Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli impedimenti alla partenza nel trasporto terrestre di persone

Nella tesi ho analizzato dal punto di vista giuridico, la natura degli impedimenti alla partenza nel trasporto terrestre di persone, sia del vettore che del passeggero, individuando i possibili rimedi a tutela del passeggero anche alla luce della disciplina delle clausole vessatore e delle condizioni generali di trasporto

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI PERSONE 1. NOZIONE E CARATTERISTICHE La disciplina giuridica dell’attività di trasporto terrestre, in particolare di persone, fonda le proprie radici nell’antico modello romanistico della locatio-conductio. L’ampiezza della fattispecie, idonea a ricomprendere rapporti di varia natura 1 , era tale da permettere l’individuazione al suo interno di varie tipologie di locatio. Ricordiamo in particolare la tripartizione operata per merito della pandettistica, della locatio-conductio in locatio rei, operis e operarum. Tra le varie figure contrattuali riconducibili alla lacatio-conductio, quella che sembra più idonea alla configurabilità del trasporto di persone è senza dubbio la locatio navis. Trattasi di un contratto di utilizzazione della nave, caratterizzato dal fatto che chiunque volesse trasportare persone da un luogo ad un altro prendeva in locazione la singola nave o alcuni spazi di essa. Si fa riferimento alla sola nave quale mezzo di trasporto, data l’importanza economica del trasporto per mare; ma pur in assenza di fonti romanistiche si ritiene che sia una fattispecie adattabile anche al trasporto terrestre di persone. Ciò premesso, il contratto di trasporto in generale e quello di persone in particolare, hanno subito nel tempo una notevole evoluzione. Nel codice di commercio del 1865 il contratto di trasporto costituiva una sottospecie della famiglia della locatio operis, ma attualmente costituisce un contratto tipico 2 , espressamente disciplinato nell’attuale codice civile all’art.1678, in base al quale “il vettore si obbliga, verso corrispettivo, a trasferire persone o cose da un luogo ad un altro”. 1 S. BUSTI,Contratto di trasporto terrestre, in Trattato di diritto civile e commerciale, Giuffrè, Milano 2007, pp.1 ss. 2 Sulla tipicità del contratto di trasporto, v. A. ASQUINI, Del contratto di trasporto, in Il codice di commercio, commentato e coordinato da BOLAFFIO, ROCCO, VIVANTE, vol. VI, Torino, 1935, pag. 57.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Cinzia Spiga Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 649 click dal 09/02/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.