Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli indirizzi del garante della privacy

Il primo capitolo della tesi si intitola le "autorità amministrative indipendenti". In questo capitolo troverete una definizione delle stesse, una disamina delle ragioni che hanno portato alla loro istituzione, una loro classificazione nonché l'analisi dei possibili motivi di illegittimità costituzionale dovuti alla loro attività.
Il secondo capitolo si intitola "la legge 31 dicembre 1996 N. 675". Questo capitolo è interamente dedicato ad una disamina della legge 675. Oltre ad una analisi dei precedenti della legge si tratta l'iter legislativo, gli scopi della legge, gli interessi protetti, la tecnica definitoria.
Il terzo capitolo si intitola "il Garante per la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali". In questo capitolo si parla diffusamente di questa nuova autorità e in particolare del procedimento di nomina, delle condizioni per l'esercizio del mandato e approfonditamente delle sue funzioni.
Il quarto capitolo si intitola "gli indirizzi emergenti dall'attività del garante della privacy: funzioni paranormative?". Questo capitolo apre una serie di problematiche circa il ruolo effettivo giocato dal garante nel nostro ordinamento. Ripercorre l'evoluzione della sua figura ponendo l'accento sull'accentuazione dei poteri di tipo normativo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I LE AUTORITÀ AMMINISTRATIVE INDIPENDENTI 1 – Le ragioni dell’istituzione di autorità indipendenti. Quali sono le ragioni che spiegano e giustificano il fenomeno della nascita e della evoluzione delle c.d. autorità indipendenti? Tutti gli autori che si sono occupati del tema non hanno potuto sottrarsi alla esigenza di dare una risposta, ancorché problematica, alla domanda essenziale del “perché” e del “come” della vicenda in esame. Filippo Longo, come del resto molti altri, ritiene che “il fenomeno della lenta creazione, della graduale evoluzione e, a questo punto, del prevedibile sviluppo delle autorità indipendenti non sia frutto di fattori o di scelte casuali”1. Il punto di partenza della attuale problematica sembra essere il dato storico-politico2. Le autorità indipendenti sono nate ad opera di una 1 F. Longo, Ragioni e modalità dell’istituzione delle autorità indipendenti, in I garanti delle regole, S. Cassese e C. Franchini, (a cura di), Bologna, 1996, 13 ss. 2 Vedi F. Bilancia, La crisi dell’ordinamento giuridico dello Stato rappresentativo, Padova, 2000, 90 ss.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonietta Di Loreto Contatta »

Composta da 280 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5350 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.