Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Psicopatologia del dolore cronico: studio caso-controllo

Aspetti psicopatologici del dolore cronico ed emozioni negative correlate al dolore cronico

Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - I INTRODUZIONE Il dolore è ancora oggi uno dei problemi di più difficile comprensione nonostante la sua universalità e l’importanza che da sempre la comunità scientifica gli riconosce. La duplice natura del dolore è infatti responsabile di alcune difficoltà che si incontrano nel comprenderlo. Relativamente facile da capire è la “sensazione dolorosa”, cioè il fatto che il dolore sia evocato da particolari stimoli e sia trasmesso attraverso certe vie nervose. Molto più complesso è analizzare la sua caratteristica di “stato mentale” intimamente legato alla sfera emotiva, di angoscia, o di sofferenza, una “passione intima” per usare le parole di Aristotele che, sfugge ai tentativi di definizione e di quantificazione (Ropper e Brown, 2005). Una maggiore e crescente attenzione rispetto ai decenni passati è stata infatti proprio rivolta nei confronti delle componenti emotive del dolore. L’importanza dell’ emozione è tale da essere stata incorporata nella definizione di dolore formulata dall’ Associazione Internazionale di Studio del Dolore in cui il dolore viene definito come un’esperienza sensoriale ed emotiva (IASP, 1979). E’ certamente vero che la componente sensoriale, la cosiddetta dimensione fisiologica- discriminativa del dolore è fondamentale e consente, fra l’altro, di attribuirgli un particolare valore biologico in quanto segnale di danno e pericolo per l’integrità dell’organismo; è anche vero che, almeno in linea generale, il segnale viene registrato secondo un’intensità proporzionale allo stimolo applicato, tuttavia il “fenomeno” dolore non può essere così semplificato. È esperienza comune, infatti, che stimoli dolorosi della stessa intensità, lesioni di pari entità possono avere un riscontro molto diverso in relazione al soggetto che li subisce ed anche, nello stesso individuo, in momenti e situazioni differenti. Come sottolineato da

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Rosalia Costa Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2153 click dal 02/03/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.