Skip to content

L'italiano del display, lo scritto-parlato degli sms

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Tronci
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scritture giornalistiche e multimedialità
  Relatore: Marcello Aprile
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 230

Negli ultimi decenni l’evoluzione tecnologica ha modificato profondamente le modalità di comunicazione e di scambio di informazioni. All’interno della proliferazione di una vasta gamma di nuove forme di mediazione della comunicazione interpersonale, lo Short Message Service (SMS), la funzione che consente di inviare e ricevere brevi messaggi testuali tra telefonini predisposti per questo servizio, ha conquistato con il tempo una grande diffusione. I messaggini, detti anche SMS, sono nati nel 1992 come sistema di comunicazione di servizio per gli operatori della telefonia mobile e sono oggi usati quotidianamente da milioni di persone nel mondo. Nato per consentire di mantenersi sempre in contatto e garantire la reperibilità dell’utente, il telefonino si è rivelato col tempo uno strumento molto versatile, che ben si presta a pratiche meno utilitaristiche e sempre più ludiche. Così anche l’uso dei brevi messaggi di testo, da opzione secondaria da utilizzare solo in caso di necessità, è divenuto una vera e propria modalità comunicativa.
Questo lavoro prende in esame un corpus di messaggini scritti da adolescenti, giovani, adulti e anziani analizzandone le principali caratteristiche, soprattutto dal punto di vista linguistico. Lo strumento adottato per l’analisi dei testi è la concordanza.
Nel primo capitolo si propone una breve ricostruzione della storia della telefonia in generale, con particolare attenzione per l’evoluzione tecnologica della telefonia mobile; si evidenzia come nell’arco di un cinquantennio il cellulare, che all’inizio sembrava essere un’incomprensibile diavoleria tecnologica, sia diventato un vero e proprio status symbol, perfezionandosi sempre più ed offrendo una serie di servizi che ne fanno oggi quasi un prolungamento artificiale del nostro corpo.
Nel secondo capitolo viene presentata la ricerca, condotta su un corpus di 400 sms, costituito da 7384 occorrenze riconducibili a 1.530 lemmi. Dopo una rapida presentazione del gruppo di autori − venti maschi e venti femmine divisi in quattro fasce d’età (adolescenti, giovani, adulti e anziani), quasi tutti residenti a Lecce o nella provincia −, sono descritti i criteri di analisi dei messaggini e gli strumenti per l’archiviazione e il trattamento elettronico dei dati. La peculiarità di questi testi, ricchi di abbreviazioni e di deviazioni dalla ‘norma’, non ha consentito l’utilizzazione di un software specifico per la redazione della concordanza: si è perciò deciso di procedere manualmente alla lemmatizzazione e alla categorizzazione immettendo i dati in un database appositamente costruito.
I risultati della ricerca sono presentati nel terzo capitolo. L’analisi linguistica evidenzia che gli sms sembrano seguire ‘regole’ peculiari, con numerose deviazioni dall’italiano standard, norme non scritte ma condivise dal popolo dal pollice veloce. L’esigenza di brevità, dovuta al numero ridotto di caratteri a disposizione, induce ad un ampio uso di abbreviazioni: accanto a forme quasi codificate, si rileva la tendenza costante all’omissione delle vocali. La rapidità della digitazione determina una strutturazione in itinere e non revisionata, con numerose discordanze di genere e numero, omissioni e usi impropri di accenti, fenomeni di ipo e ipersegmentazione. Molti sono i tratti tipici del parlato, come l’uso e l’abuso del “che” polivalente, la sovraestensione dell’indicativo sul congiuntivo, il frequente ricorso a fatismi. Non mancano forestierismi, soprattutto anglicismi, e espressioni dialettali. I vari disfemismi e le espressioni scatologiche rilevate sembrano un indice dello stretto rapporto confidenziale esistente tra emittente e destinatario.
Analizzando le parole contenuto più frequenti all’interno del corpus di sms presi in esame, si propone un confronto con il corpus del Lessico di frequenza dell’italiano parlato per notare eventuali analogie e differenze in merito alle voci lessicali maggiormente utilizzate.
Sulla base delle liste ricavate è stato infine compilato un piccolo glossario contenente i lemmi peculiari della lingua degli sms, ovvero le grafie abbreviate e i termini che possono essere considerati delle neoconiazioni.

Si riportano in appendice
1. il corpus analizzato, trascritto fedelmente;
2. il lessico di frequenza, cioè la lista dei lemmi in ordine alfabetico con le forme di ciascun lemma e le rispettive frequenze;
3. la lista dei lemmi in ordine di rango, cioè per frequenza decrescente;
4. la lista dei lemmi raggruppati per categoria grammaticale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Negli ultimi decenni l’evoluzione tecnologica ha modificato profondamente le modalità di comunicazione e di scambio di informazioni. All’interno della proliferazione di una vasta gamma di nuove forme di mediazione della comunicazione interpersonale, lo Short Message Service (SMS), la funzione che consente di inviare e ricevere brevi messaggi testuali tra telefonini predisposti per questo servizio, ha conquistato con il tempo una grande diffusione. I messaggini, detti anche SMS, sono nati nel 1992 come sistema di comunicazione di servizio per gli operatori della telefonia mobile e sono oggi usati quotidianamente da milioni di persone nel mondo. Nato per consentire di mantenersi sempre in contatto e garantire la reperibilità dell’utente, il telefonino si è rivelato col tempo uno strumento molto versatile, che ben si presta a pratiche meno utilitaristiche e sempre più ludiche. Così anche l’uso dei brevi messaggi di testo, da opzione secondaria da utilizzare solo in caso di necessità, è divenuto una vera e propria modalità comunicativa. Questo lavoro prende in esame un corpus di messaggini scritti da adolescenti, giovani, adulti e anziani analizzandone le principali caratteristiche, soprattutto dal punto di vista linguistico. Lo strumento adottato per l’analisi dei testi è la concordanza. Nel primo capitolo si propone una breve ricostruzione della storia della telefonia in generale, con particolare attenzione per l’evoluzione tecnologica della telefonia mobile; si evidenzia come nell’arco di un cinquantennio il cellulare, che all’inizio sembrava essere un’incomprensibile diavoleria tecnologica, sia diventato un vero e proprio status symbol, perfezionandosi sempre più ed offrendo una serie di servizi che ne fanno oggi quasi un prolungamento artificiale del nostro corpo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abbreviazioni
cellulare
corpus
display
frequenza
italiano
lingua
messaggi
messaggino
parlato
pollice
rango
scritto
sms
telefonino
telefono
thumb
token

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi