò rende talvolta la sola disponibilità di risorse ambientali insufficiente a garantire lo sviluppo turistico.
Tuttavia il rapporto fra turismo e ambiente da luogo ad una situazione che presenta aspetti paradossali: il turismo per esistere ha bisogno delle risorse ambientali, ma utilizzandole contestualmente le consuma; inoltre, più il settore si espande più si intensifica l’uso delle risorse che utilizza e quindi il loro consumo, più l’espansione è veloce e meno si avrà percezione dei danni che si determinano nella disponibilità e nella qualità delle risorse ambientali.
Considerando che tale disponibilità non è illimitata e che buona parte delle risorse consumate non sono riproducibili, privilegiando solo logiche di tipo espansionistico il turismo finirebbe con l’autodistruggersi contribuendo tra l’altro a creare danni rilevanti per l’umanità nel suo complesso.
In conseguenza di questo dibattito, ed al fine di superare tali problemi, da una decina d’anni si sta sempre più facendo strada il concetto di “turismo sostenibile”, che sta incominciando a trovare specifiche applicazioni e che riprendendo le definizioni più diffuse, si basa sull’idea che le attività turistiche debbono: rispettare la cultura e l’ambiente delle aree in cui si sviluppa; coinvolgere le popolazioni locali; considerare i costi e i benefici dell’attività turistica non soltanto nel contingente ma anche nei tempi futuri, avendo cura che i costi e i benefici siano equamente distribuiti fra gli ospitati e gli ospitanti; assicurare la protezione dell’ambiente anche per le generazioni future; integrare il più possibile il turismo negli altri settori economici; valutare l’impatto ce il turismo può avere sull’ambiente naturale e culturale e prendere le misure adeguate.
Ai giorni d’oggi quindi tale concetto di turismo sostenibile ben si lega con quello di Sviluppo Locale, infatti dapprima con la legge n. 135 del 29 marzo 2001 (Legge quadro per il turismo) che disciplina il turismo su base locale emanata dal Governo Nazionale si arriva alla emanazione della Legge Regionale Siciliana n. 10 del 15 settembre 2005 che introduce, un’importante figura per lo sviluppo sostenibile locale siciliano, e cioè “i Distretti Turistici”.
Tali Distretti, che ricalcano il concetto dei Sistemi Turistici Locali sviluppato dalla Legge 135/2001, formano un “trampolino di lancio” per tutto il nuovo Turismo Sostenibile Siciliano provando a rilanciare questo nuovo concetto di turismo e nello stesso tempo cercando di dare un’ondata di ripresa a quelle aree disagiate che hanno avuto la sfortuna di essere situate nell’entroterra della nostra amata Isola.
Da qui il progetto, che verrà trattato nel terzo capitolo di questo elaborato, di un distretto turistico nella provincia di Enna denominato “Geopark Rocca di Cerere”, che dovrà essere una prima iniziativa di turismo sostenibile in questa provincia così poco attiva in ambito di turismo pur avendo una terra che ci offre una miriade di luoghi di straordinaria bellezza e tanta gente con voglia di fare e crescere anche in un ottica sociale ed economica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il rapporto fra turismo e ambiente è molto stretto ed indissolubile, poiché il turismo è un comparto di attività economica basato sulla disponibilità e sull’utilizzo di risorse ambientali (naturali e culturali) e sulla loro relativa capacità di attrazione. Essendo il turismo un fenomeno sociale, per sua natura è mutevole nel tempo e nello spazio. L’evolversi della società genera una continua trasformazione nelle necessità e nei bisogni degli individui e ciò rende talvolta la sola disponibilità di risorse ambientali insufficiente a garantire lo sviluppo turistico. Tuttavia il rapporto fra turismo e ambiente da luogo ad una situazione che presenta aspetti paradossali: il turismo per esistere ha bisogno delle risorse ambientali, ma utilizzandole contestualmente le consuma; inoltre, più il settore si espande più si intensifica l’uso delle risorse che utilizza e quindi il loro consumo, più l’espansione è veloce e meno si avrà percezione dei danni che si determinano nella disponibilità e nella qualità delle risorse ambientali. Considerando che tale disponibilità non è illimitata e che buona parte delle risorse consumate non sono riproducibili, privilegiando solo logiche di tipo espansionistico il turismo finirebbe con l’autodistruggersi contribuendo tra l’altro a creare danni rilevanti per l’umanità nel suo complesso. In conseguenza di questo dibattito, ed al fine di superare tali problemi, da una decina d’anni si sta sempre più facendo strada il concetto di “turismo sostenibile”, che sta incominciando a trovare specifiche applicazioni e che riprendendo le definizioni più diffuse, si basa sull’idea che le attività turistiche debbono: rispettare la cultura e l’ambiente delle aree in cui si sviluppa; coinvolgere le popolazioni locali; considerare i costi e i benefici dell’attività turistica non soltanto nel contingente ma anche nei tempi futuri, avendo cura che i costi e i benefici siano equamente distribuiti fra gli ospitati e gli ospitanti; assicurare la protezione dell’ambiente anche per le generazioni future; integrare il più possibile il turismo negli altri settori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

distretto turistico
economia territorio
sostenibile
sviluppo sostenibile
turismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi