Skip to content

Gli interessi protetti dalla responsabilità civile, lineamenti di una comparazione fra Italia e Spagna

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Sartor
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Francesca Fiorentini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

Nel diritto spagnolo, il quadro generale in tema di responsabilità civile è proposto dall’art.1902 codigo civil, il quale dispone che: “colui il quale, per azione od omissione, causa danno ad un altro, se si è in presenza di negligenza o colpa, è obbligato a riparare il danno”.
Nella formulazione di questa disposizione possono scorgersi le ricadute della generale influenza esercitata, nel corso del XIX secolo, sulla dottrina spagnola dalla dottrina francese e dal code Napoleon. Ciò si evince chiaramente dalla fisionomia del codigo civil, francesizzante sia per la struttura, sia per i contenuti.
Sul piano che qui rileva, ossia quello della responsabilità civile, basti notare come la lettera dell’art. 1902 ricalchi pressoché letteralmente quella dell’art. 1382 del Code Napoléon, difatti, in base all’art. 1902, si propone un sistema che corrisponde al principio del neminem laedere, simile a quello francese.
Tuttavia in sede di giudizio, è lasciato all’organo giudicante ampia discrezionalità nella ponderazione degli interessi in gioco. La disciplina in esame è solo minimamente regolata dal codice civile, ed è piuttosto lasciato molto spazio al ruolo della giurisprudenza del Tribunal Supremo.
E’ proprio con riferimento al diritto applicato che può apprezzarsi, nel corso del XX secolo, il grande influsso esercitato dalla dottrina tedesca e, sulla scorta di quest’ultima, di quella italiana, sul sistema spagnolo. All’inizio di questo periodo, la formula ampia dell’art. 1902 c.c. veniva intesa, sulla falsariga del modello tedesco, come attivabile esclusivamente a fronte della lesione di particolari interessi, riconducibili sostanzialmente ai diritti soggettivi assoluti.
E’ solo gradualmente che la dottrina e la giurisprudenza spagnole, seguendo un percorso analogo, ma molto più celere, a quello battuto dai medesimi formanti in Italia, si sono affrancate dalla necessità del riscontro della lesione di un diritto soggettivo assoluto, ai fini della concessione del risarcimento.
Si può così dire, oggi, che i giudici spagnoli attenuano in vero il principio del neminem laedere, senza filtrare le domande risarcitorie in base alla natura non assoluta dell’interesse leso. Ciò non esclude ovviamente che vi siano tuttora molti tipi di danno giudicati irreparabili; ma quando è posto di fronte a tali danni, il giudice spagnolo non argomenta più il rigetto in virtù della natura dell’interesse colpito, e preferisce riferirsi all’assenza di uno degli altri elementi menzionati dall’art. 1902, primariamente del nesso di causalità.
Si è così ristabilita l’originaria vicinanza fra il sistema francese e quello spagnolo, vicinanza che può misurarsi anche sotto un altro profilo. Nel sistema spagnolo, come nel sistema francese e diversamente da quello tedesco, si fa largo ricorso all’imputazione per responsabilità oggettiva, cristallizzata addirittura in una norma generale nel codice civile stesso.
L’art. 1903, difatti, prevede che nella responsabilità extracontrattuale, l’obbligazione di risarcire il danno è esigibile al danneggiante, non solo per gli atti o le omissioni proprie, ma anche per quegli atti o omissioni di quelle persone di cui il danneggiante doveva rispondere.
Inoltre, le leggi speciali che mano a mano vengono promulgate in materia prevedono quasi sempre ipotesi di responsabilità oggettiva. Ne viene che il sistema di responsabilità civile può dirsi fondato sui due pilastri della responsabilità per colpa, da un lato, e della responsabilità oggettiva, dall’altro lato, il che – lo si è già detto, e lo si ripete – segna un ulteriore punto di contatto il sistema spagnolo e quello francese, e un ulteriore punto di frattura con il modello tedesco.
Queste differenze fra i due sistemi di responsabilità, tuttavia, non escludono il fatto che, all’ora attuale, le regole operazionali esistenti in Spagna ed in Italia, quanto alla responsabilità extracontrattuale, siano pressoché coincidenti, almeno nella misura in cui esse proteggono le medesime tipologie di interessi.
E’ questo un dato tanto più rilevante oggi, specie tenuto conto dei numerosi progetti tesi ad uniformare, a livello europeo, la materia della responsabilità, fra i quali merita menzionare quello condotto dallo Study Group on a European Civil Code e dall’European Group on Tort Law.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
~ 4 ~ Introduzione Lo scopo principale di questo elaborato è quello di offrire una breve panoramica delle caratteristiche e della storia del “derecho español”, per poi passare in rassegna l’istituto della responsabilità civile così come è regolato in Italia e in Spagna. La comparazione avverrà attraverso la lente della categoria degli interessi protetti dalla responsabilità civile. Quantunque questi non appartengano al lessico quotidiano della dottrina spagnola, essi appaiono senza dubbio costituire una specula privilegiata per un raffronto complessivo fra i due sistemi di responsabilità. Si tratta di una ricerca che può essere meglio apprezzata considerando come non esistano in Italia manuali di diritto privato comparato italo – spagnolo di grande respiro. Assai spesso la letteratura si limita a descrivere il regime di responsabilità civile in Spagna come un sistema simile a quello italiano o a quello francese, senza in verità andare a coglierne i tratti essenziali. L’indifferenza della dottrina italiana rispetto al sistema spagnolo è molta, ma ciò non significa che le evoluzioni di quest’ultimo non meritino di essere approfondite e non possano rivelarsi foriere di spunti interessanti anche per la dottrina nostrana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

codigo civil
constitucion española
danno
daño
diritto privato comparato
diritto spagnolo
illeciti civili
interessi protetti
responsabilidad civil
responsabilidad extracontractual
responsabilità civile
responsabilità comparata
responsabilità extracontrattuale
tort law

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi