Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Incommensurabilità e razionalità scientifica

Si discute di due temi importanti della filosofia della scienza: la tesi dell'incommensurabilità e la razionalità, attuando un confronto tra alcuni importanti filosofi della scienza dal periodo degli anni 60 fino ad oggi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro si occupa, come già la mia tesi di laurea triennale, di due temi fondamentali e forse imprescindibili nella filosofia della scienza: il problema dell’incommensurabilità e la giustificazione razionale del progresso scientifico. A differenza del precedente lavoro, dove mi ero concentrato soprattutto sul crollo del monismo metodologico e sulle conseguenze che ne derivarono, preferisco dare per scontate le critiche all’interpretazione neopositivistica e popperiana della scienza, focalizzando l’attenzione sui cardini dell’epistemologia ipercritisita per vedere fino a che punto l’interpretazione della scienza data dalla cosiddetta “nuova filosofia della scienza” sia ben fondata. Sono usciti diversi volumi dalla metà degli anni ottanta ai giorni nostri incentrati sul problema della razionalità o irrazionalità del progresso scientifico, da parte di autori come Brown, Shapere, Laudan, Pera e, più recentemente, Sankey, Forster, Nola e Giere. Ciò che mi ha interessato e motivato nella stesura di questo lavoro è stata la difficoltà da parte di questi autori, di uscire indenni dal problema dell’incommensurabilià, affrontato da ognuno in modo diverso e con esiti non sempre soddisfacenti. Per questo ho cercato di esporre le posizioni più interessanti al riguardo, soprattutto quelle di Pera, Laudan, Shapere e Forster, mostrandone i pregi e i limiti e cercando soprattutto di coniugare vari spunti per trarne una visione unica. Se nei primi cinque capitoli tratterò soprattutto di questi autori, rimarcando la loro posizione nei confronti del tema in questione, nel sesto e settiamo tenterò di formulare un giudizio personale sui problemi della razionalità, del progresso scientifico e del rapporto tra le teorie e la verità. Questi temi sono tutti strettamente collegati all’incommensurabilità, la cui soluzione almeno parziale è condizione necessaria per la loro trattazione. Nell’ 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Filippo Bodini Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 495 click dal 05/03/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.