Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mediazione interculturale tra donne: linguaggio verbale e corporeità nel caso Alma Mater

La mediazione interculturale nel caso Alma Mater di Torino.
Una mediazione al femminile, tra donne native e migranti. Un centro interculturale di donne come servizio per la città e come sostegno per le donne, immigrate e non, in difficoltà. Il corpo come lente di ingrandimento attraverso cui osservare, proporre e migliorare la comunicazione interculturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Questo progetto di tesi vuole essere l'elaborato finale della mia esperienza di studio al Master in Gestione dei Conflitti Interculturali e Interreligiosi, e di tirocinio al Centro Interculturale di Donne Alma Mater, a Torino. Partendo da un'analisi sul concetto di mediazione, sulla differenza tra multiculturalismo e intercultura, sviluppo così lo stage tenuto presso l'intera struttura di Alma Mater: all'Associazione Alma Terra, per la mediazione e i laboratori linguistici di italiano, e presso il Centro Alma Teatro e l'Hammam della Cooperativa La Talea. La lente di ingrandimento, attraverso cui ho voluto guardare quest'esperienza, è il corpo, che nella mediazione tra donne diviene simbolo e vincolo della comunicazione interculturale e della ricerca di integrazione dell'individuo. Il corpo, in tutta la sua espressione, vissuto nella sua quotidianità, nella sua saggezza attraverso cui parla senza parole, il corpo come ciò che ci unisce e ci divide dall'altro, e come memoria di ciò che siamo ma anche come punto di slancio per ciò che possiamo diventare. Il corpo come emancipazione della donna da modelli patriarcali di oppressione, come valorizzazione della donna nelle sue arti e nei suoi saperi, con cui può aprire e far crescere un vero dialogo interculturale. Il corpo e le sue cicatrici, come simbolo di mutilazioni che noi donne accettiamo per tradizione o per moda, dalle mutilazioni genitali femminili alla chirurgia estetica, o come cicatrici di guerra e di “viaggi senza ritorno”; il corpo come luogo “pubblico” e “privato” e come modo di vivere gli spazi.

Tesi di Master

Autore: Laura Gadducci Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2465 click dal 27/01/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.