Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo degli incubatori di impresa nella nascita di una start up: il caso di Start Cube a Padova

La tesi in oggetto, dopo una introduzione teorica sul private equity analizza un caso pratico. L’individuazione del caso pratico è ricaduta su Start Cube di Padova in virtù di una precedente esperienza dello studente che l’aveva messo direttamente in contatto con tale incubatore. Infatti, nel 2006 lo studente aveva avuto modo di partecipare alla Business Plan Competition denominata Start Cup Veneto che viene organizzata dall’incubatore padovano in collaborazione con la Regione e le università del Veneto. I contatti precedentemente acquisiti insieme con le preziose informazioni ottenute dall’Industrial Liason Office dell’Università di Verona hanno permesso di svolgere con successo la ricerca oggetto della tesi.
L’obiettivo di questa tesi è quindi quello di conoscere in modo approfondito il ruolo che gli incubatori d’impresa svolgono nella nascita di imprese innovative, analizzando sia i pochi aspetti teorici che gli studiosi sono riusciti ad elaborare su queste nuove realtà, sia i dati che si possono ricavare da una esperienza empirica.
La tesi “Il ruolo degli incubatori nella nascita di una Start Up: Il caso di Start Cube a Padova” si sviluppa in tre capitoli che attraverso una articolata suddivisione in paragrafi cercano di spiegare cosa sono gli incubatori d’impresa, quali caratteristiche hanno gli incubatori di origine universitaria e come opera l’incubatore padovano divenuto oggetto di analisi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PRESENTAZIONE L’idea di sviluppare una tesi sugli incubatori d’impresa nasce da una precedente ambizione: quella di costituire una società insieme a un collega di studi. E’ attraverso la ricerca di quei soggetti che potessero aiutare nello sviluppo dell’idea imprenditoriale che il tesista ha avuto modo di conoscere l’esistenza degli enti che sono divenuti poi oggetto della tesi. E mentre lo studente si accorgeva che l’idea imprenditoriale presentava un’eccessiva complessità di realizzazione, nasceva l’interesse e la curiosità sull’origine e sull’operato degli enti di incubazione. In seguito si è deciso di effettuare una ricerca di tesi sul ruolo degli incubatori cercando anche di analizzare un caso pratico. L’individuazione del caso pratico è ricaduta su Start Cube di Padova in virtù di una precedente esperienza dello studente che l’aveva messo direttamente in contatto con tale incubatore. Infatti, nel 2006 lo studente aveva avuto modo di partecipare alla Business Plan Competition denominata Start Cup Veneto che viene organizzata dall’incubatore padovano in collaborazione con la Regione e le università del Veneto. I contatti precedentemente acquisiti insieme con le preziose informazioni ottenute dall’Industrial Liason Office dell’Università di Verona hanno permesso di svolgere con successo la ricerca oggetto della tesi. L’obiettivo di questa tesi è quindi quello di conoscere in modo approfondito il ruolo che gli incubatori d’impresa svolgono nella nascita di imprese innovative, analizzando sia i pochi aspetti teorici che gli studiosi sono riusciti ad elaborare su queste nuove realtà, sia i dati che si possono ricavare da una esperienza empirica. La tesi “Il ruolo degli incubatori nella nascita di una Start Up: Il caso di Start Cube a Padova” si sviluppa in tre capitoli che attraverso una articolata suddivisione in paragrafi cercano di spiegare cosa sono gli incubatori d’impresa, quali caratteristiche hanno gli incubatori di origine universitaria e come opera l’incubatore padovano divenuto oggetto di analisi. Dopo una breve delucidazione sugli operatori del private equity, il primo capitolo inizia con la spiegazione dei problemi e le difficoltà che debbono affrontare le imprese innovative nella fase di start up e che verrebbero risolti con facilità se ci fossero dei soggetti esterni che appoggiano le idee imprenditoriali più tecnologiche e quindi più rischiose. E’ infatti dai reali bisogni del mondo imprenditoriale e quindi del mercato che

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Furfari Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6728 click dal 15/02/2010.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.