Skip to content

Strategie di marketing adottate dai centri sportivi

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Mondonico
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Filippo Insinga
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

Lo sport è un fenomeno che nell’ultimo secolo ha pervaso prepotentemente la società. Da fenomeno elitario si è trasformato in un fenomeno di massa coinvolgendo milioni di persone in tutto il mondo, che lo praticano, lo seguono e lo vivono. Così come la società ha subito un’evoluzione rapida negli ultimi vent’anni, l’universo dello sport ha vissuto un cambiamento radicale.
Lo sport prima era considerato un’attività minore, ma nel corso degli anni si è passati da una visione esclusivamente ludica, a una concezione di tipo aziendalistico e orientata al mercato, evolvendosi così da semplice spettacolo a industria del tempo libero, una realtà dove etica, affari, interesse pubblico e rigorosità manageriale devono necessariamente convivere.
Oggi lo sport è un’importante attività economica. Essa rappresenta in Italia una delle cinque maggiori industrie, con un volume d’affari pari a circa il 2,7% del PIL (42,5 miliardi di euro) e costituisce un settore in rapida crescita e in continua evoluzione, nonché una delle forme di entertainment più diffuse.
Puntare sempre più all'entertainment, sviluppare i servizi e creare una forte politica di brand è uno degli obiettivi della società Ac Milan, che ha dato vita nelle scorse settimane a Milan Entertainment, una società nata per accrescere ulteriormente il proprio core business. Questa strategia verrà utilizzata su internet,che rappresenta lo strumento di contatto, che permette di comunicare con i tifosi, di creare nuove forme di intrattenimento: un intrattenimento quotidiano e sempre di qualità .
I possibili core-business, per garantire a tutti gli attori (società, federazioni e sponsor), dei ricavi rilevanti, sono molteplici e sono: le potenzialità dell’ampiezza del mercato, l’alto grado di coinvolgimento e l’ampia visibilità che è in grado di assicurare a sponsor e partner commerciali tramite proventi indiretti ,come i diritti televisivi e diretti.
Va però rilevato che il modello che ha fatto prosperare lo sport fino ad oggi in Italia è in crisi: infatti, nella gestione strategica del sistema-sport è mancata per troppo tempo la logica dell’equilibrio economico-finanziario. Alle ingenti uscite monetarie non ha fatto seguito né un’adeguata politica di sfruttamento delle diverse opportunità-fonti di ricavo offerte, né un’ottimizzazione amministrativa da parte degli addetti ai lavori.
Questo stato attuale di squilibrio patrimoniale, ha indotto gli imprenditori e i manager sportivi a osservare e analizzare i modelli aziendali del sistema-sport europeo e americano in modo da attingere a nuove modalità gestionali finalizzate al miglioramento e all’aggiornamento delle strategie di mercato.
Il mantenimento e soprattutto il miglioramento del livello attuale raggiunto, non può prescindere da una seria programmazione fondata su specifiche strategie operative, sull’utilizzo di particolari tecniche di marketing e su un adeguato sviluppo economico e organizzativo.
La gestione diretta degli impianti sportivi, in particolare, alla luce del modello americano, inglese e olandese si enuncia come una risorsa basilare di diversificazione delle entrate che in un prossimo futuro assumerà un’importanza fondamentale anche in Italia. La logica che deve muovere tutte le considerazioni sulla gestione degli impianti sportivi è quella di massimizzare le potenzialità dell’impianto tramite politiche di naming , pubblicità, sponsorship, merchandising, attività commerciali e partenship, specialmente in quelle realtà che non beneficiano di proficui contratti televisivi, creando situazioni di vantaggio per tutti: l’impresa che gestisce l’impianto, le società sportive, gli spettatori, le aziende, gli sponsor, i produttori di beni e servizi, i media, i promoter, la città stessa che ospita l’impianto, sviluppando un sistema integrato in cui ogni singolo soggetto faccia la sua parte e ne tragga i benefici per qualificarsi in termini professionali. Così facendo si arriva a raggiungere un risultato d’immagine in chiave di innovazione e visibilità, entrambi obiettivi rilevanti per la strategia di marketing di una qualsiasi impresa.
Va, infatti, osservato che tra sport e business c’è sempre stato un continuo intreccio, una connessione che influenza l’evoluzione del fenomeno nel tempo.
Si deve superare il concetto che vede il marketing nello sport come una minaccia; in realtà è un’attività che se svolta con intelligenza e con professionalità può consentire ingenti vantaggi a tutti coloro che si muovono intorno a questo mondo. In altre parole lo sport è divenuto un prodotto industriale ed è diventato così importante da non poter essere gestito con l’improvvisazione e la buona volontà, necessita la presenza di professionisti qualificati e preparati anche sul piano dei metodi, degli strumenti e delle tecniche da applicare nel loro operare quotidiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Lo sport è un fenomeno che nell’ultimo secolo ha pervaso prepotentemente la società. Da fenomeno elitario si è trasformato in un fenomeno di massa coinvolgendo milioni di persone in tutto il mondo, che lo praticano, lo seguono e lo vivono. Così come la società ha subito un’evoluzione rapida negli ultimi vent’anni, l’universo dello sport ha vissuto un cambiamento radicale. Lo sport prima era considerato un’attività minore, ma nel corso degli anni si è passati da una visione esclusivamente ludica, a una concezione di tipo aziendalistico e orientata al mercato, evolvendosi così da semplice spettacolo a industria del tempo libero, una realtà dove etica, affari, interesse pubblico e rigorosità manageriale devono necessariamente convivere. Oggi lo sport è un’importante attività economica. Essa rappresenta in Italia una delle cinque maggiori industrie, con un volume d’affari pari a circa il 2,7% del PIL (42,5 miliardi di euro) e costituisce un settore in rapida crescita e in continua evoluzione, nonché una delle forme di entertainment più diffuse. Puntare sempre più all'entertainment, sviluppare i servizi e creare una forte politica di brand è uno degli obiettivi della società Ac Milan, che ha dato vita nelle scorse settimane a Milan Entertainment, una società nata per accrescere ulteriormente il proprio core business. Questa strategia verrà utilizzata su internet,che rappresenta lo strumento di contatto, che permette di comunicare con i tifosi, di creare nuove forme di intrattenimento: un intrattenimento quotidiano e sempre di qualità1. I possibili core-business, per garantire a tutti gli attori (società, federazioni e sponsor), dei ricavi rilevanti, sono molteplici e sono: le potenzialità dell’ampiezza del mercato, l’alto grado di coinvolgimento e l’ampia visibilità che è in grado di assicurare a sponsor e partner commerciali tramite proventi indiretti ,come i diritti televisivi e diretti. Va però rilevato che il modello che ha fatto prosperare lo sport fino ad oggi in Italia è in crisi: infatti, nella gestione strategica del sistema-sport è mancata per troppo tempo la logica dell’equilibrio economico-finanziario. Alle ingenti uscite monetarie non ha fatto seguito né un’adeguata politica di sfruttamento delle diverse opportunità-fonti di ricavo offerte, né un’ottimizzazione amministrativa da parte degli addetti ai lavori. 1Cfr.: http://www.businessonline.it

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

business sport
marketing sport
marketing sportivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi