Skip to content

Crisi finanziaria. Dalla genesi alle opportunità di riforma.

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Vettori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Statistiche
  Corso: Economia, statistica e informatica per l'azienda
  Relatore: Efrem Castelnuovo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

La crisi, una nube nera e minacciosa, generata nell’estate del 2007 negli Stati Uniti, esplosa nell’autunno 2008 e giunta in breve tempo a dimensioni globali, si è ora posata sopra le nostre teste e colpisce ogni settore: economico, finanziario e sociale.
E’ stata definita con le parole storm, distress, collapse, turmoil, crunch, ma l’esempio più positivo di intendere la crisi ci viene da un famoso aforisma di John F. Kennedy: "scritto in cinese, la parola crisi è composta da due caratteri, uno che significa pericolo e l’altro che significa opportunità".
Per quanto l’affermazione non sia etimologicamente corretta , questo aforisma è adeguato a descrivere l’essenza di una crisi. Essa racchiude in sé, sia un lato negativo, rappresentato dall’alterazione consistente dello status quo, che un aspetto positivo, vitale e di crescita: la scelta, ossia la messa a fuoco del problema e la valutazione delle possibili soluzioni.
La crisi, dunque, non deve essere vissuta come un evento totalmente negativo, bensì come un momento di transizione che può trasformarsi in opportunità.
Questo è il concetto di fondo che accompagna questo studio.
Lo scopo di questa tesi è di riportare le origini e le cause scatenanti della crisi, delineare le strategie attuate per combatterla e cogliere le opportunità di cambiamento offerte dalle condizioni finanziarie internazionali che il periodo di crisi ha prodotto.
Nel primo capitolo viene delineato il quadro macroeconomico generale alla base della crisi: uno scenario apparentemente favorevole, ma minato in profondità. Inoltre viene analizzata la nuova tipologia di finanza, la regolamentazione dei mercati, le tecniche e gli strumenti finanziari coinvolti nelle pericolose operazioni poste in essere dalle banche statunitensi.
Il secondo capitolo affronta gli eventi che hanno caratterizzato la crisi, dalla politica economica adottata da George W. Bush, 43° presidente degli Stati Uniti d’America, allo scoppio della bolla immobiliare. La trattazione prosegue analizzando gli effetti della crisi dei mutui americani sulle economie internazionali, i pericoli generati per l’economia reale e i piani d’intervento adottati per arginare gli effetti della crisi.
Nel terzo e ultimo capitolo l’attenzione si sposta sulle opportunità di riforma che l’analisi della crisi ha prodotto, sia a livello globale che europeo. Viene infine proposta una riflessione sulle lezioni giuste e su quelle sbagliate che a posteriori si possono trarre dall’esperienza della crisi, con una critica particolare al modo errato di intendere la cultura del debito.
Molte delle dinamiche trattate sono corredate da rappresentazioni grafiche che contribuiscono a focalizzare meglio gli argomenti e aiutano a rappresentarli in una visione più ampia.
La crisi finanziaria è stata approfondita nella convinzione che uno degli aspetti fondamentali dello studio economico sia quello di comprendere gli eventi che avvengono nel presente, per essere in grado di affrontare le dinamiche che si possono presentare nel futuro.
Non vi è alcuna intenzione di demonizzare la finanza, ma è importante che essa recuperi la sua funzione corretta, non di generare soldi facili, ma di attività atta al reperimento dei mezzi necessari all’esercizio delle attività economiche, che operi con meno debito, in un mercato dove la trasparenza consenta una migliore gestione dei rischi, dove la sorveglianza sia efficace, efficiente e tempestiva.
Non si vuole neppure mettere in discussione il meccanismo di debito\credito che è uno strumento finanziario di grande efficacia. Vogliamo solamente segnalare la mentalità errata che pervade i nostri tempi, che ha portato a frammentare il legame tra reddito e debito e tra economia reale e finanza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE è ora posata sopra le nostre teste e colpisce ogni settore: economico, finanziario e sociale. storm, distress, collapse, turmoil, crunch, positivo di intendere la crisi ci viene da un famoso aforisma di John F. Kennedy: significa opportunità. 1 , questo aforisma è adeguato a descrivere status quo, che un aspetto positivo, vitale e di crescita: la scelta, ossia la messa a fuoco del problema e la valutazione delle possibili soluzioni. La crisi, dunque, non deve essere vissuta come un evento totalmente negativo, bensì come un momento di transizione che può trasformarsi in opportunità. Questo è il concetto di fondo che accompagna questo studio. Lo scopo di questa tesi è di riportare le origini e le cause scatenanti della crisi, delineare le strategie attuate per combatterla e cogliere le opportunità di cambiamento offerte dalle condizioni finanziarie internazionali che il periodo di crisi ha prodotto. Nel primo capitolo viene delineato il quadro macroeconomico generale alla base della crisi: uno scenario apparentemente favorevole, ma minato in profondità. Inoltre viene analizzata la nuova tipologia di finanza, la regolamentazione dei mercati, le tecniche e gli strumenti finanziari coinvolti nelle pericolose operazioni poste in essere dalle banche statunitensi. 1 La parola crisi è rappresentata in cinese da due ideogrammi () -dove assume la http://it.wikipedia.org 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi