Skip to content

Il trattamento dei marchi e brevetti nel bilancio IAS

Informazioni tesi

  Autore: Valentino Archinà
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Antonio Chirico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

L’ultimo decennio è stato protagonista di importanti mutamenti del contesto economico: dalle medio – grandi imprese si percepisce una crescente necessità di confronto in ambito internazionale, la presenza di un mercato sempre più globale e integrato. Da qui la necessità di armonizzare le norme contabili – con l’introduzione degli International Accounting Standars, il Regolamento comunitario n. 1606/2002 impone a tutte le società europee quotate nei mercati finanziari di redigere dall’esercizio 2005 i bilanci consolidati secondo i suddetti principi – al fine di garantire maggiore trasparenza per quanto concerne la circolazione delle informazioni e la comparabilità dei bilanci.
Tra le risorse immateriali presenti in azienda rientrano i marchi e brevetti (oggetto del nostro studio), nell’analisi dell’elaborato vedremo la rilevanza di tali risorse, all’interno dell’ambito dei nuovi paradigmi aziendali, nelle strategie di crescita e di consolidamento delle imprese che ambiscono a traguardi importanti come la creazione di valore e il vantaggio competitivo che tende a garantire al prodotto caratteri di univocità e differenziazione.
La prima parte del lavoro è incentrata sul contributo apportato dalla dottrina contabile italiana nel classificare e definire la categoria dei beni immateriali, ponendo l’accento sulla differenza che sussiste tra risorse immateriali – ove rientrano i marchi e brevetti – e risorse intangibili ed evidenziando i presupposti teorici per la loro individuazione attraverso delle classificazioni.
Alla luce di quanto detto si passa al trattamento dei marchi e brevetti nella prassi nazionale riportando alcuni esempi: vengono delineati i principali riferimenti normativi per quelle imprese cui non è prevista l’applicazione dei principi contabili internazionali, con riferimento al principio contabile nazionale n.24 fornito dall’ Organismo Italiano di Contabilità (OIC), che si occupa delle immobilizzazioni immateriali.
Successivamente viene illustrata l’evoluzione del quadro normativo a seguito dell’applicazione da parte dei gruppi d’impresa dei principi IAS/IFRS e, in particolar modo, focalizzando l’attenzione sullo IAS n.38 che si occupa delle attività immateriali. Sulla base degli standard setters internazionali, per rilevare in bilancio i marchi e brevetti, è necessario soddisfare la probabilità di afflusso all’impresa dei benefici economici futuri attesi dalle risorse stesse ed è inoltre necessaria la misura affidabile dei rispettivi costi. Il costo di una immobilizzazione deve poter essere definito con una certa attendibilità; il mancato soddisfacimento di tali condizioni comporta l’iscrizione dei relativi costi nel conto economico dell’esercizio.
Una volta definiti concettualmente gli aspetti che caratterizzano i marchi e brevetti, il cuore dell’analisi viene affrontato nella seconda ed ultima parte puramente dedicata allo studio di due casi relativi ai gruppi Recordati e Diasorin, che rispettivamente operano nel settore chimico – farmaceutico e nel settore della diagnostica in “vitro”. Viene identificata la presenza dei marchi e brevetti, nonché il loro peso sul patrimonio aziendale e le modalità adottate per la valorizzazione di essi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
19 I BREVETTI Il brevetto è uno strumento che permette al titolare dello stesso di tutelarsi dallo sfruttamento altrui delle idee che oltre ad aver pensato ha anche realizzato. Brevettando infatti una propria invenzione, l’inventore ottiene il diritto di escludere altri dall’utilizzo commerciale dello stesso. Il diritto di brevetto può riguardare invenzioni industriali, in particolare: un metodo o un processo di lavorazione industriale; una macchina, uno strumento, un utensile; un prodotto o un risultato industriale; l’applicazione tecnica di un principio scientifico, suscettibile di immediati risultati industriali. Per poter essere brevettata un’invenzione deve avere le seguenti caratteristiche: - industrialità, possibilità di essere prodotta a livello industriale, cioè a costi contenuti; - novità, l’invenzione non deve mai essere stata accessibile al pubblico prima del deposito; - originalità, l’invenzione, a giudizio di una persona esperta nel campo non deve risultare evidente dello stato della tecnica; - liceità. Il soggetto titolare del diritto di brevetto ha il diritto esclusivo di attuare l’invenzione - fabbricare il prodotto - o cedere a terzi il diritto. L’imprenditore trae profitto dallo sfruttamento del brevetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aggregazioni aziendali
armonizzazione
benefici economici futuri
brevetti
business combination
costo attendibile
diasorin
differenzazioni
farmaci innovativi
generati internamente
ias 38
immateriali
intangibles
licenze
marchi
metodologie
patrimonio aziendale
portafoglio brevettuale
processo di consolidamento
recordati
report
royalties
valutazioni successive
vita utile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi