Skip to content

La politica europea di sicurezza e di difesa: percorso storico

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Liva
  Tipo: Tesi di Master
Master in Peace building management
Anno: 2009
Docente/Relatore: Rachele Schettini
Istituito da: Pontificia facoltà teologica San Bonaventura
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

L'Europea sta facendo passi da gigante verso una vera e propria integrazione, non soltanto grazie al trattato di Lisbona che più che un accordo fra Stati vuole essere una vera e propria carta costituzionale per tutti i cittadini dell'Unione, ma anche e soprattutto grazie alla volontà dei popoli che pur nelle loro diversità si riconoscono in comuni radici culturali, religiose ed umanistiche.
La scelta di approfondire l'aspetto della politica di sicurezza e di difesa va ricercata nella convinzione che, non solo gli scambi commerciali, le politiche economiche oppure le regole comuni possano contribuire alla creazione di un'entità unica e distinta dai vari Stati Membri, quanto piuttosto la sensazione che i cittadini percepiscono di appartenere ad un'unica grande Unione, rassicurante, accogliente e protettiva, con una grande capacità difensiva che, come dimostra la storia, determina il prestigio e l'invincibilità internazionale di una regione. Infatti, in un mondo caratterizzato dall'apertura sempre maggiore delle frontiere e dall'incremento degli scambi, dall'evoluzione tecnologica, dalla diffusione della democrazia e dalla maggiore interconnessione nel settore dei trasporti, dell'energia, dell'informazione hanno portato ad un'indissolubile interconnessione degli aspetti interni ed esterni della sicurezza fra le Nazioni che, inoltre, risulta essere uno dei prerequisiti dello sviluppo.
In particolare, poi, abbiamo voluto approfondire il modo in cui il concetto di sicurezza comune si è sviluppato in quello di difesa comune, e come l'idea di avere un esercito europeo si sia piano piano formata senza però arrivare a tutt'oggi ad una conclusione. Inoltre ci è sembrato opportuno analizzare il rapporto che l'Unione Europea ha con la NATO nell'ambito della sicurezza comune. Quali sono le difficoltà ma anche le ragioni di una necessaria collaborazione fra le due entità.
La creazione dell'Unione Europea ha rappresentato l'elemento centrale dell’evoluzione, che ha trasformato le relazioni fra gli Stati Membri e la vita dei loro cittadini, grande testimonianza dell'impegno preso per risolvere le controversie per via pacifica e a cooperare tramite istituzioni comuni trasformandosi da Stati autoritari( alcuni), in democrazie stabili e sicure. Nonostante questo, però, L'Europa deve ancora far fronte a minacce e sfide alla sicurezza come per esempio il conflitto in Afghanistan, che ci ricorda che la guerra non è scomparsa definitivamente dal mondo ma che rimane sempre in agguato mietendo vittime civili, ma anche soldati andati in pace per la ricostruzione. Ci accorgeremo, anche, come il concetto tradizionale di autodifesa quale risposta alla minaccia di invasione debba essere necessariamente rivisto, in un'epoca di globalizzazione totale in cui i problemi e le difficoltà non sono a carico di un solo paese ma di tutta la comunità mondiale. L’Unione Europea deve porsi come attore globale rendendosi, grazie al sempre maggiore rafforzamento della reciproca solidarietà dell'UE, un attore più credibile ed efficace ed allo stesso tempo dovrà essere pronta ad assumersi la sua parte di responsabilità per la sicurezza mondiale e nell'edificazione di un mondo migliore e più sicuro.
Contrariamente a quanto succedeva in passato, nessuna delle nuove minacce è esclusivamente militare e può essere quindi risolta con soli mezzi militari, richiedendo una combinazione di strumenti quali, il controllo dei traffici internazionali, le pressioni politiche, gli aiuti economici, gli strumenti giudiziari, di polizia e di intelligence che l’Europa deve risolversi ad utilizzare. Il cittadino europeo, oggi più che mai, crede in un immagine dell’Europa democratica e impegnata nella lotta contro la criminalità transfrontaliera, nel controllo dei flussi migratori, ma anche nell’accoglienza dei richiedenti asilo e dei profughi provenienti da regioni di conflitto periferiche. Tutti questi impegni possono finalmente essere assolti attraverso una cooperazione reciproca ed una più viva presenza nelle questioni di politica estera, di sicurezza e di difesa di tutti gli Stati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L'Europea sta facendo passi da gigante verso una vera e propria integrazione, non soltanto grazie al trattato di Lisbona che più che un accordo fra Stati vuole essere una vera e propria carta costituzionale per tutti i cittadini dell'Unione, ma anche e soprattutto grazie alla volontà dei popoli che pur nelle loro diversità si riconoscono in comuni radici culturali, religiose ed umanistiche. La scelta di approfondire l'aspetto della politica di sicurezza e di difesa va ricercata nella convinzione che, non solo gli scambi commerciali, le politiche economiche oppure le regole comuni possano contribuire alla creazione di un'entità unica e distinta dai vari Stati Membri, quanto piuttosto la sensazione che i cittadini percepiscono di appartenere ad un'unica grande Unione, rassicurante, accogliente e protettiva, con una grande capacità difensiva che, come dimostra la storia, determina il prestigio e l'invincibilità internazionale di una regione. Infatti, in un mondo caratterizzato dall'apertura sempre maggiore delle frontiere e dall'incremento degli scambi, dall'evoluzione tecnologica, dalla diffusione della democrazia e dalla maggiore interconnessione nel settore dei trasporti, dell'energia, dell'informazione hanno portato ad un'indissolubile interconnessione degli aspetti interni ed esterni della sicurezza fra le Nazioni che, inoltre, risulta essere uno dei prerequisiti dello sviluppo. In particolare, poi, abbiamo voluto approfondire il modo in cui il concetto di sicurezza comune si è sviluppato in quello di difesa comune, e come l'idea di avere un esercito europeo si sia piano piano formata senza però arrivare a tutt'oggi ad una conclusione. Inoltre ci è sembrato opportuno analizzare il rapporto che l'Unione Europea ha con la NATO nell'ambito della sicurezza comune. Quali sono le difficoltà ma anche le ragioni di una necessaria collaborazione fra le due entità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

berlin plus
coopearzione strutturata permanente
i rapporti transatlantici
il consiglio europeo
il parlamento europeo
il trattato di lisbona
il trattato di maastricht
il trattato di nizza
il trattato unione europea
l'italia e la pesc
l'italia e la pesd
l'unione europea
la costituzione europea
la politica di sicurezza europea dopo nizza
pesc
pesd
strategie di difesa europea
unione europea - nato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi