Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La petite pantoufle de verre. Problemi linguistici nei 'Contes' di Charles Perrault

Il presente lavoro si propone di effettuare un’analisi linguistico-stilistica dei Contes di Charles Perrault, al fine di mettere in evidenza il rispetto o l’infrazione delle norme secentesche. Si è tenuto presente che Perrault ha composto racconti sia in prosa (la raccolta Histoires ou Contes du temps passè) sia in versi, e che dunque ha dovuto rispettare le diverse esigenze di tali produzioni; così si è trattato in maniera distinta le due categorie, usando diversi criteri di analisi. Per i racconti in prosa si sono valutate, tra le altre, le caratteristiche sintattiche ed il rispetto per la natura orale dei racconti, elementi molto più elastici nella produzione poetica per le particolari esigenze della versificazione; al contrario, i racconti in versi sono stati oggetto di analisi delle tecniche retoriche caratteristiche dello stile prezioso, che vanno da accumulatio a iperboli, paragoni, perifrasi e metafore. Si è considerato infine il complesso dei racconti di Perrault per alcune osservazioni di carattere soprattutto lessicale.
Si è ritenuto opportuno presentare in breve le questioni che hanno caratterizzato lo studio dell’evoluzione del racconto; inoltre, si è voluto illustrare l’analisi morfologica di Propp, fornendo una sua applicazione ai racconti di Perrault, al fine di dimostrare l’universalità del genere e degli studi che lo accompagnano.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE I Cenni preliminari Il presente lavoro si propone di effettuare un’analisi linguistico-stilistica dei Contes di Charles Perrault, al fine di mettere in evidenza il rispetto o l’infrazione delle norme secentesche. Ho ritenuto innanzitutto di dare alcuni cenni sulla lingua francese del XVII secolo, sia considerando le opere dei maggiori teorici e grammatici, sia presentandone alcune tra le principali caratteristiche. Ho inoltre messo in evidenza la lenta imposizione del francese come lingua nazionale. Ho tenuto presente che Perrault ha composto racconti sia in prosa (la raccolta Histoires ou Contes du temps passé) sia in versi, e che dunque ha dovuto rispettare le diverse esigenze di tali produzioni; così ho trattato in maniera distinta le due categorie, usando diversi criteri di analisi. Per i racconti in prosa ho valutato, tra le altre, le caratteristiche sintattiche ed il rispetto per la natura orale dei racconti, elementi molto più elastici nella produzione poetica per le particolari esigenze della versificazione; al contrario, i racconti in versi sono stati oggetto di analisi delle tecniche retoriche caratteristiche dello stile prezioso, che vanno da accumulatio a iperboli, paragoni, perifrasi e metafore.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Lucia Ricciardi Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2752 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.