Skip to content

Architettura della funzione manipolazione: elementi predittivi, strategie e stile guidano lo sviluppo e offrono le basi all'approccio terapeutico

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Lombardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Fisioterapia
  Relatore: Isabella Mora
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

La conoscenza dello sviluppo neuromotorio del bambino sano rappresenta un patrimonio indispensabile nella formazione del fisioterapista; ci permette infatti di riconoscere le esigenze di tutti i bambini, sia sani che patologici e di arricchire la conoscenza di strategie utili per il raggiungimento delle funzioni adattive, così compromesse nei bambini con paralisi cerebrale infantile.
Considerare con attenzione i processi evolutivi dell’individuo sano ci permette anche di raggiungere la conoscenza degli strumenti necessari al fisioterapista per la realizzazione del trattamento riabilitativo. Questo lavoro ha come obiettivo la valutazione e l’osservazione della grande variabilità esistente all’interno della normalità, prendendo in considerazione le varie strategie e modalità adottate dai diversi bambini analizzati, nelle diverse età di sviluppo. L’obiettivo delle nostre osservazioni è stato quello di cogliere gli elementi significativi dello sviluppo motorio, in particolare analizzando lo sviluppo della manipolazione, in quanto una delle funzioni fondamentali nell’organizzazione neuromotoria del bambino nel primo anno di vita. Questa tesi ha lo scopo di dimostrare il modo in cui il SNC lavora nella costruzione della funzione.
Lo sviluppo della funzione parte infatti da una grande variabilità individuale di possibilità motorie per arrivare a selezionare la strategia più idonea all’attore, allo scopo e all’ambiente.
Questa ipotesi ci permetterà di dare una diversa impostazione all’approccio riabilitativo che dovrà essere in grado di fornire al bambino con PCI molteplici possibilità di movimento e di azione in modo che lui stesso possa selezionare la modalità a lui più idonea, efficace ed economica e che quindi rispetti l’organizzazione del suo SNC.
I quesiti e le considerazioni formulate sono state possibili grazie all’osservazione delle videoregistrazioni di 7 casi clinici, rappresentati da 5 bambine e 2 bambini scelti occasionalmente, per ognuno dei quali è stata compilata una tabella in cui sono descritte le caratteristiche più significative per ogni età presa in considerazione.
Lo strumento della videoregistrazione ci ha offerto la possibilità di catturare situazioni e immagini, di rivisitarle e di rielaborarle nonché di confrontarle sia in senso longitudinale, cioè nel singolo bambino, che nei diversi bambini.
L'osservazione ha confermato che alla stessa età cronologica è comune l'esigenza, ma la modalità per assolverla è individuale e peculiare di ogni bambino e spesso riconoscibile durante il suo sviluppo.
In specifico, per quel che riguarda l'evoluzione della manipolazione abbiamo individuato alcuni elementi a nostro parere molto significativi e sui quali è importante porre l'attenzione in quanto possono rappresentare implicazioni sul piano riabilitativo come ad esempio l’asimmetria, il ruolo della funzione visiva, la postura in relazione al gesto, la scelta del giocattolo e l’utilizzo di uno strumento, la differenziazione nell’utilizzo dei due arti, il processo di imitazione, lo stile di ogni bambino. La normalità quindi si può leggere in molti modi differenti. Questo lavoro ci ha dato l'opportunità di vederla e valutarla secondo la prospettiva dell'esigenza del bambino. E' infatti l'esigenza che accomuna il bambino sano a quello patologico e saperla leggere aiuta il fisioterapista a formulare proposte coerenti per quel bambino con quella data patologia in quel dato momento del suo sviluppo. Nel bambino sano è molto grande la variabilità delle combinazioni motorie, la ricchezza del repertorio e l'utilizzo delle risorse e saperle riconoscere aiuta a creare alternative utili nella patologia, permettendoci di avvicinarci a questa con una maggiore ricchezza di percorsi.
L'estrema variabilità dello sviluppo del bambino sano influenzata dalle caratteristiche genotipiche, fenotipiche ed ambientali non ci permette più di vedere lo sviluppo per tappe evolutive standardizzate ma come espressione dello scopo che il bambino vuole raggiungere. Questa evidenza ci costringe a valutare lo sviluppo neuromotorio del bambino patologico non più come sequenza temporale di atti motori rigidi e prefissati, ma bensì come l'espressione di esigenze che possono essere soddisfatte solo attraverso strade tracciate dalla patologia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La conoscenza dello sviluppo neuromotorio del bambino sano rappresenta un patrimonio indispensabile nella formazione del fisioterapista. L’osservazione della normalità dà infatti l’opportunità di conoscere come il bambino si sviluppa, cresce adattandosi all’ambiente, esprimendo le sue esigenze, trovando soluzioni idonee alle proprie necessità. Lo studio dello sviluppo neuromotorio permette a noi di riconoscere le esigenze di tutti i bambini, sia sani che patologici e di arricchire la conoscenza di strategie utili per il raggiungimento delle funzioni adattive, così compromesse nei bambini con paralisi cerebrale infantile. Considerare con attenzione i processi evolutivi dell’individuo sano ci permette anche di raggiungere la conoscenza degli strumenti necessari al fisioterapista per la realizzazione del trattamento riabilitativo. Questo lavoro ha come obiettivo la valutazione e l’osservazione della grande variabilità esistente all’interno della normalità, prendendo in considerazione le varie strategie e modalità adottate dai diversi bambini analizzati, nelle diverse età di sviluppo. Questo studio propone innanzitutto un’analisi qualitativa dello sviluppo che ci permette di porci in un atteggiamento di attenti osservatori per poi essere in grado di interpretarne i dati oggettivi .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

funzione
manipolazione
sviluppo neuromotrio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi