Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dell'Onu nel conflitto in Iraq

Gli anni novanta del ventesimo secolo sono stati caratterizzati da un cambiamento nelle relazioni internazionali epocale; con la distensione dei rapporti tra Est e Ovest e col simbolico abbattimento del muro di Berlino nel 1989, ci si lasciò alle spalle un sistema di alleanze condizionato dal “bipolarismo” e una strategia militare incentrata sulla deterrenza nucleare (l’“equilibrio del terrore”), e si guardò ad un possibile, anche se incerto quanto indefinito, Nuovo ordine mondiale come ebbe a definirlo il Presidente degli Stati Uniti George Bush nel 1990, perciò a un nuovo assetto geopolitico dell’arena internazionale e con esso a nuove strategie militari di pacificazione.
L’ultimo decennio del secolo ha visto una proliferazione delle situazioni di crisi per la pace e la sicurezza internazionale dovute all’aggravarsi delle tensioni a livello intra-statuale e ai conflitti localizzati che ne derivano; in tale contesto post-guerra fredda, l’ONU, non più paralizzata dai veti incrociati delle superpotenze all’interno del Consiglio di sicurezza, ha cominciato a svolgere con maggiore frequenza e vigore, dopo un quarantennio di relativa stagnazione, il proprio ruolo nel perseguimento del suo obiettivo primario consistente nel mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, e, in funzione di ciò, ha potuto intervenire, direttamente o attraverso delega agli Stati Membri, realmente nelle situazioni di crisi.
Nonostante questo attivismo, non sono mancati i fallimenti (Somalia, Ruanda, Bosnia, ecc.) che hanno evidenziato sia la scarsa volontà delle grandi Potenze di affrontare con approccio multilaterale le situazioni di crisi sia l’impreparazione dell’ONU a dare una risposta efficace alle nuove patologie della vita di relazione internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Gli anni novanta del ventesimo secolo sono stati caratterizzati da un cambiamento nelle relazioni internazionali epocale; con la distensione dei rapporti tra Est e Ovest e col simbolico abbattimento del muro di Berlino nel 1989, ci si lasciò alle spalle un sistema di alleanze condizionato dal “bipolarismo” e una strategia militare incentrata sulla deterrenza nucleare (l’“equilibrio del terrore”), e si guardò ad un possibile, anche se incerto quanto indefinito, Nuovo ordine mondiale come ebbe a definirlo il Presidente degli Stati Uniti George Bush nel 1990, perciò a un nuovo assetto geopolitico dell’arena internazionale e con esso a nuove strategie militari di pacificazione. L’ultimo decennio del secolo ha visto una proliferazione delle situazioni di crisi per la pace e la sicurezza internazionale dovute all’aggravarsi delle tensioni a livello intra-statuale e ai conflitti localizzati che ne derivano; in tale contesto post-guerra fredda, l’ONU, non più paralizzata dai veti incrociati delle superpotenze all’interno del Consiglio di sicurezza, ha cominciato a svolgere con maggiore frequenza e vigore, dopo un quarantennio di relativa stagnazione, il proprio ruolo nel perseguimento del suo obiettivo primario consistente nel mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, e, in funzione di ciò, ha potuto intervenire, direttamente o attraverso delega agli Stati Membri, realmente nelle situazioni di crisi. Nonostante questo attivismo, non sono mancati i fallimenti (Somalia, Ruanda, Bosnia, ecc.) che hanno evidenziato sia la scarsa volontà delle grandi Potenze di affrontare con approccio multilaterale le situazioni di crisi sia l’impreparazione dell’ONU a dare una risposta efficace alle nuove patologie della vita di relazione internazionale. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Piero Luca Monaco Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1162 click dal 22/01/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.