Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo del processo Solvency II

Questa tesi di Laurea Specialistica nasce con la volontà di illustrare i motivi della necessaria riforma sul regime prudenziale, comprensiva dei requisiti patrimoniali delle imprese di assicurazione, denominata Solvency II.
Nel lavoro sono definiti la struttura ed i principî, nonché le principali caratteristiche, della Direttiva Quadro, approvata nella seduta del 22 Aprile 2009. Viene illustrata l’impostazione a tre pilastri attraverso la quale si snoda il sistema prudenziale che dovrà essere maggiormente orientato ai rischi effettivi e, al contempo, più flessibile. Il CEIOPS (Committee of European Insurance and Occupational Pensions Supervisors), nel corso di questi ultimi anni, si è avvalso di strumenti per la stima dell’impatto quantitativo che avrà Solvency II sulle imprese di assicurazione, i cosiddetti QIS (Quantitative Impact Studies), dei quali è prevista una nuova versione (QIS5) nell’agosto 2010. Il lavoro si sofferma anche sull’applicazione pratica del modello interno, che nasce come strumento alternativo/integrativo della formula standard, per finire con l’analisi della valutazione delle polizze Profit-Sharing e con il confronto tra lo Swiss Solvency Test e Solvency II in materia di “insurance risk”.

Mostra/Nascondi contenuto.
SUNTO Questa tesi di Laurea Specialistica nasce con la volontà di illustrare i motivi della necessaria riforma sul regime prudenziale, comprensiva dei requisiti patrimoniali delle imprese di assicurazione, denominata Solvency II. Nel lavoro sono definiti la struttura ed i principî, nonché le principali caratteristiche, della Direttiva Quadro, approvata nella seduta del 22 Aprile 2009. Viene illustrata l’impostazione a tre pilastri attraverso la quale si snoda il sistema prudenziale che dovrà essere maggiormente orientato ai rischi effettivi e, al contempo, più flessibile. Il CEIOPS (Committee of European Insurance and Occupational Pensions Supervisors), nel corso di questi ultimi anni, si è avvalso di strumenti per la stima dell’impatto quantitativo che avrà Solvency II sulle imprese di assicurazione, i cosiddetti QIS (Quantitative Impact Studies), dei quali è prevista una nuova versione (QIS5) nell’agosto 2010. Il lavoro si sofferma anche sull’applicazione pratica del modello interno, che nasce come strumento alternativo/integrativo della formula standard, per finire con l’analisi della valutazione delle polizze Profit-Sharing e con il confronto tra lo Swiss Solvency Test e Solvency II in materia di “insurance risk”. ASBTRACT This thesis is born with the will to illustrate the reasons of the necessary reform of the prudential regime, comprehensive of capital requirement, called Solvency II. Principles, structure and the main characteristics of the Directive, adopted on April 22, 2009, are defined in this work that illustrate also the three pillar structure, throw which the prudential system have to be more oriented to the effective risks and, at the meantime, more flexible. CEIOPS (Committee of European Insurance and Occupational Pensions Supervisors) during this last years has been taken advantage of instruments for the valuation of the quantitative impact that Solvency II will have on the insurance companies, the so-called QIS (Quantitative Impact Studies), of which a new version (QIS5) is expected in August 2010. The work focuses also a practical application of the internal model in order to end with the analysis of Profit-Sharing policies and with the comparison between the Swiss Solvency Test and Solvency II in matter of “Insurance risk”. 3   

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Nicola Chiocchi Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4831 click dal 09/02/2010.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.