Skip to content

Mutui subprime e crisi finanziaria: evidenze dal mercato italiano dei mutui

Informazioni tesi

  Autore: Anna Strazzullo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche internazionali
  Relatore: Francesca Battaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

Nel seguente elaborato si analizzano la nascita e lo sviluppo della crisi finanziaria negli U.S., focalizzando principalmente l’attenzione sul nuovo modello di business utilizzato dagli intermediari che si basa sul finanziamento del credito ipotecario ad un nuovo segmento di clientela, escluso nel passato dal circuito del finanziamento, definito subprime, il quale è caratterizzato da condizioni precarie di affidabilità dal punto di vista finanziario. E’ bene precisare che lo sviluppo ed il conseguente fallimento di tale modello è solo una concausa della manifestazione della crisi; tuttavia, si è scelto di analizzare nel dettaglio tale argomento al fine di evidenziare l’impatto della stessa crisi sul mercato italiano dei mutui e di effettuare un confronto tra le caratteristiche di tali strumenti di finanziamento nei due Paesi. Tale confronto si ritiene necessario al fine di comprendere il motivo per il quale la dimensione della crisi negli U.S. è di gran lunga superiore in confronto all’Italia.
La crisi finanziaria origina negli U.S. e si manifesta a partire dalla seconda metà del 2007; tuttavia, si precisa che essa affonda le radici nei cambiamenti normativi e nel funzionamento dei mercati finanziari che caratterizzano il Paese da molti anni addietro e che contribuiscono fortemente ad incentivare gli intermediari ad erogare i mutui alla clientela subprime. Per cui, di fatto, nel primo capitolo, prima di analizzare nel dettaglio le caratteristiche contrattuali dei mutui subprime e l’evoluzione di tale segmento del mercato del credito nell’ultimo decennio, l’analisi si concentra sui cambiamenti strutturali che caratterizzano gli U.S., concernenti le condizioni di erogazione del credito ipotecario e l’operazione della cartolarizzazione. L’approfondimento di quest’ultimo argomento è funzionale alla comprensione del motivo per il quale il mercato dei mutui subprime sperimenta una crescita sostenuta, nonostante gli intermediari specializzati nell’erogazione dei mutui sono a conoscenza del rischio di credito associato a tali mutuatari. Dunque, il discorso si focalizza su come tale tecnica viene utilizzata dagli intermediari statunitensi, con il duplice scopo di ottenere immediatamente il capitale erogato al fine di erogare ulteriori mutui e, parallelamente, di trasferire e di diversificare, attraverso una lunga catena di intermediazione, il rischio insito nei mutui subprime agli operatori che partecipano al mercato finanziario. Di fatto, l’esposizione da parte degli intermediari in titoli della finanza strutturata, che hanno come sottostante i mutui subprime ed il conseguente investimento da parte degli investitori finali in tali titoli, è il motivo principale per il quale la crisi finanziaria si propaga in tutto il mondo. Per cui, nel secondo capitolo l’analisi si concentra sull’impatto della crisi sul sistema bancario italiano evidenziando, nello specifico, gli effetti sul mercato dei mutui. L’analisi dell’andamento di quest’ultimo non può prescindere da quella del mercato immobiliare residenziale, giacché si rileva una forte connessione tra i due mercati. In questo senso, si osserva che, nell’ultimo decennio, l’espansione del credito ipotecario sia in termini di domanda, sia in termini di offerta, si accompagna ed è favorito da un’altrettanta espansione del mercato immobiliare residenziale. Dunque, dopo aver analizzato nello specifico i due mercati, l’analisi si concentra sugli effetti della crisi subprime sul mercato italiano dei mutui ipotecari, sia dal lato dell’offerta, sia dal lato della domanda.
Si precisa che, nell’ultimo decennio, negli U.S. e in Italia, la crescita sostenuta del mercato dei mutui ipotecari è favorita da un contesto macroeconomico favorevole, caratterizzato da bassi tassi d’interesse bancari applicati sui suddetti prestiti. Per cui, nel terzo capitolo, si analizza nel dettaglio tale aspetto effettuando, ancora una volta, un confronto tra i due Paesi.
Infine, l’attenzione si focalizza sul trattamento delle garanzie immobiliari nell’ambito del Nuovo Accordo sul Capitale (Basilea II), così come recepito dalla Circolare n. 263/2006 della Banca d’Italia cogliendo, laddove esistano in tale ambito, le differenze tra le due discipline. L’elaborato termina con alcune considerazioni sulle modalità con cui il rispetto dei requisiti patrimoniali a fronte del rischio di credito, di fatto, ha influito sul comportamento degli intermediari creditizi nei due Paesi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Nel seguente elaborato si analizzano la nascita e lo sviluppo della crisi finanziaria negli U.S., focalizzando principalmente l’attenzione sul nuovo modello di business utilizzato dagli intermediari che si basa sul finanziamento del credito ipotecario ad un nuovo segmento di clientela, escluso nel passato dal circuito del finanziamento, definito subprime, il quale è caratterizzato da condizioni precarie di affidabilità dal punto di vista finanziario. E’ bene precisare che lo sviluppo ed il conseguente fallimento di tale modello è solo una concausa della manifestazione della crisi; tuttavia, si è scelto di analizzare nel dettaglio tale argomento al fine di evidenziare l’impatto della stessa crisi sul mercato italiano dei mutui e di effettuare un confronto tra le caratteristiche di tali strumenti di finanziamento nei due Paesi. Tale confronto si ritiene necessario al fine di comprendere il motivo per il quale la dimensione della crisi negli U.S. è di gran lunga superiore in confronto all’Italia. La crisi finanziaria origina negli U.S. e si manifesta a partire dalla seconda metà del 2007; tuttavia, si precisa che essa affonda le radici nei cambiamenti normativi e nel funzionamento dei mercati finanziari che caratterizzano il Paese da molti anni addietro e che contribuiscono fortemente ad incentivare gli intermediari ad erogare i mutui alla clientela subprime. Per cui, di fatto, nel primo capitolo, prima di analizzare nel dettaglio le caratteristiche contrattuali dei mutui subprime e l’evoluzione di tale segmento del mercato del credito nell’ultimo decennio, l’analisi si concentra sui cambiamenti strutturali che caratterizzano gli U.S.,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cartolarizzazione
circolare 263/2006
conseguenze della crisi negli usa
credito subprime
crisi finanziaria
impatto della crisi finanziaria sul mercato italia
mercato dei mutui in italia durante la crisi finan
mercato immobiliare italiano
mercato immobiliare statunitense
mutui italia
mutui subprime
prezzi immobili in italia
prezzi immobili negli usa
tassi d'interesse su mutui italiani
tassi d'interesse su mutui statunitensi
tassi d'interesse sui mutui
tassi interesse
trattamento garanzie immobiliari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi