Skip to content

Utopie e realtà dell'economia all'idrogeno tra teoria e applicazioni

Informazioni tesi

  Autore: Martino Sotgiu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Teodoro Dario Togati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 217

Critica e approfondimento dinamiche economiche dell'economia all'idrogeno.
La panoramica fatta sul sistema energetico attuale, basato principalmente sull’energia scaturita dai combustibili fossili, ha evidenziato come esso sia pervaso da alcuni problemi strutturali:

1. Il legame troppo stretto con le risorse fossili, in particolare con il petrolio, se si considera il suo uso nel settore dei trasporti;
2. L’eccessive emissioni antropiche di gas serra e di agenti inquinanti capaci di modificare il clima terrestre e di diminuire il benessere delle popolazioni della terra;
3. Limitatezza delle risorse che sono alla base dell’attuale mix energetico. Questo fattore, unito al primo, rende vulnerabili i paesi consumatori dalle decisioni e dalle scelte dei paesi produttori, innescando delle tensioni geopolitiche difficilmente gestibili nel lungo periodo.

La necessità di rivedere le basi del sistema energetico è quindi pressante. Non vi è però scarsità energetica sul nostro pianeta e abbiamo avuto modo di evidenziare, nella prima parte della tesi, come vi siano molteplici alternative al petrolio.
Tuttavia, nessuna delle risorse analizzate permetterebbe, da sola, la sostituzione totale della risorsa petrolifera. Per questo tutte le risorse disponibili dovrebbero essere utilizzate nel mix energetico di un paese, cercando di bilanciare attentamente il contributo di ciascuna fonte.
Sempre più spesso il carbone e il nucleare vengono criticate da movimenti ambientalisti convinti che l’unica possibilità per il futuro sia l’utilizzo delle risorse rinnovabili. Chiaramente, la soluzione fornitaci da tali persone è condivisibile ma, sfortunatamente, non è attuabile, sia fisicamente sia economicamente.
Alcuni greenpeacers forse ignorano che per produrre idrogeno è necessario un quantitativo energetico superiore a quello che, successivamente, l’idrogeno stesso restituirà. Questa è una certezza fisica, data dalla prima legge della termodinamica che evidenzia come qualsiasi trasformazione generi una perdita dell’energia disponibile.
L’idrogeno, da solo, non costituisce una soluzione e la produzione di idrogeno ha senso solo se l’aumento di rendimento, dato dalle applicazioni finali, compensa la perdita netta avuta nel processo produttivo. Questo è possibile tecnicamente, ma la ricerca deve ancora svilupparsi.
Nel passaggio ad un’economia all’idrogeno, qualsiasi fonte energetica deve essere presa in considerazione (compreso il carbone e la tanto temuta energia nucleare) e non deve essere fatta alcuna discriminazione a riguardo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione “Si, amici miei, credo davvero che un giorno l’acqua sarà impiegata come propellente e che l’idrogeno e l’ossigeno di cui essa è composta, impiegati singolarmente o assieme, forniranno un’inesauribile fonte di calore e luce, e di un’intensità assai maggiore di quella del carbone… sarà l’acqua il carbone del futuro”. Jules Verne, 1874 Con questa affermazione Jules Verne, in un suo libro del 1874, l’Isola Misteriosa, sembrerebbe voler predire il futuro di un mondo alimentato ad idrogeno. Immaginare un mondo alimentato da una fonte di energia pulita e, soprattutto, abbondante in natura, stimolò e stimola ancora la parte futurista ed ambientalista che c’è in ognuno di noi. L’idrogeno è l’elemento chimico più semplice e leggero esistente in natura: formato soltanto da un protone ed un elettrone, compone il 90% degli atomi del nostro universo. Se fosse davvero possibile trovare una fonte inesauribile di idrogeno probabilmente vedremmo risolti tutti i problemi derivati dal reperimento delle fonti di energia e avremmo sicuramente un mondo più pulito e vivibile di quello attuale. Purtroppo per noi, l’idrogeno nativo non è presente nell’ambiente circostante, questo a causa della sua elevata capacità di legarsi agli altri elementi. Non essendo una fonte di energia, l’idrogeno non può che essere considerato un vettore energetico che abbisogna di energia per essere prodotto. Prima di analizzare il “combustibile idrogeno”, da tanti definito “del futuro”, è necessario fare una panoramica sulle problematiche attuali del settore energetico. L’energia preoccupa le persone solamente quando è scarsa: tutti noi ricordiamo i gravi disagi che abbiamo subito, come fruitori di energia elettrica, durante la nota crisi della scorsa estate e dell’estate precedente. Il non poter usare l’energia elettrica per accendere una lampadina, per rinfrescare la nostra stanza, per far funzionare un dispositivo elettro-medicale, ci ha reso coscienti di quanto importante sia l’energia per 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi